LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tutti i colori di Firenze
Enrico Nistri
Corriere Fiorentino 12/9/2018

Due facciate di piazza Mentana

Le perplessità dei residenti dinanzi alla prospettiva di una ripavimentazione di piazza dellIndipendenza con sabbia lavata di colore rossiccio sollevano un ricorrente interrogativo: qual è il vero colore di Firenze?
Allapparenza, la risposta è scontata: il grigio. Come ogni città con radici nel passato, anche la nostra si è nutrita del territorio circostante, si è coperta delle sue pietre, vestita dei suoi colori. È stata larenaria delle cave di Boboli, di Monteripaldi, di Maiano la materia prima con cui sono state lastricate le strade e costruiti palazzi, ponti, chiese. I colori fondanti della città sono il ceruleo tendente al grigio azzurrino della pietra serena, il marroncino della pietra bigia, il colore alquanto gialliccio, con alcune vene di bianco sottilissime, che le danno grandissima grazia, caratteristico (Vasari dixit) della pietra forte.

Ma siamo sicuri che il cromatismo di Firenze si risolva in unalternanza fra laustero bugnato delle facciate rinascimentali e le morbide nuances della pietra serena? La questione si ripropone periodicamente. Lultima occasione è coincisa con la proposta, avanzata nel 2012 dallallora sindaco Renzi, di ripavimentare in cotto piazza della Signoria, restituendole i colori anteriori alletà lorenese. La proposta non ebbe seguito, come non lavevano avuto analoghe ipotesi avanzate sul cadere degli anni 80, ma sollevò un dibattito in cui Antonio Natali, intervistato da Repubblica , rilasciò una dichiarazione emblematica: Firenze ha paura dei colori. Tende al chiaro, per scelta. È da anni che insisto su una rivoluzione cromatica della città. Una rivoluzione, o meglio una lenta evoluzione, che in realtà nel corso dei secoli cera già stata.

Nel 2008, quattro anni prima della sortita di Renzi, era uscito lo studio intitolato Firenze in colore, condotto dal Dires della facoltà di Architettura. Emergeva un dato: nel corso dei secoli il centro aveva conosciuto profondi mutamenti cromatici. Gli interni dei palazzi rinascimentali svelavano affreschi e colori più caldi, spesso le decorazioni erano anche fuori. Un caso tipico: la facciata del palazzo degli Antellesi in Santa Croce. E se in età lorenese erano prevalsi intonaci verdi/azzurri, in seguito sarebbero prevalse tinte sul giallo che imitavano la pietra forte. Anche Lungarni e dintorni smentiscono il luogo comune di una città monocromatica, con le facciate colorate in piazza Mentana e in tanti edifici sul fiume o il rosso di palazzo Serristori, via dei Renai, che pare aver ispirato il rosso pompeiano di un condominio anni 40 di via Masaccio. Un discorso a parte, naturalmente, merita larchitettura Liberty, pur rara in città, anche per gli scempi della speculazione edilizia. Le creazioni di Michelacci e le mattonelle della manifattura Chini aggiungono colore a quartieri neomedievali, con il villino Galeotti Flori di via XX Settembre, o neo rinascimentali, col villino Ciuti di via dei della Robbia.

Certo, si tratta di presenze marginali, in una città in cui tranne rare eccezioni la stessa edilizia littoria ha contenuto lutilizzazione del marmo a edifici periferici, come la Manifattura Tabacchi, la Scuola di Guerra Aerea o il cinema Vittoria. Ma non per questo si può parlare di Firenze come di una città monocroma: in centro come in periferia i suoi colori non si limitano a cinquanta sfumature di grigio.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news