LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Porta Dipinta, parcheggio con area archeologica
Silvia Seminati
Corriere della Sera - Bergamo 11/9/2018

Ci sono voluti 13 anni per arrivare a un progetto che mettesse daccordo la Soprintendenza, il privato e il Comune di Bergamo. Ora la costruzione del parcheggio interrato di via Porta Dipinta, in Città Alta, può iniziare, dopo un elenco infinito di atti, richieste e permessi bocciati. I primi scavi avevano da subito rilevato la presenza di numerosi reperti archeologici: anche per questo ci sono voluti anni per ottenere il via libera (preliminare) della Soprintendenza, arrivato il 2 agosto. Nelle prossime settimane gli architetti dello studio Balbo elaboreranno il progetto. Lamministrazione conta di riuscire a portare in consiglio comunale in autunno la convenzione del parcheggio, per arrivare tra gennaio e febbraio al permesso di costruire. I lavori dovrebbero durare un anno: si ipotizza che il parcheggio pertinenziale, con 51 posti auto e previsto nel Piano particolareggiato di Città Alta potrebbe essere pronto nel 2020.

Abbiamo acquistato l'area il 31 ottobre 2005 dal conte Moroni, che allora era ancora in vita ricorda Matteo Maffeis , ma la strada si è presentata subito in salita, perché con lo scavo archeologico abbiamo trovato resti romani. Per anni il progetto è stato bocciato perché la proposta è stata valutata come troppo invasiva. Nel 2008 era prevista la realizzazione di 120 posti auto con un intervento di scavo a cielo aperto e con lingresso da viale delle Mura. Nel 2012 cera stata una seconda proposta che aveva ridotto i posti auto a 71 e previsto uno scavo da effettuare in galleria dal viale delle Mura, al di sotto dellarea archeologica. Il progetto ricorda lassessore Francesco Valesini aveva avuto il parere favorevole della commissione Paesaggio, ma poi era stato bocciato dalla Soprintendenza. Cera stato anche uno strascico legale: il ricorso è tuttora pendente al Consiglio di Stato. Con la nuova soluzione dice Valesini si evita di forare le Mura: questo era lelemento che aveva sempre portato al diniego della Soprintendenza. Da qui nasce la soluzione che risolve la questione, innanzitutto ridimensionando il numero di auto, portandolo a 51, e realizzando lingresso con un montauto meccanizzato a scomparsa, su una porzione molto ridotta di proprietà del Comune. Le auto entreranno e usciranno da lì. Come contropartita, lamministrazione si è resa disponibile a concedere la servitù perpetua di passaggio della sua area a fronte della cessione, da parte della proprietà, dellambito interessato dal ritrovamento dei reperti archeologici.

Sullarea sono state fatte analisi archeologiche e stratigrafiche, e ricerche storiche. Noi dice il sindaco Giorgio Gori abbiamo fatto del nostro meglio anche per andare incontro alle istanze del privato, però oggi abbiamo un risultato doppio, rendere fruibile unarea archeologica di pregio e realizzare una riduzione del posteggio su strada. Nellarea archeologica sono stati trovati manufatti romani a cui nel tempo è stato sovrapposto un tessuto edilizio e un palazzo nobiliare (palazzo Calepio, poi Bottaini). I reperti trovati dice Francesco Macario, consulente del progetto sono molto interessanti. Sono state recuperate tombe longobarde e di altra epoca, e sarebbe utile valutare con la Soprintendenza la possibilità di valorizzare, nellarea in cui sono state trovate, queste presenze archeologiche, e anche la lapide di Porta Dipinta. Ci sono pure due cisterne romane e le costruzioni di alcuni muri medievali, e poi le cantine che inglobano allinterno delle murature costruzioni precedenti, anche molto antiche. È previsto anche il restauro di alcuni ambienti sotterranei, che potrebbero essere trasformati in unenoteca letteraria e spazi per le degustazioni. I visitatori scenderanno tramite una scalinata e potranno osservare gli scavi anche attraverso una vetrata. La copertura di queste aree dice Francesca Balbo dello studio Balbo sarà ripristinata a verde e verrà mantenuto inalterato lo stato dei luoghi. Ogni scelta progettuale è stata valutata attentamente per ridurre limpatto visivo e strutturale sullambiente.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news