LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brera. Caravaggio prestato a Parigi. Ecco Rembrandt
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 15/9/2018

La cena in Emmaus di Caravaggio sta per partire per la Francia e poi per il Giappone. Ma, in cambio, dal Musée Jacquemart André arriverà alla Pinacoteca di Brera la Cena in Emmaus del giovane Rembrandt. E in febbraio, al ritorno del Caravaggio, spiega il direttore James Bradburne, le due opere saranno esposte a Milano, fianco a fianco in un inedito Dialogo.

Erano passati solo pochi mesi dal suo insediamento alla direzione della Pinacoteca di Brera quando, nel novembre 2015, James Bradburne si trovò a organizzare due giorni di ingresso gratuito per permettere ai milanesi di salutare una delle opere più celebri del museo: La cena in Emmaus di Caravaggio in partenza per un tour di oltre sette mesi fra Francia e Tokyo autorizzato dalla direzione precedente. Non succederà più, aveva promesso Bradburne.

E invece, ieri mattina, lopera è stata nuovamente impacchettata e spedita alla volta di Parigi dove, a bordo di un camioncino bianco, è arrivata in serata. Destinazione la casa museo Musée Jacquemart André che è riuscita a farsi prestare dallItalia un totale di ben sei Caravaggio (ma il Louvre, che ne possiede tre, non ha concesso i suoi, considerati inamovibili) per la mostra che inaugurerà il 21 settembre dal titolo Caravaggio a Roma. Amici e nemici. Più o meno lo stesso titolo di Caravaggio e il suo tempo: amici, rivali, nemici di quella di Tokyo, che suscitò tanto sdegno. Probabilmente a causa di questi precedenti ieri Bradburne (che dopo la riforma Franceschini non ha più bisogno del consenso di Roma per fare i prestiti) ha voluto spiegare di persona perché il Caravaggio ripartiva dopo soli due anni dal suo rientro, nel giugno 2016.

Nella Pinacoteca ci sono quadri classificati come inamovibili per la loro fragilità come Raffaello e Piero della Francesca. Poi cè la lista dei quadri identitari di cui fa parte il Caravaggio che fu acquistato dagli amici di Brera. Se questi possono viaggiare o no lo decide il capo restauratore Andrea Carini. Io non prenderò mai una decisione contraria al suo parere, ha specificato Bradburne per assicurare che la tutela delle opere è la sua priorità. Dopo lok del restauratore faccio due considerazioni: la prima riguarda la motivazione della richiesta di prestito. Se è per una mostra blockbuster, senza valore scientifico, la mi risposta è no. In seconda battuta considero che cosa posso avere in cambio: in questo caso il progetto scientifico dellesposizione del museo Jacquemart André è di qualità e in cambio riceveremo la Cena in Emmaus del giovane Rembrandt, influenzato dal caravaggismo. Il quadro parigino resterà qui a Milano tre settimane dopo il ritorno del nostro Caravaggio e a febbraio le due opere saranno esposte fianco a fianco in un inedito Dialogo.

Ieri mattina alle 8, a museo ancora chiuso, è stato celebrato il rito del trasferimento dentro la cassa equipaggiata con uno strumento che acquisisce i dati su eventuali urti e sui valori termo-idrometrici. La tela è stata smontata dalla ingombrante cornice dorata e intagliata con cui è esposta, sostituita da una più semplice, perfettamente aderente grazie a un materiale ammortizzante. La cena in Emmaus ha infatti la sua personale cornice da viaggio che viene conservata in deposito e utilizzata proprio per gli spostamenti.

Intanto, mentre nelle sale espositive si movimentavano i quadri, nellala dingresso procedevano i lavori per lallestimento della nuova caffetteria Fernanda (in omaggio alla leggendaria ex direttrice Fernanda Wittgens) la cui apertura è fissata per il 4 ottobre. Con ingresso gratuito fino alle 22.15, lo stesso giorno verranno svelate anche le ultime due sale dedicate allOttocento, a conclusione dellintero riallestimento, durato tre anni, con nuove luci, colori alle pareti e didascalie, che ha ormai conferito a Brera unatmosfera british, sul modello della National Gallery di Londra, per intenderci.

Ultima novità: lemissione di un francobollo che riproduce il Cristo alla colonna del Bramante. Venerdì prossimo, dalle 12 alle 18, nel cortile di Brera sarà allestito uno speciale servizio di annullo da parte di Poste Italiane. Per quanto riguarda invece la mostra di apertura di Palazzo Citterio, Brera ascolta con cui dovrebbe iniziare la storia della Grande Brera, rimane fissata la data del 22 novembre ma il direttore si riserva di confermarla nelle prossime settimane perché i collaudi tecnici del Palazzo sono ancora in corso e, come si sa, possono ovviamente sempre riservare sorprese.



news

16-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news