LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA - Una domenica per musei in Strada Nuova
di GIANLUCA DURNO
16 settembre 2018 LA REPUBBLICA


Basta mettere un piede nella sala per rimanere affascinati e tornare indietro nel tempo: in fondo alla stanza, custodito in una teca, cè il cannone, il violino di Niccolò Paganini. Un dono del musicista genovese che, per testamento, volle destinare alla sua città il suo strumento prediletto così che fosse perpetuamente conservato. Il violino è solo uno dei tesori allinterno del polo museale di Strada Nuova, lattuale via Garibaldi, la via rinascimentale e barocca dichiarata patrimonio dellUmanità Unesco. Per far scoprire ai genovesi il patrimonio culturale della città, i musei di palazzo Rosso, palazzo Bianco e palazzo Tursi sono aperti gratuitamente ai residenti tutte le domeniche. Un modo per avvicinare i cittadini allarte e alla cultura locale che sta avendo un ottimo riscontro. I musei statali genovesi, solo negli ultimi tre anni, hanno raddoppiato i visitatori toccando quota 205mila nel 2017, con una crescita del 91 per cento. E anche gli incassi hanno registrato un picco: nel triennio 2013-2016 cè stato un incremento del 239 per cento. Un periodo felice per i musei della Superba che sembra scontato alla luce delle bellezze contenute nelle loro sale. Passeggiare lungo via Garibaldi e ammirare la bellezza delle facciate degli edifici storici è solo il preludio a quanto si possa trovare allinterno delle gallerie. A Palazzo Bianco si può trovare unimportante raccolta di pittura che va dal XVI al XVIII secolo: accanto a capolavori di artisti italiani come lEcce homo di Caravaggio, ci sono le tele di pittori fiamminghi come Hans Memling, Rubens e Van Dyck, ma anche opere di olandesi, francesi e spagnoli e una ricca collezione di pittura genovese datata tra il Cinquecento e il Settecento. Tra i quadri più amati dal pubblico cè la Madonna della Candela del genovese Cambiaso o la tela Intrattenimento in un giardino di Albaro del ligure Alessandro Magnasco. Continuando il tour nel polo museale di Strada Nuova si arriva a Palazzo Rosso. Ledificio, costruito dallarchitetto Pietro Antonio Corradi tra il 1671 e il 1677, è stato dimora della famiglia Brignole Sale; con i suoi pavimenti a mosaico e le sue collezioni di quadri, riuscì a stupire anche lo scrittore francese Gustave Flaubert, come si legge nelle Notes de voyages del 1845. I turisti affollano le sale di Palazzo Rosso camminando con il naso rivolo allinsù: gli affreschi di Gregorio De Ferrari, Govanni Andrea Carlone e Domenico Piola ornano le volte e i soffitti, così come fanno, sulle pareti, i quadri di Dürer, Veronese, Guercino, Strozzi, Grechetto e Van Dyck.
Lultimo, ma non per importanza, è Palazzo Tursi. Ledificio è il custode di una delle maggiori attrattive genovesi: il violino di Niccolò Paganini. Allinterno del palazzo cè una sala interamente dedicata al musicista. Il pezzo forte della collezione è il violino Paganini: un pezzo unico, rimasto intatto nelle sue parti principali. La vernice è ancora quella originale tanto che, nella parte terminale della tavola armonica, reca il segno delluso da parte di Paganini. Oltre al cannone, nel corso degli anni la collezione è stata ampliata con diversi cimeli appartenenti allartista: si va dalla copia manoscritta dello spartito della Carmagnola fino al ritratto del musicista realizzato da Paul de Pommeyrac.
Lofferta del polo museale di Strada Nuova non si esaurisce qui.
Tra le iniziative di maggior rilievo ci sono un ciclo di conferenze e una mostra, entrambe di grande interesse. La prima è Orientalismi. Il fascino dellOriente tra XVI e XVIII secolo che si concluderà il 18 ottobre. Il filo conduttore è il dialogo tra due mondi lontani come quello occidentale e quello orientale: un percorso a tappe, dalle moresche alle cineserie, dai fiori indiani ai bizarre, che conduce il pubblico a riscoprire aspetti inediti della produzione artistica europea e dellopera di grandi maestri occidentali. Un modo per svelare e cercare di capire luci e ombre di un dialogo interculturale che dura ininterrottamente da secoli. Si chiama Mecenati di ieri e di oggi invece la mostra che rimarrà a disposizione del pubblico a Palazzo Bianco fino al 28 ottobre.
Curata da Raffaella Besta presenta al pubblico una serie di dipinti di grande interesse, parte dei quali mai esposti in precedenza, restaurati negli ultimi anni grazie a sponsorizzazioni di privati e alla collaborazione con importanti istituzioni museali nazionali e internazionali. Tra le opere di maggior rilievo cè di sicuro linedita tavola, realizzata da Lorenzo De Ferrari, intitolata Alessandro Magno scioglie il nodo gordiano, alla quale si affiancano quadri e tele di scuola fiamminga e italiana del Cinquecento e dei maestri genovesi del primo Seicento e delletà barocca.
Liniziativa del Comune sta avendo molto successo spiega Enrica Perilio dei servizi museali del Polo I genovesi stessi forse non sono a conoscenza del patrimonio culturale che la città custodisce: aprire al pubblico la domenica è un modo per avvicinare le persone alle bellezze dei musei genovesi. Così come si riempiono le sale dei Palazzi, anche il bookshop del Polo riscuote grande successo: Stiamo lavorando per dare un servizio che sia originale e in linea con il concetto e la grafica dei Rolli.
Le domeniche gratis per i residenti non si limitano solo ai Palazzi di Strada Nuova.
Alliniziativa partecipano anche il museo civico di Storia naturale, con la sua grande collezione ornitologica e di mammiferi oltre alla sala paleontologica; il museo della Commenda, quello di Archeologia ligure di Villa Durazzo Pallavicini con le sue sepolture paleolitiche dalla grotta della Arene Candide e i corredi della necropoli preromana di Genova.



news

20-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news