LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il manifesto di Vasari
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 18/9/2018

È un mondo questa piccola grande sala che andremo a visitare tra settembre e ottobre tutti i giovedì pomeriggio. È un mondo che a interrogarlo dice tanto di Giorgio Vasari che la elesse a sua dimora dal 1557 fino alla sua morte, nel 1574, e del dibattito sullarte che infervorava gli animi quando dal Rinascimento si scivolava nel Manierismo.

Vasari arrivò nel palazzo di Borgo Santa Croce 8 a 46 anni. Era già artista di corte, aveva già girato lItalia con lunghe soste a Roma, aveva già pubblicato le due edizioni delle Vite de più eccellenti pittori, scultori e architettori. Il 30 maggio del 1557, come testimonia una lettera di ringraziamento che scrisse al duca Cosimo I, prese possesso della dimora dopo aver soggiornato, sempre a Firenze, in via Larga e vicino Ponte Vecchio. E in un primo momento questa abitazione che consisteva in tutto il palazzo oggi sopravvive come un tempo solo la sala grande la occupava pagando una pigione al suo mecenate. Arrivò in Borgo Santa Croce che lavorava già alla ristrutturazione di Palazzo Vecchio. Ma fu prima di mettere mano al grande cantiere degli Uffizi (1560) e al celebre suo Corridoio (1565), però, che chiese e ottenne di essere esonerato dallaffitto in conto per le opere mie. Il 20 giugno del 1561, dopo varie sollecitazioni, la dimora sarebbe diventata di proprietà dellartista per privilegio ducale. Il palazzo ha avuto vari passaggi di proprietà: oggi la sola sala grande, quella che vedremo nel corso di questi sei incontri con il CorriereFiorentino, resta come spazio museale, anche se è di proprietà di privati e la gestione del museo Horne consente di visitarla solo su prenotazione. Il resto del palazzo è abitato da privati cittadini. Di quello che doveva essere il suo aspetto originale quanto a decorazioni cè solo una traccia anche nella corte dove, alla sommità di un portone che dava accesso alla bottega dove Vasari lavorava con i suoi allievi, si intravede una decorazione con lo stemma mediceo e due figure allegoriche.

Oltre quel portone, per dire, sono stati eseguiti, la maggior parte dei dipinti su tavola per il soffitto del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. La sala grande si trova al piano nobile ed è affrescata nella sua interezza. Con un impianto narrativo coerente alla cui base sta lo stesso concetto che ritroviamo esposto nelle Vite laddove lartista scriveva il disegno, padre delle tre arti nostre, architettura, scultura e pittura, procedendo dallintelletto, cava di molte cose un giudizio universale. La centralità del disegno dunque viene raffigurata attraverso la rievocazione di figure di artisti dellantichità secondo delle indicazioni che a Vasari giungevano da Vincenzo Borghini: spedalingo agli Innocenti e luogotenente allAccademia del disegno fu lui, il censore del Decameron di Boccaccio che, traendo spunto dalla NaturalisHistoria di Plinio il Vecchio e dalle storie di Erodoto ispirò Vasari. In un ipotetico giro in senso orario, entrando sulla sinistra, accanto al camino, ecco lincipit di questo manifesto per immagini: viene raffigurata la scoperta del disegno con un giovane pittore intento a riprodurre la sua sagoma usando lombra del suo corpo prodotta da un lume che si è acceso alle spalle. A sinistra lallegoria della scultura, a destra quella della scrittura. Sopra il camino il volto dello stesso Vasari circondato dagli stemmi suo e della moglie, Niccolosa de Bacci. Ancora più in alto una cornice che di fatto sarà riprodotta identica in tutte le quattro pareti dove il padrone di casa ha raffigurato i volti degli artisti al centro dei quali lui stesso idealmente si pone (da sinistra appaiono Perin del Vaga, Giulio Romano, Rosso Fiorentino, Francesco Salviati). A seguire, la parete che si affaccia su Borgo Santa Croce, ha un intento solo decorativo. Due erme alate sorreggono il cornicione dove troviamo i volti di Cimabue, Giotto e Masaccio. Nella parete successiva quattro pannelli: alle due estremità le allegorie di architettura e pittura; al centro la storia di Zeusi e delle cinque fanciulle più belle di Agrigento e cioè di quel pittore che, dovendo decorare il tempio dedicato a Giunone, per dare vita a una figura di donna perfetta, aveva riprodotto le caratteristiche migliori delle cinque più belle fanciulle della città (ritratte in uno dei due pannelli centrali) sintetizzandole in una sola (nellaltro pannello). Gli artisti in alto sono Raffello, Michelangelo, Leonardo, Andrea del Sarto. Infine la parete su cui insiste lingresso. Accanto allallegoria della musica e sotto lo stemma mediceo, il volto di Donatello (sx) e quello di Brunelleschi (dx), ecco la storia di Apelle e il calzolaio, dove il pittore di Coo, curioso di sapere cosa il popolo minuto pensasse delle sue opere, si nasconde dietro a un suo dipinto. Qui ascoltato il commento di un calzolaio che contesta la fattura di un calzare è pronto a intervenire sullopera. Salvo stoppare il suo detrattore quando questi prova a mettere in discussione altre parti dellopera. Ne consegue che ne sutor ultra crepidam, ovvero un calzolaio non può giudicare oltre i calzari.

INFO: Dal 20 settembre (la prima serata è sold out) e poi per altri 5 giovedì (27 settembre, 4,11,18 e 25 ottobre) apre Casa Museo Vasari in Borgo Santa Croce 8 Lattore Giovanni Pruneti leggerà le Vite riscritte per il Corriere Fiorentino da Enzo Fileno Carabba

Ingresso
per 25 persone a sera, obbligatoria la prenotazione: 055.217704 dal lunedì al venerdì (dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18)

https://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/arte_e_cultura/18_settembre_18/manifesto-vasari-7363d7d8-bb23-11e8-8076-144b6a59e054.shtml


news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news