LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caos da film, è lora delle scuse
Paolo Ermini
Il Corriere Fiorentino 18/9/2018

Gli avessero consegnato solo le chiavi della città sarebbe bastata unalzata di spalle per archiviare la questione. Le chiavi dovrebbero infatti essere un simbolo, il riconoscimento che il Comune concede a chi è entrato in qualche modo nella storia di Firenze e, forse, Palazzo Vecchio ha deciso un po troppo precipitosamente di consegnarle a Michael Bay. Il merito di Bay il regista del film Six underground, prodotto da Netflix, che dal 27 agosto si sta girando in città, tranne una sortita di tre giorni a Siena sarebbe quello di voler inserire nellopera 17 minuti di inseguimenti a rotta di collo, tamponamenti ed esplosioni, con la nostra città usata come quinta cinematografica. Già più volte su questo giornale abbiamo criticato la scelta della giunta, per tre motivi: 1) non è importante far passare sugli schermi mondiali unimmagine di Firenze qualunque essa sia: la città ha una sua identità precisa e preziosa e il suo ingresso nella contemporaneità non può passare dalle carambole di unauto verde pisello intorno al Battistero o in via Cavour; 2) questa è una città piccola e fragile, non è una metropoli americana, e il suo è un equilibrio precario, a tal punto che già salta ogni giorno anche senza le grandi macchinine a scontro scatenate per le strade; 3) la bellezza e i valori di Firenze non hanno prezzo, ma aver fissato in 500 mila euro per il colosso Usa lonorario di un mese di riprese ci è sembrato semplicemente ridicolo. Forse chi lo ha deciso non sa che con quella cifra in centro ci compri un appartamento di quattro stanze, più o meno , e anche senza ascensore.

Ma a Bay, ecco il punto più importante, non gli hanno consegnato solo le chiavi. No. Gli hanno dato in mano tutta la città. La troupe spadroneggia, ti ferma, ti libera, ti tiene in scacco. Succede anche ti chiedano il passaporto se non ubbidisci ai loro diktat. A te e a quelli come te. Che vogliono andare a casa, o a lavorare, o dove cavolo gli pare, ma che invece non possono. Perché a Firenze si gira un film. Chi lha deciso però? I fiorentini, forse? Nelle ultime 48 ore i disagi sono letteralmente esplosi. Traffico paralizzato in tutta la parte sud e sud-est, dal viale dei Colli fino a Varlungo. Proibizioni a catena, cittadini esasperati. Ieri i divieti di transito e di sosta imperversavano dal Ponte Vecchio al ponte San Niccolò. Impossibile trovare un posto per lauto, mentre i nostri impareggiabili vigili urbani mietevano multe in via dei Renai e sui lungarni, di qua e di là del fiume. Una scena surreale. Chiedere indietro agli americani le chiavi di Firenze sarebbe solo uno sgarbo, e non si fa, ma il sindaco potrebbe almeno chiedere scusa alla città. Anzi dovrebbe.

http://lapiazzadeldirettore.corrierefiorentino.corriere.it/2018/09/18/caos-da-film-e-lora-delle-scuse/


news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news