LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Così ho usato larte per aiutare i migranti bloccati a Lampedusa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 21/9/2018

Dopo il workshop, in arrivo borse di studio

Marisa Albanese ha la consapevolezza del rischio che corre: cadere nella retorica, per unartista che si confronta con il tema dei migranti, è ormai moneta corrente. Larte contemporanea più patinata e glamour negli ultimi anni si è impadronita con avidità del fenomeno, ma il più delle volte lo ha solo normalizzato o estetizzato, senza capirlo davvero.

Per lartista napoletana è unaltra storia. Marisa Albanese è andata a Lampedusa per due lunghi soggiorni, poi ha continuato a lavorare anche a Napoli con lo stesso metodo. In tutti e due i casi si è trattato di workshop con e per i migranti, perché lartista che ha creato le donne guerriere dotate di elmo per la metropolitana di Quattro giornate è convinta che larte offra un linguaggio universale adatto alla comunicazione tra culture. Ma come è iniziato questo singolare lavoro? Marisa Albanese lo spiegherà lunedì alle 18 alla Feltrinelli di Napoli, con Mariella Pandolfi e Andrea Viliani, quando presenterà una sorta di diario intimo che lei ha deciso di rendere pubblico (Quaderno di Lampedusa , edizioni Postmedia). Il raffinato libretto fa parte del progetto Il seme della libertà destinato a finanziare borse di studio di formazione per un gruppo di migranti, realizzate con i provenienti della vendita di trenta Quaderni , numerati e firmati con trenta disegni originali.

Tutto è cominciato qualche tempo fa, ricorda Marisa. Ho iniziato a prestare attenzione allo stato di attesa, alle vite bloccate di queste persone, dentro un elemento che dovrebbe essere naturale, ovvero lo spostamento. Così ho deciso di andare a Lampedusa, la prima volta nel 2016, per provare a utilizzare il linguaggio artistico e fare esprimere ai migranti le loro emozioni. Quale accoglienza ha trovato? Allinizio diffidenza. Molti artisti prima di me sono andati lì, nei centri di accoglienza, hanno realizzato opere e poi sono andati via senza che nulla cambiasse. Io ho invece provato a far lavorare loro, i migranti, in prima persona. Dopo la diffidenza, si sono aperti? Sì, dopo il primo impatto tutto è cambiato. Ho lavorato per lo più con persone dai 16 ai 50 anni. Mi hanno raccontato dei loro viaggi durati in molti casi lunghi anni. Delle soste forzate in Libia, dove in tanti hanno avuto esperienze dolorose, tragiche. Le donne erano sempre in retroguardia, non partecipavano. Come mai pensare a borse di studio? Perché alcuni, soprattutto ragazzi, hanno rivelato doti eccezionali. Hanno raggiunto un modo di lavorare fluido e naturale. È giusto che possano proseguire nel campo delle arti visive.

Cosa cè nel Quaderno di Lampedusa? Non si tratta certo di un racconto organico della quotidianità di Marisa Albanese, piuttosto è una raccolta rapsodica di impressioni e immagini, appunti e fotografie per restituire al lettore uno stato danimo al di là della nuda cronaca, che pure non manca. E soprattutto appaiono loro, i migranti, esausti di niente, in perenne attesa di un futuro che ormai credevano a portata di mano ma che invece stenta ad arrivare. È quel che ho annotato man mano che si svolgeva il laboratorio, a un certo punto diventato clandestino. I ragazzi uscivano da un buco nella recinzione per venire a partecipare. Ricordo un uomo di una certa età che non parlava nessuna lingua se non il suo dialetto ma che disegnava benissimo. Un altro veniva e osservava, senza mai rompere il suo silenzio: a un certo punto, dopo vari incontri, ci ha raccontato la sua storia fatta di difficoltà e dolore. Molti, specie quelli appena arrivati, non sapevano nemmeno dove si trovavano. Solo dopo molti mesi hanno capito di essere in Sicilia.

Comè la loro condizione nei centri di accoglienza? Allinizio sono felici di essere in Italia, poi cadono nello sconforto perché non accade nulla, perché non riescono a raggiungere i loro parenti nel resto dEuropa... Quelli che ho conosciuto a Napoli, invece, erano più difficili, più diffidenti... ma anche con loro sono riuscita a instaurare una relazione. Ecco, il mio progetto è tutto basato sulla messa in campo di relazioni. Che tipo di persone hanno partecipato? Anche laureati, gente che faceva lavori di un certo livello e che poi ha perso tutto. In generale sono persone forti, si indeboliscono poi durante lattraversamento dei vari paesi. Tutti noi dovremmo capire che lincontro con i migranti ci arricchisce, come è sempre successo quando culture diverse si sono ritrovate insieme .



news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news