LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biblioteche, Le Pagine: "Pieno rispetto dei contratti e della dignità dei lavoratori"
La Repubblica - Parma 26/9/2018

Il Comune di Parma fu il primo, 15 anni fa, nell'allora rossa Emilia, ad affidare la gestione degli asili ai privati, segnando così una svolta politica significativa.

Minore costo del lavoro a carico dell'ente e maggiore flessibilità del servizio sono i pilastri che nel tempo hanno retto lampliamento delle aree delegate all'esterno dalle amministrazioni pubbliche. Un meccanismo che ha prosperato a prescindere dal colore politico delle Giunte. Così si è passati dalle tate ai bibliotecari.

Ultimo caso parmigiano è la gara europea per la gestione triennale delle biblioteche Guanda e Internazionale Ilaria Api oltre a Civica, Alice e Cesare Pavese il sabato e la domenica. Un bando contestato nei mesi scorsi dalle opposizioni consiliari, dalla Cgil e soprattutto dallAssociazione italiana biblioteche.

"Le richieste alzano ancora di più lasticella delle attese e delle competenze, non lasciando spazio a miglioramenti contrattuali o a passaggi di livello. Contratti 'poveri' e inquadramenti relativi bassi in un contesto che vede personale pubblico e privato (di cooperativa) svolgere le stesse mansioni con differenze contrattuali e salariali molto significative, con un'integrazione pubblico-privato impostato sulla differenza di trattamento" sottolineava il sindacato.

Aib ne chiedeva il ritiro perché la tariffa oraria prevista "garantirebbe appena linquadramento di tutti gli operatori al livello C1 del Ccnl cooperative sociali, quello di cuochi, autisti con patente". Lappalto è stato affidato alla coop Le Pagine, nata a 30 anni fa a Ferrara, e già attiva a Parma in base al precedente bando del 2015.

"Grazie allimportante investimento comunale saranno ulteriormente ampliati degli orari di apertura al pubblico delle biblioteche" ha spiegato nei giorni scorsi il municipio. C'è chi ha tirato in ballo "lo status di Capitale della Cultura Italiana 2020 che comporta onori e responsabilità, non ultima quella di essere di esempio in un panorama nazionale che vede il lavoro culturale sottovalutato, sottopagato, non riconosciuto. Parma non può associare il suo nome al titolo di 'Capitale dello sfruttamento nella cultura'" ha detto il comitato di utenti Leggere fra le ruspe.

Ora si fa sentire la coop aggiudicataria per rivendicare l'operato nel "pieno rispetto dei Ccnl e della dignità del lavoro dei propri dipendenti e dei loro diritti" e "utilizziamo contratti regolari, contrattualizziamo i bibliotecari in base alle mansioni svolte e ottemperando alle declaratorie previste"; "tutti i lavoratori in forza alla coperativa Le Pagine (bibliotecari, archivisti, catalogatori, educatori) vengano assunti (in accordo con i sindacati) con il Ccnl delle cooperative del settore socio sanitario assistenziale educativo e di inserimento lavorativo".

Le Pagine ricorda che dal maggio 2015 gestisce i servizi bibliotecari delle biblioteche comunali di Parma: gestione integrale della biblioteca Civica del San Paolo (biblioteca Internazionale Ilaria Alpi e Biblioteca Ugo Guanda) oltre allestensione funzionale delle biblioteche Alice, Cesare Pavese e Civica dellOspedale Vecchio, dopo essersi aggiudicata la precedente gara dappalto.

Tre anni fa la coop ha assorbito i bibliotecari che lavoravano nelle biblioteche del San Paolo per conto del precedente gestore; a tal proposito fu "sottoscritto un verbale di accordo sindacale tra la Cooperativa Le Pagine e le organizzazioni sindacali Fp Cgil, Fisascat Cisl, Filcams Cgil, in rappresentanza dei lavoratori occupati nelle biblioteche del Comune di Parma, che andava a definire le modalità di riassorbimento del personale e relativa armonizzazione dei contratti di lavoro in modo da assicurare ai lavoratori continuità lavorativa e pari trattamento retributivo". Un accordo in cui le parti convenivano "sulla applicabilità del citato Ccnl anche per i lavoratori" in questione.

Quanto alla classificazione del personale, Le Pagine ricorda sempre il testo dell'intesa: "Al personale interessato al cambio di gestione, in considerazione delle peculiari tipologie lavorative e della sostanziale equivalenza fra le qualifiche dei due contratti collettivi, in rapporto alle mansioni e ai livelli, si applica linquadramento indicato nella seguente tabella di corrispondenza: Ccnl multiservizi (applicato da Copat) livello III = Categoria C, posizione economica C1 (Le Pagine) / Ccnl Multiservizi (applicato da Copat) livello IV = Categoria D, posizione economica D1 (Le Pagine)".

"Tutti i lavoratori sono stati riassorbiti mantenendo loro lanzianità lavorativa maturata e prevedendo la conservazione di eventuali superminimi presenti. Il livello assegnato ai propri bibliotecari corrisponde dunque alle effettive qualifiche ricoperte nel servizio di biblioteca. Lo stesso Ispettorato di lavoro di Bologna, in una nota, ci ha risposto circa la congruità ed adeguatezza dei suddetti inquadramenti".

Infine l'aggiudicatario spiega quali sono le retribuzioni previste dalla tabelle ministeriali in corso di validità e di vigenza: la retribuzione annua lorda (13 mensilità) per un operatore inquadrato con il Ccnl coop sociali al livello C1 è di 18.658,64 euro, quella di un operatore inquadrato con il Ccnl Coop Sociali al livello D1 è di euro 19.821,88 euro annui lordi.

"Aib dovrebbe considerare che i bibliotecari svolgono mansioni diverse a seconda della realtà in cui operano e in base alle attività richieste dai vari capitolati e non possono essere definiti i loro inquadramenti contrattuali esclusivamente sulla base di uno status professionale acquisito in base ai titoli formativi e professionali".

https://parma.repubblica.it/cronaca/2018/09/26/news/biblioteche_parma_le_pagine-207417500/


news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news