LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pisa. Io nella Certosa: di là dalle mura il rosso dellinferno
Massimo Sestini
Corriere Fiorentino 25/9/2018

Lo squillo nella notte: Brucia Calci. Ho pensato alla Moby e sono partito

Sembra la stessa telefonata di 27 anni fa quando dallaltra parte della cornetta una voce, un comandante di polizia ci avvertiva: A profugo ce sta una nave in fiamme al largo di Livorno. Quella volta partii in pigiama. Arrivato sul porto non si vedeva nulla. Quel traghetto enorme lo raggiunsi con un battello dei sommozzatori dei vigili del fuoco spacciandomi per un uomo della presidenza del Consiglio. Pochi minuti e mi trovai da solo, unico testimone , davanti alla grande nave in fiamme. A Calci è andata diversamente. Le fiamme si vedevano già dallAurelia. Fumo denso e acre. Un grande bagliore arancione, intenso, rosso fuoco, dietro la Certosa. La Certosa di Calci.

Sono solo e abbandono lauto su un vialetto antistante lingresso. Proprio accanto a un bellissimo uliveto. Ho la Certosa davanti a me. Dietro le fiamme che stanno divorando il Monte Serra e che incombono sullex monastero. Il grande portone è chiuso. Il muro di cinta è invalicabile. Ma bisogna entrare. Il vento è fortissimo. Rinuncio a usare droni o altre diavolerie aeree. Impossibile alzarsi in cielo anche per gli elicotteri che volano la notte.

A piedi percorro il perimetro della Certosa. E vedo delle torce nei campi. Incontro una persona, vive in una delle casette più vicine, e mi indica un altro signore, uno di quelli con la torcia, è un custode. È lì da 24 anni, ha paura di perdere il suo monastero. Con la torcia è come se tenesse a bada lincendio. Non stacca mai gli occhi dalle fiamme che si avvicinano. Lo supplico di venire ad aprire il portone di ingresso per farmi entrare. Mi accompagna, è molto gentile. Di colpo siamo nel cortile principale dellex monastero. Da dentro la Certosa sembra ancora più minacciata. Il rosso del fuoco è indefinibile. Tutto, dietro agli alti muri di cinta sembra privo di distanza. Chissà quanto si stanno avvicinando le fiamme. Chiedo al custode di spegnere la luce sulla facciata principale. Di colpo il cielo diventa tutto arancione e rosso. È come se fossimo circondati. Il vento tira sempre più forte, il fuoco avanza inesorabile dalla montagna.

Giro in lungo e in largo la Certosa, che oggi è anche un museo di storia naturale, vado dietro dove ci sono le celle, nel chiostro con la fontana e i cipressi nerissimi. Il nero e il rosso. Tutto sembra indefinito. La mia reflex vede quello che a occhio nudo non riesco a percepire: la tragicità di una battaglia immane. Il fronte dellincendio è talmente vasto da non vederne quasi la fine. E poi cè il fumo che entra nei polmoni, negli occhi. Penetra nei vestiti. Il silenzio è interrotto solo dal crepitio delle fiamme e dai ruggiti del grecale. E dallo squillare del telefonino del custode. Qualcuno gli sta dicendo che si sta incendiando tutto loliveto allingresso della Certosa. Le fiamme sono arrivate anche qui. Realizzo in quel momento di aver lasciato la mia auto proprio su quel vialetto, accanto ai vecchi ulivi. Corro, davanti a me un muro di fumo impenetrabile. Mi arrotolo la giacca sulla testa, come un turbante, per proteggere occhi e vie respiratorie. Sono in apnea, proprio come 27 anni fa a Livorno. La mia auto è a qualche decina di centimetri dalle fiamme alte tre metri. Penso: o la va o la spacca. E decido di tuffarmi, metterla in moto e innestare una folle retromarcia. Ma non posso mollare la Certosa. Parcheggio in un posto più sicuro. Rientro: davanti allingresso ci sono i volontari antincendio della Regione che spengono le fiamme che stavano divorando gli ulivi. Riesco di nuovo ad entrare. Cè la direttrice della Certosa, Anna Fontana, è con il marito. Lucidissimi e gentilissimi (come il custode) anche se intorno cè linferno. Io scatto altre foto. Loro controllano che tutto sia a posto.

Le fiamme, di colpo, è come se avessero rallentato la loro avanzata: la Certosa è salva. Fuori le luci blu della polizia municipale. La gente sta scappando dal gruppetto di case sotto Montemagno. Famiglie intere che fuggono. altri in strada che osservano la montagna. Volti coperti da mascherine improvvisate, indosso i primi vestiti trovati. La notte continua per tutti nella palestra di Calci. Siamo sfollati. Il folle gesto di un piromane criminale ha rischiato di cancellare tutto. È stata una notte di difesa, di gente comune che ha lottato con le fiamme. La Certosa è salva. Forse anche le case. Ma la montagna rosso fuoco fa ancora paura.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news