LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Una sfida culturale
Donatella Tiraboschi
Corriere della Sera - Bergamo 26/9/2018

Vegini (Arketipos): con i Maestri del Paesaggio stiamo cambiando la città e il concetto di bellezza nel pubblico

Domenica sera sono venuto a salutare la piazza unultima volta. Ho trovato anche Gori che stava cenando.

Che le ha detto il sindaco?

Bella, ma mi raccomando, Maurizio, lanno prossimo mettici un effetto wow!.

Ci sarà?

Vedremo, abbiamo un anno di tempo per pensarci e abbiamo già arruolato Luciano Giubbilei per la prossima edizione. Piazza Vecchia resta sempre licona dei Maestri, questanno abbiamo ospitato Oudolf, il top, ma quello che ci interessa, come associazione culturale, non è cercare nel mondo il più bravo. Anche perché tutti a modo loro lo sono. Ci preme piuttosto lasciare nella città un segno tangibile della bellezza.

Non esattamente un compito facile.

Ma nemmeno impossibile. Il più bel complimento che ho ricevuto è questo: La bellezza comincia a far breccia nella città. Me lo ha scritto il mio medico di base, Maria Rizzo. Ma anche Consuelo Castiglioni (fondatrice di Marni, ndr) si è detta folgorata da tanta bellezza.

Il telefono di Maurizio Vegini non smette di squillare, mentre è attovagliato al Circolino per uninsalata veloce. Quella che il presidente di Arketipos chiama la macchina da guerra, unorganizzazione che lavora un anno intero e muove uomini, aziende leader e mezzi (anche finanziari, budget per il 2018, 375 mila euro e circa 200 mila in cambio merci), è ancora in azione.

È in arrivo uno dei Tir che trasferiranno lallestimento di Oudolf a Lugano, le amate erbacee del più famoso paesaggista al mondo sono destinate ad abbellire un intero quartiere della città ticinese, mentre piazza Mascheroni non verrà smantellata.

È anche questo indice del cambiamento nel segno della bellezza e di una consapevolezza civica che sa accoglierla e che si impegna a mantenerla nel tempo. Una coscienza che vorremmo si diffondesse sempre più a tutti i livelli. A cominciare da quello istituzionale, da chi firma i permessi al sindaco a quello delle associazioni che, nel caso di questa piazza, si impegnano nel conservarla bella e funzionale. È una sfida entusiasmante dove il pubblico potrebbe giocare un ruolo determinante. I Maestri fanno, pensano e lasciano ogni anno in eredità alla città un tassello di bellezza di cui prendersi cura nel tempo. Bello, no? Questo significa che ci stiamo evolvendo: i Maestri non sono più un evento, ma una sfida per cambiare la città.

Ci vorrà del tempo

Ma è giusto provarci. Nel 2012 andai dallallora segretario della Camera di Commercio, Emanuele Prati. Gli dissi : Questo evento diventerà unopportunità per Bergamo. Mi rispose: Eh, caro mio, ci vuole altro .

Che cosaltro?

Mi chiedo ancora oggi che cosa volesse dire. Invece, mi rincuorò il parere che, nel 2011, mi diede Carlo Pesenti che stimo moltissimo. Non gli chiesi aiuto, ma solo che ne pensasse, Sarà un grande successo internazionale. Mi confortò.

Una previsione che si è avverata.

Sono stati otto anni di crescita, ma difficili sotto tanti punti di vista. Faticosi, spesso economicamente in perdita. Da non dormirci per notti intere, anche se adesso sono più sereno. Abbiamo tenuto duro nella consapevolezza che si trattasse di una opportunità per la città che, di anno in anno, abbiamo visto concretizzarsi.

In che modo?

È cambiato lapproccio mediatico, innanzitutto. Da evento di pura cronaca è diventato un tema culturale, su cui avviare delle riflessioni nel segno di una bellezza che è il fil rouge dei Maestri. Un fattore attrattivo, in grado di riprodursi e rigenerarsi in vari modi, nella sensibilità di chi vive gli allestimenti anche se solo di passaggio, ma anche nellattenzione di chi, a vario titolo, partecipa allevento. E soprattutto una bellezza che si possa ritrovare negli spazi cittadini, nei borghi, in modo permanente.

Spazi belli, ma fruibili nello stesso tempo.

Prendiamo Largo Rezzara che ci ha dato molte soddisfazioni, perché è stato esemplificativo di come si potrebbero trattare gli spazi pubblici con una funzione ricreativa aperta a tutti. O ancora il Lavatoio che, dopo anni di tentativi, ha ospitato una funzione di ristorazione di alto livello. Un pensiero progettuale, per il prossimo anno, potrebbe essere quello di portare un estivo per le famiglie in pieno centro cittadino, dilatando i tempi di installazione al di fuori delle settimane di settembre.

Il tir delle piante è arrivato. Bisogna correre in piazza. Cè giusto il tempo per un caffè e un complimento. Si avvicina Aldo Ghilardi, presidente della Cooperativa. Io non la conosco, ma le devo dire solo una cosa: grazie.




news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news