LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Lurbanistica sepolta nel cassetto
Guido Donatone
Corriere del Mezzogiorno - Campania 26/9/2018

Leditoriale di Marcello Anselmo (Corriere 23 settembre) lancia lallarme sul degrado, sulla persistenza delle pessime condizioni sociali del sottoproletariato e dellendemico sottosviluppo che caratterizzano il Centro storico di Napoli. Ma va osservato che dopo la cementificazione selvaggia della Napoli collinare è stato almeno salvato il Centro storico dalla aggressione della speculazione edilizia.

Successivamente però è stato interrotto un percorso virtuoso, iniziato con il sindaco Antonio Bassolino (1994) il quale chiamò allurbanistica Vezio De Lucia di Italia Nostra, che introdusse il corretto metodo della pianificazione urbanistica sfociato nel Piano regolatore generale varato dal Comune nel 2004. Di chi la responsabilità?

Il Piano è improntato dalla rigorosa normativa di tutela del Centro storico, ma ha subito incontrato difficoltà l attuazione dei programmati piani urbanistici pubblici per la sua valorizzazione: gli interventi di restauro conservativo e riqualificazione urbana. Eppure costituisce un caso emblematico: per fare qualche comparazione Milano e Roma hanno subito la sostituzione di gran parte delledilizia storica con costruzioni più recenti; Palermo si è svuotata di buona parte degli abitanti, invece presenti nel Centro storico di Napoli assieme alle loro attività tradizionali che però non si è riusciti a rivitalizzare, così come persistono le condizioni di degrado ambientale e sociale denunciate da Anselmi.

Il programma della prima giunta de Magistris prevedeva il primato dellazione pubblica nella politica di pianificazione, la stimolazione della proprietà pubblica e privata a intervenire sulledilizia storica con interventi di restauro conservativo mediante appositi incentivi, e il rilancio con metodi rigorosi del progetto Sirena; listituzione un nuovo Dipartimento per la gestione del Centro storico-Unesco: una struttura tecnica con personale di elevate qualità professionali; ma altresì la sostituzione delledilizia-spazzatura successiva al 1943. Mi soffermo su questo piano di rottamazione delledilizia postbellica (circa 400.000 vani secondo lo scomparso amico Aldo Loris Rossi, che lauspicava) priva di criteri antisismici, che avrebbe consentito la sostituzione e la riqualificazione del patrimonio edilizio abitativo con architettura di qualità. Lesproprio da parte del Comune comporta la necessità di offrire una abitazione ai proprietari, ma sono da ricostruire nel Centro storico centinaia di fabbricati allo stato di rudere di proprietà comunale o di privati (questi ultimi agevolmente espropriabili perché non hanno ottemperato allobbligo del ripristino). Vi sono leggi che finanziano ai Comuni tali operazioni, che consentono la realizzazione anche degli immobili-parcheggio durante le ricostruzioni. Quali occasioni di lavoro avrebbero costituto tali operazioni: si sarebbero aperti centinaia di cantieri, tanto che lallora presidente dellAcen, Ambrogio Prezioso, si era già dichiarato (Cormez 18-2-2007) daccordo sullabbattimento totale delledilizia postbellica; e ciò comportava la compartecipazione dei costruttori alla operazione. Infine Italia Nostra propose al Comune di richiedere al Mibact lapposizione del vincolo paesaggistico ex Codice dei Beni Culturali sul Centro storico-Unesco, che avrebbe definitivamente scongiurato il pericolo di future modifiche alla vigente normativa di Piano. Dopo lallontanamento dei protagonisti della prima giunta, de Magistris ha sepolto in un cassetto la programmata politica urbanistica, così come non ha risposto, dopo il grave terremoto dellItalia centrale, alla richiesta di Italia Nostra di un Piano urgente di tutela sismica per la città dal momento che soprattutto nel Centro storico-Unesco i dati della Protezione civile e dellIstat sono allarmanti: oltre il 70% del tessuto edilizio storico è a rischio perché in cattivo stato di conservazione.

Inoltre sono venuti meno gli obiettivi che la città aveva davanti a sé nel 2011. Erano indicati su due piani diversi ma congiunti: lattività amministrativa rivolta a garantire lefficienza dei servizi pubblici, e quindi la vivibilità urbana, nonché il perseguimento di una politica di sviluppo per sciogliere i nodi strutturali che fanno stagnare il processo di avanzamento economico e di trasformazione della struttura sociale. Infine non è stato mosso un dito per promuovere il progetto di riassetto e di sviluppo della città metropolitana. Di fronte a questa misera situazione i partiti di opposizione hanno finora mostrato una sconfortante fiacchezza.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news