LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, Villa Comunale. Il lento degrado di un sito storico. E i volontari da soli non bastano
Rossana Di Poce
Corriere del Mezzogiorno - Campania 27/9/2018

Domenica 23 settembre 250 volontari hanno tirato via una tonnellata di rifiuti dalla Villa Comunale: una vera discarica. A luglio, unaltra pulizia straordinaria con task-force comunale di 40 uomini: dei 10 giardinieri assegnati al sito, 6 hanno limitazioni fisiche.
A intervistarli, denunciano la cronica carenza di mezzi, risorse, pezzi di ricambio e controllo. La Villa Comunale nasce da Ferdinando IV e Carlo Vanvitelli: giardino pubblico sul mare che guarda la Crypta Neapolitana. Dopo il 1799 in cui è usata come poligono, il governo francese ne attua lampliamento: diventa la passeggiata romantica borghese. Dai primi caffè vanvitelliani, agli stabilimenti balneari dello Sbarcatoio della Vittoria e di San Leonardo, questultimo, si trasformerà in loggetta a mare, pista da ballo del giovedì negli anni 20 dell800.

Il graduale inserimento delle sculture e dei sedili di piperno, il Pompeiorama, le esposizioni ottocentesche; lacquario Dohrn, la cassa armonica e il trottoir di Gasse, ne denotano alla fine dell800 un luogo di cultura. Gli atti vandalici non sono mai mancati: tra schiamazzi e qualche rissa, un soldato rompe e trafuga le dita al gruppo del Ratto di Proserpina (1813). Con lUnità, la Villa Nazionale diventa Comunale (1869) e si pensa allidroterapia seriamente come volano industriale. Lampliamento degli stabilimenti non fu mai eseguito, fino alla perdita definitiva del contatto col mare dopo lapertura di via Caracciolo (1883). Le vicende del 900 iniziano con le visite entusiaste di personaggi illustri come Paul Klee, Pablo Picasso, Igor Stravinsky, e seguono coi pittori nostrani che ritraggono la villa e i suoi frequentatori (Pratella, Crisconio, Tammaro).

Restaurata alla fine degli anni 40 dopo la guerra, i concorsi ippici diventano un cult e pure i giochi di Piedigrotta, si trasformano in luna park stabile con la ruota panoramica negli anni 60. La villa si fa set: dal cartone Disney Neapolitan mouse (1954), Totò Peppino e la Malafemmina (1956) a La Cassa Armonica dun tempo (1987). Fino al 2010 per quasi dieci anni, vi si svolgeva una bella rassegna estiva di film (Cineville Partenope). Un primo restauro della Cassa Armonica parte nel 1989 insieme alle manutenzioni parziali del 1994; tra il 1997-99 si colloca lintervento dellAtelier Mendini: 3 chalet verso il mare cancellata, illuminazione e ripristino del verde. Tutto violentemente contestato, fino al tribunale con sentenza del 4 aprile 2002 a favore dei lavori eseguiti. La villa da allora, ha subito un graduale declino di cui lannus horribilis è il 2013: si organizza un funerale simbolico, la Cassa Armonica giace abbandonata dallAmericans Cup -arriva al 2017 con grandi polemiche- e si contestano gli invadenti cantieri dellAnsaldo a seguito dellabbattimento di 31 alberi ad alto fusto per ragioni di sicurezza. Sulle pagine di questo giornale il geologo Riccardo Caniparoli denuncia il taglio come conseguenza dello sconvolgimento idrogeologico provocato dalla nuova metropolitana. Ancora sul Corriere (2016) si denuncia labbandono di una statua monumentale per mesi mentre continuano proteste, flash-mob e mobilitazioni. Degrado del patrimonio statuario e botanico, la presenza di senzatetto con ripetuti incendi (2011, 2014 e 2017) e questanno laffittopoli dei circoli, si associano alla ormai storica fatiscenza del Circolo della Stampa. Dal 2009 il cantiere dellex casina dei fiori è fermo, nonostante un Por Campania 2000-2006, in cui si annunciavano un milione e 340mila euro di investimento. Interventi spot ci sono stati nel corso degli anni: qualche albero qua e là, cestini della spazzatura, aggiusti allimpianto idrico che puntualmente destate risulta fuoriuso, per arrivare alla cementificazione annunciata del viale di tufo. Positivo è il restauro della Casina Pompeiana e parzialmente dellAcquario Dohrn. Saltuari concerti, fanfare e giornate non possono però bastare alla ripresa della villa. Manca un progetto che tenga conto di un sito reale borbonico a tutti gli effetti: la Villa Comunale è un corpo di memorie storiche costituito da un patrimonio architettonico, botanico e scultoreo. A venti anni dal suo restyling che aveva comunque il merito di pensare integralmente il sito, non possono più bastare pulizie straordinarie e la buona volontà dei cittadini.




news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news