LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Città della Scienza sullorlo del baratro. Mancano i soldi per le bollette dellEnel
Carlo Franco
Corriere del Mezzogiorno - Campania 27/9/2018

Bagnoli. Cè un buco di sette milioni. In forse la mostra Futuro remoto

Napoli. Piange perfino il robot Bit, la mascotte amatissima dai bambini. Da quando Città della Scienza è in ginocchio il piccolo eroe tecnologico non ha più tanta voglia di raccontare favole perché pare che abbia detto proprio così, con la sua voce metallica che trasporta i piccoli ascoltatori in un mondo fantastico bambole non cè una lira. E la stessa frustrazione è vissuta dagli 84 dipendenti del grande parco interattivo di Coroglio che ha fatto di tutto per allinearsi al disastro della Bagnoli mai nata.

Il buon umore qui è sepolto da tempo, il dibattito si alimenta solo dei rancori personali. Che fanno più male anche perché ogni giorno le cattive notizie non ce le facciamo mancare. Ora sappiamo che non ci sono i soldi per pagare le rate del debito con lEnel e il rischio che stacchino la luce è concreto. E naturale, le stesse persone non possono gestire un Ente per trenta anni. Il piatto è vuoto: Futuro remoto, il fiore allocchiello con Corporea, è in dubbio e se dovesse saltare equivarrà ad una anticipazione del funerale, la mensa è chiusa, il bar funziona a singhiozzo, e i dipendenti lavorano con la morte nel cuore.

Anche i rapporti interpersonali sono saltati e limmagine che più dà lidea della tensione è la tenacia con cui Vittorio Silvestrini e Vincenzo Lipardi, due storici fondatori, si sforzano di evitarsi. La giornata (martedì) anche meteorologicamente, non mette di buon umore. La spiaggia è deserta, il vento forte solleva nuvole di sabbia ma non si porta via le ombre e i misteri di una follia collettiva che ha minato le basi di una operazione di straordinaria forza attrattiva. Basti pensare che ancora oggi il weekend a Città della Scienza è, forse, la meta preferita dai napoletani. Ma è acqua che non leva sete, commenta una giovane ricercatrice. Lincendio, del quale ancora non si conoscono i mandanti, ha avuto effetti devastanti, ma danni ingenti sono stati provocati dalla gestione criticabile per eccesso di fantasia chiamiamola così ma non rende appieno lidea dei costi reali delle capitalizzazioni e dellIva ritenuta erroneamente detraibile nelloperazione-Corporea e dallo scontro interno, soprattutto generazionale, allinsegna del potere. Il risultato è una voragine di circa sette milioni (più altri 15 ottenuti come risarcimento per lincendio e utilizzati per tappare i buchi). E ci metta pure lassalto quotidiano dei fornitori che chiedono di essere pagati e gli stipendi dei dipendenti, ne mancano 7 e ormai non sappiamo a quale santo votarci, ci dicono allufficio legale.

Attraversando il piazzale di Città della Scienza, intanto, tornano alla mente del cronista le parole del presidente Carlo Azeglio Ciampi che nel 2001 obbligò i dirigenti a concludere in un anno i lavori per la costruzione dello Science center. Il Capo dello Stato tornò a gennaio del 2003, apprezzò la solerzia, ma dietro la facciata tutti sapevano, tranne lospite, che lopera era stata, come si dice, impupazzata , cioè arrangiata; Città della Scienza come il G7, insomma. A conti fatti le due intuizioni hanno funzionato, ma solo in parte, perché nella fase decisiva della crescita e del consolidamento del progetto laltra Napoli ha ripreso il sopravvento. In questi giorni limpegno dei lavoratori è stato riconosciuto dalla Regione ma le belle parole non riempiono il piatto e noi a questo siamo: Le dichiarazioni dellassessore regionale alla ricerca, Antonio Marchiello commenta il responsabile dellufficio legale Raffaele DAngiò vanno nella direzione giusta, ma bisogna fare presto, commissariassero tutte le strutture che vogliono, qui siamo al limite della sopravvivenza.

Questo significa ripiano dei debiti e caccia ai grandi soci che non rispettano gli impegni (Pop di Ancona, Università di Camerino e Città metropolitana di Napoli), taglio degli stipendi più alti e un turnover nelle stanze dei bottoni perché in una società dalla Regione i dirigenti devono essere avvicendati dopo tre massimo cinque anni: Va bene, del resto sono queste le nostre richieste per evitare il fallimento.




news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news