LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Calci (Pisa). In cenere gli ulivi medicei. Ma le radici forse sono salve
Giulio Gori
Corriere Fiorentino 27/9/2018

Il fuoco ha distrutto anche gli alberi che erano stati piantati 400 anni fa
Le piante erano ultra centenarie, abbiamo perso un patrimonio storico

CALCI (PISA). I crinali sono terra bruciata, i pini sono quasi tutti scomparsi. Del Monte Serra resta solo il cappello, gli antichi castagni sulla sua sommità. Ma in basso, il danno ambientale più grave sono gli uliveti andati in fumo. Secondo lassessore alla protezione civile di Calci, Giovanni Sandroni, se ci mettiamo anche allevamenti, vigneti, le necessarie bonifiche, parlare di cinque milioni di euro di danni non è un azzardo. Dei 1.400 ettari di vegetazione che non ci sono più, circa un quinto era coltivato a ulivo. A dirlo è il vicepresidente pisano di Cia Agricoltori italiani, Francesco Elter: Al di là del danno economico, forestale e agricolo, cè anche un danno storico, sociale e culturale incalcolabile. Cerano uliveti, che sono bruciati, che facevano parte del convento storico di Nicosia. Erano ulivi secolari, medicei, impianti che risalgono al Seicento. Al convento, il campanile scandisce le ore, ma le porte sono chiuse col lucchetto, il chiostro è invaso dalla vegetazione. La zona è verde, è stata lambita dallincendio, ma non colpita. Eppure, luliveto che domina dallalto lantico complesso è bruciato. Gli esperti lo chiamano spotting, la notte tra lunedì e martedì lincendio lanciava lapilli infuocando isole di bosco anche lontane duecento metri dal fronte. Lì, in quel cerchio, la terra annerita dalle fiamme è così secca che frana sotto i piedi. E in mezzo agli ulivi più giovani, quelli ancora verdi che il fuoco ha ignorato, lasciandoli vivi e in piedi, ci sono a terra pezzi di tronco larghi oltre un metro: sono quelli più antichi. Non resta traccia delle foglie, dei rami, solo brevi carcasse nere, svuotate. Quando brucia una pianta di 400 anni, se le radici sono sane, si può provare a riallevare la pianta spiega ancora Francesco Elter Lunica speranza è quella. Ma dovremo valutare con calma il danno che hanno subito gli ulivi medicei. La soluzione, se le radici dovessero essere ancora sane, risparmiate dal fuoco, sarebbe un impianto di talea. Perché a Calci la specie di ulivo che viene coltivata, dal Seicento in poi, è sempre la stessa, il Cùltivar dei Monti Pisani. La sorte degli ulivi medicei è appesa a un filo, come quella dellantico convento agostiniano. A fondarlo, nel 1263, fu Ugo da Fagiano. Pisano di origine, era stato vescovo a Nicosia: tornato nella sua terra aveva deciso di dedicare la struttura alla Capitale di Cipro, in cui aveva operato per molti anni. Fu dopo la fusione cinquecentesca con i Canonici regolari, che gli ulivi medicei sopravvissuti fino a tre giorni fa furono piantati. Poi il convento, in epoca post napoleonica passò ai frati francescani. Fino al definitivo abbandono, nel 1970. Da qualche anno, a Calci cè unassociazione, Nicosia Nostra, che si occupa di far vivere le aree verdi e il boschetto attorno al convento. Quegli ulivi sono un patrimonio storico dice il presidente Sandro Bernardini Noi cerchiamo da anni di tenere in buone condizioni le aree verdi, abbiamo fatto un crowdfounding per fare sì che il boschetto diventasse unarea didattica. Lincendio per noi è un colpo duro.

La speranza, ora, è affidata alle verifiche sulle radici degli ulivi che verranno fatte nei prossimi giorni. Dopo una bruttissima notizia, speriamo che ne arrivi una lieta, anzi due: il Ministero dei Beni culturali da un po di tempo ha stanziato delle risorse per salvare il convento di Nicosia dal rischio di crollo. A Calci tutti contano che i lavori possano iniziare a breve. Bisogna salvare 750 anni di storia.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news