LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Calci (Pisa). In cenere gli ulivi medicei. Ma le radici forse sono salve
Giulio Gori
Corriere Fiorentino 27/9/2018

Il fuoco ha distrutto anche gli alberi che erano stati piantati 400 anni fa
Le piante erano ultra centenarie, abbiamo perso un patrimonio storico

CALCI (PISA). I crinali sono terra bruciata, i pini sono quasi tutti scomparsi. Del Monte Serra resta solo il cappello, gli antichi castagni sulla sua sommità. Ma in basso, il danno ambientale più grave sono gli uliveti andati in fumo. Secondo lassessore alla protezione civile di Calci, Giovanni Sandroni, se ci mettiamo anche allevamenti, vigneti, le necessarie bonifiche, parlare di cinque milioni di euro di danni non è un azzardo. Dei 1.400 ettari di vegetazione che non ci sono più, circa un quinto era coltivato a ulivo. A dirlo è il vicepresidente pisano di Cia Agricoltori italiani, Francesco Elter: Al di là del danno economico, forestale e agricolo, cè anche un danno storico, sociale e culturale incalcolabile. Cerano uliveti, che sono bruciati, che facevano parte del convento storico di Nicosia. Erano ulivi secolari, medicei, impianti che risalgono al Seicento. Al convento, il campanile scandisce le ore, ma le porte sono chiuse col lucchetto, il chiostro è invaso dalla vegetazione. La zona è verde, è stata lambita dallincendio, ma non colpita. Eppure, luliveto che domina dallalto lantico complesso è bruciato. Gli esperti lo chiamano spotting, la notte tra lunedì e martedì lincendio lanciava lapilli infuocando isole di bosco anche lontane duecento metri dal fronte. Lì, in quel cerchio, la terra annerita dalle fiamme è così secca che frana sotto i piedi. E in mezzo agli ulivi più giovani, quelli ancora verdi che il fuoco ha ignorato, lasciandoli vivi e in piedi, ci sono a terra pezzi di tronco larghi oltre un metro: sono quelli più antichi. Non resta traccia delle foglie, dei rami, solo brevi carcasse nere, svuotate. Quando brucia una pianta di 400 anni, se le radici sono sane, si può provare a riallevare la pianta spiega ancora Francesco Elter Lunica speranza è quella. Ma dovremo valutare con calma il danno che hanno subito gli ulivi medicei. La soluzione, se le radici dovessero essere ancora sane, risparmiate dal fuoco, sarebbe un impianto di talea. Perché a Calci la specie di ulivo che viene coltivata, dal Seicento in poi, è sempre la stessa, il Cùltivar dei Monti Pisani. La sorte degli ulivi medicei è appesa a un filo, come quella dellantico convento agostiniano. A fondarlo, nel 1263, fu Ugo da Fagiano. Pisano di origine, era stato vescovo a Nicosia: tornato nella sua terra aveva deciso di dedicare la struttura alla Capitale di Cipro, in cui aveva operato per molti anni. Fu dopo la fusione cinquecentesca con i Canonici regolari, che gli ulivi medicei sopravvissuti fino a tre giorni fa furono piantati. Poi il convento, in epoca post napoleonica passò ai frati francescani. Fino al definitivo abbandono, nel 1970. Da qualche anno, a Calci cè unassociazione, Nicosia Nostra, che si occupa di far vivere le aree verdi e il boschetto attorno al convento. Quegli ulivi sono un patrimonio storico dice il presidente Sandro Bernardini Noi cerchiamo da anni di tenere in buone condizioni le aree verdi, abbiamo fatto un crowdfounding per fare sì che il boschetto diventasse unarea didattica. Lincendio per noi è un colpo duro.

La speranza, ora, è affidata alle verifiche sulle radici degli ulivi che verranno fatte nei prossimi giorni. Dopo una bruttissima notizia, speriamo che ne arrivi una lieta, anzi due: il Ministero dei Beni culturali da un po di tempo ha stanziato delle risorse per salvare il convento di Nicosia dal rischio di crollo. A Calci tutti contano che i lavori possano iniziare a breve. Bisogna salvare 750 anni di storia.




news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news