LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il ministro Bonisoli: No a Venezia come Las Vegas: meno alberghi, più centri culturali
Roberta De Rossi
La Nuova di Venezia e Mestre 1/9/2018

VENEZIA. A Venezia servirebbe un albergo in meno e un centro di produzione culturale in più: richiamerebbe professionisti, artisti, che porterebbero a Venezia le loro famiglie. E, ancora: Il rischio che corre oggi Venezia è di trasformarsi in Las Vegas: ha bisogno di produzione culturale e artigianale, di persone che lavorino e vivano qui, venendo anche da altre città, non può permettersi di diventare un enorme hotel, un ricettacolo di b&b: è un problema serio che stiamo vivendo. E i varchi? Sono un problema tecnico, come guardare il dito e non la luna. Il ministro per i Beni culturali Alberto Bonisoli è venuto più volte in città: dopo lArchivio di Stato, in questi ultimi giorni è stato negli uffici della Soprintendenza a Palazzo Ducale, ha visitato le Gallerie dellAccademia, poi, la Mostra del Cinema. Così risponde alle domande, tra le Gallerie e il Lido.

Ministro, ormai si sarà fatto unidea di Venezia: quale?

Mi chiedo cosa sarà Venezia tra 10 anni. La paura, il dubbio è che si dia importanza - giusta, per carità - a quella che è una convenienza economia immediata e non si abbia una visione di più lungo periodo

Lei ha detto: Direi al sindaco meno alberghi e più poli culturali: cosa significa in concreto?

La mia domanda è quanti turisti vogliamo a Venezia?

Ce lo dica: è possibile fissare un numero?

Io sono un libertario, ma ci sono esperti che dicono tranquillamente quanti turisti Venezia può assorbire, in quali periodi e anche in che posti. Venezia ha un turismo strano, concentrato in certe zone.

Se gli esperti fissassero un tetto - come hanno già fatto Ca Foscari, stabilendo 52 mila visitatori - la conseguenza sarebbe il numero chiuso: è daccordo?

Venezia è sito Unesco e mi pare che la città abbia promesso di prendere alcuni provvedimenti, tra poco cè la verifica e si vedrà su cosa siamo carenti. È un problema nostro: non voglio scaricare sul sindaco.

Unidea concreta?

LArsenale ottocentesco ha unenorme possibilità, come Berlino e Londra, per realizzarvi mini quartieri dove si affittano a prezzi stracciati uffici, si porta la fibra ottica, il pubblico paga le bollette: qui si trasferiscono nerd, gente strana che fa nuovi mestieri strani, porta la famiglia, o cambia famiglia, beve una birra la sera, ricrea tessuto vivibile. Venezia deve avere un ruolo maggiore nella produzione culturale qui in città. Benissimo mostre, eventi, turismo, ma - esattamente come il Tintoretto che i suoi quadri li faceva qui per venderli nel mondo - il sindaco dovrebbe operarsi perché si individuassero allinterno della città zone per le produzioni, la digitalizzazione, la creazione di opere darte, culturali in maniera permanente, perché le persone che le fanno possano vivere qui. Venezia è piena di spazi: per questo, suggerirei un albergo in meno.

Poi ci sono le mega navi da allontanare dal Bacino di San Marco e qui è il governo a dover prendere una decisione...ma sono sempre lì.

Il mio ministero per assurdo è il meno coinvolto: Venezia è la seconda città per il settore crocieristico in Italia e sta crescendo sempre più. Va valorizzato il benessere economico che questo settore porta alla città: ragioniamo come farlo. Faccio un esempio, io vengo dalla campagna: non dobbiamo fare i soldi macellando le vacche da latte. Se sfruttiamo in maniera non saggia il patrimonio di Venezia, il rischio è che massimizziamo il risultato economico immediato e tra qualche anno piangeremo. Qualche giorno fa gli albergatori si lamentavano di avere le stanze vuote: amo i beni culturali, ma quando a Venezia gli alberghi sono vuoti, il rischio è che diventi un luogo dove il turista arriva, fa un passeggio e va è forte. È questo che i cittadini vogliono? E torniamo al discorso delle grandi navi.

Dunque, che fare?

Ci sono fior di esperti: li chiudiamo in una stanza, i politici facciano un passo indietro, stiano buoni e aspettino che gli esperti offrano due, tre alternative. Poi la politica scelga e agisca. Lultima cosa che voglio perdere è il valore economico della crocieristica. Ecco perché la mia idea è limitare il tonnellaggio: ci sono passeggeri che vanno in navi più piccole, attratti da un turismo di qualità. Solo un irresponsabile può fare avvicinare quelle più grandi a un patrimonio simile. Venezia vive e avrà un futuro se chi vive qui esce, lavora, va in farmacia, in pescheria: se vivessi qui non vorrei che altri decidessero per me.

http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2018/09/01/news/il-ministro-bonisoli-no-a-venezia-come-las-vegas-meno-alberghi-piu-centri-culturali-1.17207042


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news