LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Impossibile transennare tutto Venezia deve restare città aperta
di Alberto Vitucci
2 OTTOBRE 2018 LA NUOVA VENEZIA



Qualcosa in più di un atto vandalico. Lo sfregio del Leoncino, uno dei simboli di Venezia e un luogo dellanima per i tanti veneziani che ci andavano a cavallo da piccoli, è la conferma che nella testa di molti Venezia non è una gemma preziosa da rispettare. Ma un luogo da consumare. La massa incontrollata dei turisti mordi e fuggi non aiuta. La vigilanza può non bastare. Certo non possiamo transennare ogni cosa, la città è aperta tutti, ammette Mario Piana, proto di San Marco, dirigente della Soprintendenza e docente Iuav, È un fatto vergognoso e basta. Di una stupidità incredibile. Segno che quei vandali non conoscevano nemmeno la storia, il valore di quelle opere. Un fatto preoccupante. Ma lunico rimedio è la cultura, leducazione. Chi viene qui, deve sapere dove va. Non siamo un luna park. Un fronte inaspettato dopo le cafonate estive. Fastidiose, ma alla fine innocue come i tuffi in canale, i panini in mezzo alla via, le biciclette nella città pedonale, le immondizie, i gabbiani.

Adesso nella notte, un gruppo di studenti (studenti!) imbratta uno dei Leoncini settecenteschi dellomonima piazzetta. Di fronte al patriarcato e alla facciata laterale della Basilica. Secondo i primi rilievi, il danno non sembra grave. La vernice alla fine potrà essere rimossa, il leoncino ferito è giù stato recintato in attesa delle cure dei restauratori. Resta lodioso episodio. Conferma che Venezia, un tempo città delle arti e della cultura, oggi balza alle cronache nazionale sempre più spesso per atti vandalici ed eccessi un tempo sconosciuti.

Lo sfregio del Leoncino non ha nulla a che vedere con i tanti episodi della cronaca estiva. Ma testimonia di un qualcosa che ormai ha superato ogni limite, anche morale. Così gli eccessi di velocità e gli incidenti nautici, anche mortali, un tempo rarissimi. Il moto ondoso e la paccottiglia che sta trasformando la città in un suk senza qualità, dove tutti vendono la stessa merce. Sedie e tavolini dappertutto, negozi di chincaglierie al posto degli artigiani che scompaiono e che in altri luoghi sarebbero stati protetti come una specie in estinzione.

Centra tutto questo con la vernice sul muso del leone? Centra. Perché negli ultimi anni Venezia si è trasformata in un qualcosa di estraneo alla sua cultura millenaria. Non più meta del viaggio ma luogo del consumo. Dove tutto è permesso. Non bastano plotoni di vigili, non bastano i divieti e lordine pubblico.

Una civiltà in pericolo. Perché in pericolo sono i suoi abitanti, ridotti a meno di 55mila. In pericolo la storia e le tradizioni mercantili e artigiane. In pericolo il tessuto socio economico messo a rischio dalla
trasformazione diffusa degli appartamenti in appartamenti per turisti frettolosi e sempre più invasivi. Cosa fare? Istruire, educare. Provare a spiegare che questa è una città davvero unica al mondo, dice Piana. In attesa del prossimo episodio.

Alberto Vitucci



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news