LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Catania, scossa di magnitudo 4.6 alle pendici dellEtna. Danni a edifici antichi e cornicioni. Circa quaranta feriti lievi
Il Fatto Quotidiano 6/10/2018

Una scossa di magnitudo 4.6 della scala Richter inizialmente valutata 4.8 è stata registrata intorno alle 2 e mezza della notte tra venerdì e sabato nel catanese, alle pendici dellEtna. Lipocentro nel comune di Santa Maria di Licodia, a 9 chilometri di profondità. Il terremoto è stato avvertito in tutta la Sicilia orientale, fino a Siracusa, Enna e Messina: centinaia di persone si sono riversate in strada, e in tanti hanno trascorso la notte fuori casa per paura di nuove scosse.

I centri dove si registrano danni sono Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Paternò e Adrano: sono crollati cornicioni e sono rimasti lesionati antichi casolari, muri in pietra e palazzi. Il sisma è stato preceduto e seguito da eventi di minore energia, il più forte dei quali, alle 2.59 con epicentro a Biancavilla, ha raggiunto 2.5 di magnitudo. Circa quaranta persone sono state medicate per contusioni, perlopiù causate da cadute, in vari ospedali del catanese, e successivamente dimesse. Molti anche gli attacchi di panico e le persone giunte ai pronto soccorso in stato di choc.

A Santa Maria di Licodia è crollato un cornicione dallo storico palazzo Ardizzone, mentre sono caduti calcinacci dalle chiese di Santa Barbara a Paternò, che è stata transennata, e di Santa Maria dellIdria a Biancavilla. I Vigili del fuoco fanno sapere di non aver ricevuto alcuna richiesta di soccorso, e che nessun edificio ha subito danni strutturali. Sono invece giunte 50 richieste di intervento per crolli parziali, distacco di intonaci e cornicioni e verifiche di stabilità, eseguite da sette squadre operative dotate di tecnici e mezzi speciali. La circolazione ferroviaria sulle linee Messina-Siracusa e Catania-Palermo, sospesa intorno alle 4.30, è ripresa alle 8.16.

La situazione allo stato attuale non è delle migliori perché abbiamo ricevuto diverse segnalazioni di danni, ma vogliamo rassicurare i cittadini che la macchina della Protezione Civile ha funzionato, ha detto il sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno. Già dalla notte scorsa ci siamo attivati con particolare attenzione alle scuole e agli edifici pubblici ha aggiunto e sono arrivate un centinaio di richieste di sopralluoghi in case private. La preoccupazione cè, ma siamo riusciti a gestire al meglio questa prima fase del post terremoto. Il primo cittadino ha inoltre annunciato di aver annullato in via precauzionale i festeggiamenti patronali di san Placido, iniziati venerdì e che si sarebbero conclusi sabato.

Levento ha avuto una vasta area di risentimento, come dimostra la mappa delle segnalazioni arrivate attraverso il questionario macrosismico online, comunica lIstituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). Il terremoto prosegue la nota è avvenuto in una zona ad alta pericolosità sismica, interessata sia dalla sismicità legata allattività del vulcano Etna sia da eventi di origine tettonica che possono raggiungere magnitudo elevata, come nel caso del 1818 quando si ebbe un evento di magnitudo pari a 6.3″. In quel caso lepicentro si era verificato nel comune di Aci santAntonio, con effetti distruttivi nel catanese, alle falde dellEtna e nei Paesi della costa ionica.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/06/catania-scossa-di-magnitudo-4-8-alle-pendici-delletna-lesionati-cornicioni-e-muri/4674135/5/#foto


news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news