LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, dopo duemila anni spunta il giardino incantato
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno - Campania 6/10/2018

Alla luce nella Regio V un affresco dedicato ai Lari. Figure nitide e colori vivaci
Osanna: molto da scoprire

Napoli. Colori accesi, figure nitide, definite fin nei minimi particolari. Non è la prima volta che negli Scavi del sito archeologico più importante del mondo affiora un affresco. Ma quello venuto alla luce nei giorni scorsi nella Regio V è unico. Sembra dipinto ieri e il tempo non ha intaccato ciò che a lava del Vesuvio ha conservato per duemila anni.

Agli occhi degli operai intenti nello scavo e degli archeologi è apparsa una parete dedicata al culto dei Lari. La suggestione di un luogo rimasto segreto per millenni, con la lucerna di bronzo, la piccola ara di terracotta nellaiuola, il coperchio del pozzo appena spostato, come se qualcuno della famiglia fosse appena passato di lì. Una parete con paesaggi idilliaci su cui sono raffigurati uccelli e piante. Con ai lati i Lari, gli spiriti protettori di antenati defunti che, secondo le tradizioni romane, vegliavano sul buon andamento della famiglia.

Un vero giardino incantato impreziosito da un grande altare custodito da due grandi serpenti. Il larario misura 4 metri per 5. Il grande affresco fa parte di una casa già ritrovata in parte agli inizi del Novecento, con accesso dal vicolo di Lucrezio Frontone. Come nellusanza delle Domus romane, le pitture dovevano creare, di fronte al grande giardino della casa, un continuo gioco tra illusione e realtà, tra piante dipinte e quelle vere. E addirittura leffetto ottico era proiettato anche sulle figure degli animali tanto che un pavone dipinto sembra raspare il terreno del giardino. Al pari, lara al centro dei due serpenti, con le offerte (la pigna e le uova), trova corrispondenza in unarula (piccolo altare) in pietra ritrovata nel giardinetto e sulla quale ancora insistono tracce di bruciato delle offerte che servivano a onorare le divinità domestiche, a garanzia del benessere e della prosperità di tutta la famiglia. Lì cerano e statuette degli avi.

Sulla parete opposta, invece, una scena di caccia su fondo rosso con diversi animali di colore chiaro che circondano un cinghiale nero, sembra alludere simbolicamente alla vittoria delle forze del bene sul male. Si trattava di una stanza adibita al culto, ancora tuttavia da definire nella disposizione degli spazi, considerata la presenza insolita di alcuni elementi come la vasca bordata dal giardinetto, posta al centro dellambiente e lo spazio soppalcato che chiude uno dei lati.

Questi straordinari ritrovamenti rientrano nel più vasto intervento di manutenzione, quello della messa in sicurezza dei fronti di scavo - afferma il direttore generale del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna - che sta interessando i circa tre chilometri di fronti che delimitano larea non scavata di Pompei. Un intervento fondamentale in una delle aree più a rischio del sito, mai prima trattata complessivamente e che oggi grazie alloperazione di riprofilamento dei fronti, che ha lo scopo di ridurre la pressione del terreno sulle aree già scavate, ci sta anche consentendo di portare alla luce ambienti intatti con splendide decorazioni.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news