LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Camaldoli, confiscato il Casale da Padeira. Condanna per Polverino
Titti Beneduce
Corriere del Mezzogiorno - Campania 7/10/2018

Piscine e ristoranti edificati senza permesso

Napoli. Come se la collina dei Camaldoli appartenesse a lui. Come se non ci fossero vincoli paesaggistici e idrogeologici: così Crescenzo Polverino aveva realizzato, nellarco di più di ventanni, il Casale da Padeira, un centro benessere con tre piscine; nelle vicinanze erano stati costruiti anche un panificio e diverse abitazioni. Ora un giudice ha stabilito che Polverino ha commesso numerosi reati (lottizzazione abusiva, realizzazione di discarica abusiva, delitto paesaggistico e violazione di sigilli) e lo ha condannato a quattro anni e due mesi di reclusione.

Ma la cosa più importante è che, con la sua sentenza, il giudice monocratico Stefania Daniele, della I sezione penale del Tribunale, ha disposto la confisca dellarea, vasta circa 53.000 metri quadri. Le strutture che vi insistono diventano dunque dello Stato; al Comune, che si era costituito parte civile, va inoltre una provvisionale di 100.000 euro, somma che deve considerarsi un anticipo di quella che sarà stabilità dal giudice civile. Si tratta di una vittoria della Procura e in particolare dallaggiunto Nunzio Fragliasso e del sostituto Lucio Giugliano, che si sono battuti moltissimo per il ripristino della legalità. Non a caso, subito dopo la lettura del dispositivo, Crescenzo Polverino e alcuni suoi familiari hanno protestato duramente.

La vicenda del Casale da Padeira è sconcertante, ma al tempo stesso emblematica. Tra il 1992 e il 2002, infatti, nonostante i circa 40 interventi e sequestri delle forze dellordine, la realizzazione delle opere edilizie è proseguita senza particolari problemi; il Comune ha emesso più volte ordinanze di abbattimento, ma non le ha mai eseguite. Lassetto idrogeologico della collina è stato compromesso senza rimedio dagli sbancamenti per realizzare fogne e parcheggi. Polverino si è sempre difeso asserendo di essere in possesso delle licenze commerciali e ha accusato di inerzia lufficio del Comune che si occupa di condoni; il giudice, tuttavia, ha ritenuto fondata la tesi dellaccusa.

Il sequestro del complesso edilizio risale al 2012 e alcuni dei reati sono già prescritti: ma la confisca, ha stabilito la Cassazione, è irrevocabile. Nonostante non avesse uno straccio di permesso per costruire (e non avrebbe potuto averne, dal momento che larea è sottoposta a diversi vincoli) Polverino pubblicizzava tranquillamente il centro benessere su diversi siti e ancora adesso, sulla pagina Facebook del Casale, lancia invettive contro la magistratura. Inoltre nei mesi scorsi si era rivolto al Tribunale civile chiedendo un risarcimento da un milione di euro al Comune di Napoli (custode dei beni sequestrati) e al ministero della Giustizia per il presunto deterioramento delle strutture. La palla passa adesso al Comune, che dovrà dimostrare in tempi rapidi di gestire in modo ottimale un bene di enorme valore.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news