LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Così il Grande Progetto ha rilanciato Pompei"
09 ottobre 2018 LA REPUBBLIca


"Così il Grande Progetto ha rilanciato Pompei"
Per "salvare" Pompei "occorre scavare". In questo modo, il direttore del Parco archeologico di Pompei, il professor Massimo Osanna, ha riassunto il senso e l'obiettivo del "Grande Progetto Pompei", che ha illustrato oggi durante una conferenza presso l'ambasciata d'Italia a Berlino. Avviato dal governo italiano nel 2012 con finanziamenti nazionali ed europei e prorogato fino al 2020, il "Grande Progetto Pompei" vuol fornire una nuova immagine della città vesuviana attraverso campagne di scavo e restauro, lavori di consolidamento, messa in sicurezza, manutenzione e ammodernamento dell'intero sito archeologico mediante un approccio multidisciplinare che sfrutta le più moderne tecnologie.

Secondo quanto riferito dall'ambasciata d'Italia a Berlino in un comunicato, il "Grande Progetto Pompei" ha contribuito "in maniera sostanziale al crescente successo" di visitatori (3,5 milioni 2017) della città vesuviana, "grazie anche alla riapertura di 37 domus rimaste a lungo chiuse al pubblico, al cospicuo ampliamento della rete viaria urbana che ha reso accessibile gran parte del sito, e ai numerosi e spettacolari ritrovamenti".


Secondo Osanna, a Pompei si devono "coniugare sicurezza, conoscenza e restauro" del sito archeologico scoperto nel 1748. Per l'accademico, in particolare, "i 105 milioni di euro" del "Grande Progetto Pompei" hanno provocato "una piccola rivoluzione" nella città vesuviana, portando "in quattro anni un milione in più di visitatori e riaprendo settori chiusi dal terremoto del 1980" che colpì la Campania e le regioni limitrofe. Pompei è infatti "un luogo straordinario" che vive "una seconda vita dai primi scavi del 1748, un luogo dove si è sperimentata l'archeologia europea, dove è nata l'archeologia europea", ha sottolineato Osanna. L'accademico ha poi aggiunto che l'importanza del sito non è legata soltanto ai lavori di scavo, ma anche al suo essere "il luogo che più di ogni altro ha influenzato la cultura europea" per secoli nelle sue più diverse espressioni.

Per continuare a vivere, la storia di Pompei deve coniugarsi con il presente e proiettarsi verso il futuro. Appare questo l'obiettivo del "Grande Progetto Pompei", avviato dopo il crollo della Schola armaturarum avvenuto nel sito nel 2010. Il disastro provocò profonda indignazione in Italia e all'estero e mise in luce le gravi criticità della città vesuviana che Osanna ha fatto derivare, tra l'altro da "un'accelerazione del degrado" in particolare a seguito del terremoto del 1980. Partita ufficialmente nel 2014, l'iniziativa del governo italiano, finanziata con fondi nazionali ed europei, ha dotato Pompei di "una nuova governance e un nuovo team", ha evidenziato Osanna.



news

27-03-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 marzo 2020

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

Archivio news