LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lucio Dalla, gli eredi vincono il ricorso contro il vincolo sulla collezione di opere darte
Daniela Corneo
Corriere di Bologna 20/10/2018

BOLOGNA - Gli eredi di Lucio Dalla hanno sconfitto il ministero dei Beni culturali. Che adesso dovrà pure pagare loro le spese legali sostenute per la loro battaglia, vinta definitivamente grazie a una sentenza del Consiglio di Stato. I fatti risalgono al 2014. Lallora ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, aprì il conflitto con un tweet: Avviate le procedure per il vincolo sulla collezione di Dalla. Un patrimonio da non disperdere, ma da conservare e valorizzare. Una mossa, quella dellex ministro dem, che arrivava a sostegno di una decisione della Direzione regionale dei Beni culturali, allora a guida Carla Di Francesco. Fu lei a mettere il vincolo a oggetti, quadri, foto, ricordi della casa del cantautore bolognese, ritenendoli un pezzo di storia del costume del nostro Paese. Un vincolo che, da subito, fu vissuto dagli eredi dellartista bolognese come un affronto e una mancanza di fiducia nei loro confronti.

La contesa
I parenti del cantautore, che nel 2012 hanno ereditato tutto il suo patrimonio in mancanza di un testamento, fecero ricorso al Tar dellEmilia-Romagna per contrastare la decisione di Soprintendenza e ministero. E il Consiglio di Stato ha emesso la sua sentenza definitiva: quel vincolo non si può mettere. E lo motiva, si legge nel testo della sentenza pubblicato online sul sito dellultimo grado di giudizio in ambito amministrativo, dicendo che la Soprintendenza ha imposto un illegittimo e generico vincolo sul tutto, rinviando a un successivo accordo con la proprietà la chiara individuazione si cosa effettivamente sottoporre a vincolo. Non si ha un vincolo su beni determinati, ma si è di fronte a un vincolo affettivo caratterizzato da palese aleatorietà e indeterminatezza. È così mancata lattività istruttoria che non è mai stata compiuta.

Le motivazioni della sentenza
Ma non solo: per il Consiglio di Stato tutti gli oggetti e gli arredi contenuti nellabitazione di Dalla in via DAzeglio non si possono considerare una collezione. I beni invece sono stati trattati come se si trattasse di una collezione. Sono stati vincolati gli arredi solo perché appartenevano allartista, senza che sia stato dimostrato il presunto legame inscindibile tra gli stessi e soprattutto il legame con la produzione artistica e la rilevanza culturale di tale legame, mette nero su bianco il Consiglio di Stato.

Cosa ne sarà
Insomma: per i parenti di Lucio Dalla adesso giustizia è fatta. Ma questo non significa che laver provato lillegittimità del vincolo posto quattro anni fa dal ministero dei Beni culturali e dalla Soprintendenza regionale cambierà in qualche modo le sorti degli oggetti, dei quadri e degli arredi che gli estimatori del cantautore vanno periodicamente a visitare nella sua casa-museo. Quelli resteranno lì, dove sono oggi, e continueranno a essere parte integrante della Fondazione Lucio Dalla, la cui intenzione è quella di continuare a ricordare il cantautore bolognese e organizzare iniziative che ne celebrino larte e il legame con la sua città.

https://corrieredibologna.corriere.it/bologna/cronaca/18_ottobre_20/lucio-dalla-eredi-vincono-ricorso-contro-vincolo-collezione-opere-d-arte-b21c45b2-d42f-11e8-adfe-2c8ef5d09122.shtml


news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news