LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sui fondali del Mar Nero scoperta la "nave di Ulisse": ha 2400 anni ed è la più antica del mondo
https://www.ilmessaggero.it/mondo/nave_ulisse_mar_nero_ritrovamento_antica_omero_odissea-4059100.htm

Una nave di 2400 anni fa, praticamente intatta è adagiata sui fondali del Mar Nero. Per gli storici è simile alla nave di Ulisse, raffigurata in un antico vaso. Secondo molti studiosi è (forse) la nave più antica del mondo mai ritrovata. L'imbarcazione è lunga 23 metri. Veniva usata per i commerci ed era originaria della Grecia classica. Il relitto è stato scoperto da un team d'archeologi guidati dal britannico Joe Adams nell'ambito di un entusiasmante programma di ricerca sottomarino denominato Black Sea Maritime Archaeology Project.
Il reperto, individuato a circa 2000 metri sotto il livello del mare - e destinato per il momento a restare lì -, è completo di albero, timone e postazioni per gli addetti ai remi. E il suo stato eccezionale di conservazione è dovuto alle condizioni di mancanza d'ossigeno a quella profondità, oltre che al particolare habitat di un bacino chiuso e preistorico come il Mar Nero.

Una nave sopravvissuta intatta dall'epoca classica, a 2 chilometri di profondità, è qualcosa che non avrei mai creduto possibile vedere, ha raccontato al Guardian il professor Adams. L'anticipazione del Guardian è di oggi, in attesa della proiezione, al British Museum di Londra, di un documentario girato durante i lavori d'indagine. Si tratta di un ritrovamento che cambierà le nostre conoscenze e la nostra compressione delle attività di cantieristica e della marineria del mondo antico, ha aggiunto senza riuscire a nascondere l'emozione provata.
Per la datazione è stato eseguito anche un test al carbonio 14, affidato ai ricercatori dell'università inglese di Southampton che hanno potuto analizzare piccoli pezzi del relitto riportati in superficie. E anche questo esame ha confermato l'età stimata di circa 2400 anni.
Un'indicazione che trova del resto un'ulteriore - e ancor più suggestiva - testimonianza nel disegno raffigurato su un vaso più o meno coevo, della collezione del British: il cosiddetto 'Siren Vasè, in cui appare il profilo di un'imbarcazione, molto simile a quella posata sul fondo del Mar Nero, che si ritiene rappresenti la nave di Ulisse al momento dell'incontro con le Sirene narrato poeticamente da Omero nell'Odissea.
Adams ha comunque confermato che la 'sua nave di Ulisse non rivedrà per ora la luce. Riportarla in superficie - secondo le valutazioni dell'equipe che l'ha scoperta al culmine di un progetto sfociato anche nel rinvenimento di vari altri preziosi relitti, da navi romane complete di anfore a imbarcazioni cosacche ai servizio degli zar russi del '600 - significherebbe distruggerla. Almeno con le tecnologie di oggi.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news