LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I signori delle mostre tornano a Torino
Ilaria Dotta
Corriere della Sera - Torino 26/10/2018

I Macchiaioli alla Gam pagata da 24 Ore Cultura: porteremo altri eventi blockbuster

La mostra I Macchiaioli. Arte italiana verso la modernità, che apre al pubblico oggi alla Gam, segna il ritorno in città di 24 Ore Cultura. E' lavvio di una nuova sinergia tra la società milanese e la Fondazione Torino Musei, con la benedizione della sindaca Chiara Appendino.

Ma non è che il primo passo, assicurano il presidente della Fondazione Maurizio Cibrario e lamministratore delegato di 24 Ore Cultura Federico Silvestri, che parlano di nuovi progetti già allo studio. Insomma, la speranza è che in città tornino finalmente le cosiddette mostre blockbuster. Ora lo dice anche la sindaca: Speriamo che questa sinergia tra pubblico e privato continui.

Il costo della mostra si aggira, stando a voci di corridoio, sul milione di euro. A pagare assicurazione, trasporto e comunicazione è 24 Ore Cultura, mentre la Fondazione ha dovuto soltanto mettere a disposizione gli spazi e il personale.

Più che una mostra, è una dichiarazione dintenti. Meglio ancora, la prova di una svolta: le esposizioni blockbuster di cui fino a poco tempo fa Torino sembrava decisa a fare a meno, ora suscitano di nuovo parecchio interesse. Non solo tra il pubblico, che ha ben dimostrato quanto sia facile disertare i musei quando mancano i grandi eventi. Ora pare che inizino a convincersene anche dalle parti di Palazzo civico. E infatti, la novità è una mostra quella dedicata ai Macchiaioli aperta al pubblico da oggi alla Gam che sancisce il ritorno in città di 24 Ore Cultura, società specializzata nella produzione di mostre darte. Un rientro, a due anni di distanza, che dà il via a una nuova collaborazione con la Fondazione Torino Musei.

Questa volta siamo riusciti a strappare noi qualcosa a Milano, scherza il presidente Maurizio Cibrario. Il suo buonumore è tuttaltro che fuori luogo. Perché oltre alle competenze, 24 Ore Cultura ha messo a disposizione anche parecchi soldi. Quanto non possiamo dirlo spiega lamministratore delegato Federico Silvestri , perché siamo quotati in borsa e quindi non è opportuno. Qualcuno suggerisce che la cifra si aggiri attorno al milione di euro. Quel che è certo è che la società si è fatta carico di buona parte dei costi: dallassicurazione e il trasporto delle opere alla comunicazione. In pratica, alla Fondazione non è rimasto che mettere a disposizione le sale di via Magenta e il personale. In cambio, 24 Ore Cultura avrà gli incassi della biglietteria fino al raggiungimento del break even fissato a 70 mila ingressi. Dopodiché una percentuale andrà alla Gam. Inoltre, la società potrà, al termine della tappa torinese (fino al 24 marzo) esportare la mostra altrove. È bello portare esposizioni come questa in giro per il mondo, ma è ancora più bello pensare di poter partire da qui sottolinea la direttrice esecutiva, Chiara Giudice . La mostra segna il nostro ritorno a Torino, perché qui abbiamo trovato le condizioni giuste. La Gam è una sede prestigiosa, molto adatta a ospitare questo tipo di opere, e con uno staff preparatissimo.

Giudice non ha dubbi: non si tratterà di un evento fine a se stesso. È una ripartenza assicura . Abbiamo già in mente nuovi progetti per il futuro, che stiamo valutando insieme con i vertici della Fondazione Torino Musei. Il presidente Cibrario conferma. E su unaltra questione i due si trovano perfettamente daccordo: Mancano le mostre blockbuster? Quello che serve è una maggiore collaborazione tra pubblico e privato, garantisce Giudice.

E questa volta la pensa allo stesso modo anche la sindaca Chiara Appendino, che sembra non disdegnare più le grandi mostre e i partner privati. Anzi. È un ritorno di cui siamo felici e orgogliosi certifica la sindaca . Si tratta del risultato di una sinergia forte tra pubblico e privato, che speriamo possa continuare in futuro. Sono certa che, da parte dei torinesi ma non solo, ci sarà una incredibile risposta.

E nel frattempo, la Fondazione Torino Musei guarda già avanti. I conti vanno meglio, dice Cibrario, e si sta pensando a come incrementare le entrate. Vogliamo sviluppare relazioni internazionali con tutti quei Paesi che richiedono cultura e stiamo lavorando ad alcuni progetti annuncia con lobiettivo di promuovere larte a Torino, ma anche nel resto del Piemonte e a livello internazionale.

Lobiettivo è sfruttare il patrimonio della Fondazione, dalle collezioni darte antica di Palazzo Madama ai capolavori del 900 della Gam. Abbiamo già preso contatti con Nagoya, città gemellata con Torino, e il suo City Art Museum, dove nel 2021 è in programma una mostra curata da Riccardo Passoni, direttore della Gam, e dedicata a Felice Casorati. Ma non solo. Negli Emirati Arabi, a Sharjah, è stata inaugurata unesposizione del Mao sul teatro di figura e unaltra, al momento in fase di organizzazione, sarà dedicata al tema dellacqua nel mondo islamico.

Abbiamo anche allo studio una serie di progetti con la Cina, anticipa Cibrario.



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news