LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Luci dartista, vandali e pupazzi al neon
Gabriele Ferraris
Corriere della Sera - Torino 25/10/2018

La decisione del Comune di non installare in via Roma la luce dartista Planetario di Carmelo Giammello ha suscitato un ampio e surreale dibattito. Così come la conferma che anche questanno buona parte delle Luci (undici delle 24 esposte in totale) non saranno in centro, ma sparpagliate nelle altre sette circoscrizioni cittadine. Infine, per placare i commercianti di via Roma inviperiti per la perdita del Planetario, la giunta ha annunciato che in via Roma verranno comunque piazzate delle luminarie natalizie, benché non dartista. E questultima trovata sembra non turbare nessuno. Tutti daccordo. Meglio che niente, si saranno detti i fini intenditori: sono pur sempre luci, no? È caratteristica propria della decadenza dimenticare il significato autentico di unopera darte per adattarla alle esigenze e alla mentalità del momento. Ventanni fa Luci dArtista fu inventato dallallora assessore alla Promozione della città, Fiorenzo Alfieri, come progetto darte diffusa che superasse la banalità cafona delle solite luminarie natalizie. Lidea era di allestire nelle vie centrali di Torino una sorta di museo allaperto dove la creatività contemporanea dialogasse con le architetture dei palazzi storici. Ma le singole Luci dialogavano anche fra di loro, costituendo così unopera unica, collettiva e diffusa. Ne discende, come prima conseguenza, che spostarne alcune fuori dal centro storico può essere una scelta giustificata da un obiettivo politico (coinvolgere le periferie) però equivale su un piano della lettura di unopera darte al vandalismo subìto da certe pale daltare che per ignoranza o avidità furono smembrate e le singole tavole vendute o rubate.
Sicché, se non sono perdute, quelle tavole le ritrovi sparpagliate in musei diversi in giro per il mondo. Snaturate, e dunque immiserite, essendosi persi gli equilibri che reciprocamente le esaltavano nel progetto originale dellintera pala. Capisco che il concetto, applicato a Luci dArtista, oggi risulti astruso: lopera fu pensata in tempi diversi, quando persino i pubblici amministratori erano attrezzati con un briciolo di cultura. Ma la conferma definitiva che il medioevo contemporaneo ha scordato il significato dellopera darte Luci dArtista anzi, lidea stessa che si tratti di unopera darte arriva dalla decisione, pacifica e non contestata, di sostituire una parte perduta di quellopera (per lappunto il Planetario di Giammello in via Roma) con banali luminarie natalizie da centro commerciale. Ciò significa che la Torino odierna considera le Luci dArtista nullaltro che addobbi per le Feste: magari più eleganti di quelli dei centri commerciali, epperò fungibili e rimpiazzabili alla bisogna con un po di lampandine colorate. Ma cè di peggio: le luminarie natalizie di via Roma coabiteranno con le tredici Luci dArtista esposte in centro (superstiti brandelli dellopera darte diffusa immaginata ventanni fa) e dunque diventeranno un corpo estraneo, un elemento non artistico inserito violentemente nel tessuto di unopera darte.

Immaginate un affresco di cui si siano perse alcune parti: immaginate lAllegoria del Buono e del Cattivo Governo, di Ambrogio Lorenzetti, a Siena. E immaginate che qualche sciagurato, per non lasciare quelle parti vuote, vada a disegnarci dei pupazzetti col pennarello. Voglio sperare che, persino nellItalia del 2018, lo ingabbierebbero e butterebbero via la chiave. Ecco: le luminarie commerciali di via Roma sono i pupazzetti nellaffresco di Luci dArtista. Ok, Torino non è Siena, e Luci dArtista purtroppo non è lAllegoria di Lorenzetti. Ma sempre arte è. E come tale meriterebbe di essere trattata con rispetto. Non con la tracotanza degli ignoranti.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news