LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Piazza del Plebiscito, Bassolino critico: Manca il rispettotra le autorità
Corriere del Mezzogiorno - Campania 26/10/2018

Serviva un accordo prima, si corra ai ripari

NAPOLI. È la sua piazza. Lha appena attraversata e limpressione che ne ha ricevuto non è delle migliori: tanta ammuina e niente che gli ricordi il vecchio splendore. E la speranza di rinnovamento che aveva innescato. Si partì da lì, dalla piazza, i risultati furono più che incoraggianti, poi progressivamente la città matrigna ha preso il sopravvento.

Quando lo incrociamo Antonio Bassolino, con la moglie Annamaria Carloni, sta raggiungendo il Circolo Artistico per la presentazione di Agorà, il libro di Goffredo Bettini. Tutto si tiene, si parla di luoghi di aggregazione urbani capaci di superare le barriere delle istituzioni e un discorso su piazza del Plebiscito e sulla guerra che si è scatenata intorno alla stazione del metrò cade, come si dice, a proposito.

Bassolino, da che parte sta?

Non ho soluzioni da condividere, non intendo parlare di grate e di altre questioni, per me non deve esserci contrapposizione tra lesigenza sacrosanta di salvaguardare lintegrità storica ed estetica della piazza e laltra, altrettanto importante, di mandare avanti i lavori della metropolitana. Oserei dire che sono due bellezze da salvare, la piazza per quello che rappresenta e il metrò che da tutti viene considerato il più bello dItalia.

Daccordo, il problema è questo, ma ora lo scontro è frontale e uno dei due contendenti deve soccombere.

Siamo a questo punto perché è stato commesso un errore, non oso neanche pensare alle conseguenze che ne deriverebbero aggiungendone un altro.

Di quale errore parla?

Lesigenza di mettere daccordo le varie parti in questione andava affrontata e risolta preventivamente attraverso unopera di concertazione paziente, meticolosa e capillare nellinteresse della città. Non avendo compiuto questo passaggio iniziale siamo arrivati al punto in cui oggi ci troviamo.

Tutti contro tutti. Bassolino, chi ha sbagliato?

Beh, la concertazione è unattività di competenza del sindaco e dellamministrazione comunale. È mancato, come dire, linput fondamentale.

Hanno sbagliato de Magistris e la giunta, dunque.

Fate voi, ma il problema oggi è uscire dallimpasse e rimontare sui rapporti compromessi tra le varie istituzioni interessate, soprattutto la Soprintendenza. In una parola bisogna fare quello che non è stato fatto prima, anche se mi rendo conto che il compito è molto più difficile. Senza fare drammi e senza scatenare guerre di religione.

Come, invece, sta avvenendo.

Lo ripeto, bisogna mettersi intorno ad un tavolo, placare gli animi e avviare una operazione di ricucitura. Che io ricordi noi si è fatto sempre così e siamo riusciti quasi sempre a mettere tutti daccordo.

Da dove ripartire?

Da una convocazione a firma del sindaco, nella quale, magari, bisogna sottolineare che bellezza e lavoro devono stare insieme. Nel caso di piazza Plebiscito questo è possibile. Mi sembra paradossale, infatti, quello che si sta verificando. Con la metro siamo andati nelle viscere della città, piazza della Borsa, piazza Municipio attraversando il cuore del centro storico.

Le parti in commedia, però, sembrano poco disposte.

Se è vero occorre ricucire gli strappi, come facevamo noi convocando il plenum delle Soprintendenze e utilizzando la collaborazione di tutti, anche di Stefano De Caro. Non è stato semplice, ma il risultato quasi sempre ci ha premiato. Anche perché tra le varie componenti istituzionali cera un rispetto reciproco.

Che oggi non cè.

No, a giudicare dalle cronache dei giornali.

Unultima domanda che è un invito ad un amarcord. Quando gli ricordiamo che nel 1994 per liberare piazza del Plebiscito e farne la vetrina di Napoli che tentava di risalire la china, fu necessario sfondare molti muri Antonio Bassolino conferma: Sudammo più di sette camicie e curammo tutti i dettagli, anche quelli apparentemente meno importanti, come reclutare gli ultimi scalpellini per scolpire i sanpietrini che mancavano e implorare gli anziani abituali frequentatori della piazza a controllare che gli operai lavorassero alacremente. Cronache ingiallite dal tempo.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news