LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Merano. Il Museo delle Donne
Francesca Visentin
Corriere dell'Alto Adige 25/10/2018

Merano: la struttura compie 30 anni e festeggia con tre mostre ed eventi contro gli stereotipi

Cè la valigia dellostetrica che nel dopoguerra ha fatto nascere 3500 bambini e la calcolatrice che una segretaria ha usato ogni giorno per quarantanni. Oggetti comuni, piccole storie individuali, ognuna speciale, che costruiscono la grande storia. E cè anche levoluzione della contraccezione in Italia o degli assorbenti.

Al Museo delle Donne Frauenmuseum di Merano, il percorso è nella storia, nel ruolo e nellimmagine della donna, dal XIX secolo ad oggi. Ma non solo. Perchè la vera mission è leducazione e la formazione di una cultura dei diritti e della parità. Il museo di Merano è uno dei tre musei dedicati alle donne che esistono in Italia (con Torre Pellice Torino e quello in Valsugana) e uno degli 88 al mondo e fa parte della rete internazionale dei musei delle donne, che ha sede proprio nella location di Merano, in un ex concento di Clarisse. Questanno la struttura festeggia i 30 anni dalla nascita e fervono gli eventi: tre mostre, incontri e convegni. Il 10 novembre (dalle 9 alle 19) il confronto sul tema: Che cosa hanno a che fare le pari opportunità con la pace, la cultura, la democrazia?. E dal 9 novembre (fino al 30) la mostra Cosa bolle in pentola, che sviscera comè cambiata sia la cucina intesa come focolare domestico, che lo stile alimentare e di vita delle famiglie. Chiude il 30 ottobre invece lesposizione già in corso Sulla Pelle, sul fenomeno globale del tatuaggio, lavoro fotografico di Paola Marcello, dai tatuaggi tribali, ai ritratti di donne tatuate oggi.

Sigrid Prader, instancabile direttrice del Museo delle Donne di Merano, è appena rientrata dal meeting internazionale di Instanbul, dove la rete dei musei delle donne di tutto il mondo si è confrontata sulle prossime iniziative.

Lobiettivo della rete internazionale è dare visibilità alle donne, incoraggiare la cultura femminile, promuovere la ricerca e la formazioni sui temi di parità e diritti. Abbiamo tante idee e progetti ancora da realizzare. Vogliamo sviluppare ulteriormente la sinergia internazionale e lo scambio con i musei di tutto il mondo, attraverso convegni, workshop, mostre.

In un momento storico in cui la gender equality e la parità di diritti, ma anche di stipendi, tra uomini e donne è al centro del dibattito internazionale, il Museo delle Donne di Merano ha precorso i tempi e inaugurato una piccola rivoluzione, perchè il motivo per cui è nato è stato occupare lo spazio di un mondo che era tradizionalmente solo maschile: i musei. Da sempre sono i musei che decidono cosa sia significativo dal punto di vista storico e artistico e quindi degno di essere collezionato, tramandato, ricordato - spiega la direttrice Sigrid Prader - . Da secoli i musei hanno anche deciso cosa escludere, cosa definire meno importante. E tra le cose meno importanti hanno messo cultura, azioni e opere realizzate da donne. Così i musei delle donne entrano prepotentemente in questo squilibrio di genere e portano nella realtà sociale e culturale il pensiero, la storia, larte, la cultura femminile.

Il futuro? E importante mantenere un carattere innovativo. Noi e anche gli altri musei delle donne abbiamo ormai superato il limite di un museo tradizionale, già da tempo ci occupiamo anche di temi considerati tabù che hanno innescato discussioni socio-politiche.

Nel viaggio attraverso gli ultimi 200 anni che offre la struttura di Merano, gli oggetti di uso quotidiano in esposizione rispecchiano, anno dopo anno, la situazione economica e sociale delle donne. Lobiettivo - chiarisce Sigrid Prader - è sia rendere visibili immagini e modelli femminili, sia interrogarne linterpretazione corrente. Lanalisi e il confronto è ricco di spunti di riflessione. Ad esempio se 50 anni fa la moda condizionava le donne attraverso i corsetti, oggi la libertà è solo apparente. Rifarsi il seno, essere magre e depilate è comunque un tipo di condizionamento ben lontano dalla libertà.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news