LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia resterà polo crocieristico. Svolta Toninelli, senza Marghera
Francesco Bottazzo
Corriere del Veneto 26/10/2018

Riunione con i ministri di Ambiente e Cultura, esclusi Comune e Porto. Verso loff shore

VENEZIA. Garantiremo piena tutela ambientale, culturale e paesaggistica alla laguna, mantenendo Venezia quale primario polo crocieristico italiano, posta il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli assieme alla foto che lo ritrae assieme al collega dei Beni culturali Alberto Bonisoli e dellAmbiente Sergio Costa. Al lavoro per risolvere il dossier grandi navi Venezia, in sinergia con il territorio e le autorità locali, precisa. In realtà territorio e autorità locali cadono dalle nuvole, con Comune e Autorità portuale ancora alloscuro di cosa abbia intenzione di fare il governo. Quella di ieri è stata la prima riunione tra i tre ministri competenti che, a sentire i collaboratori di Toninelli, potrebbe portare nel giro di un mese alla soluzione finale. Il punto di partenza sarà il dossier che nei mesi scorsi lAutorità portuale ha consegnato al ministero ma anche la volontà del responsabile dei Beni culturali di inserire il vincolo storico-artistico sul canale della Giudecca. E chiaro che in questo contesto dovrà essere riconosciuto il danno provocato dalle navi altrimenti il provvedimento andrebbe incontro a ricorsi.

Lobiettivo sembra essere quello di trovare una linea comune tra ministeri che possa essere sviluppata in tavoli tecnici alla presenza delle autorità competenti. La soluzione individuata dal Comitatone del 7 settembre dellanno scorso (le navi più grandi a Porto Marghera, quelle intermedie alla Marittima attraverso il canale Vittorio Emanuele assieme al settore luxury che continuerà a passare davanti a San Marco) è solo unipotesi, e da quello che trapela dal ministero delle Infrastrutture nemmeno quella che raccoglie maggiori consensi. Anzi, pare che il ministro Toninelli abbia escluso proprio la soluzione Marghera (sponsorizzata da Porto, Comune, Regione e compagnie), aprendo invece al terminal alla bocca di porto o comunque fuori dalla laguna. La soluzione che lanalisi multicriteria elaborata dal Porto di Venezia ha identificato come la peggiore rispetto al rapporto tra costi e benefici, e che hanno bocciato anche gli armatori schierati per il mantenimento della Marittima e per un nuovo terminal a Porto Marghera.

Siamo disponibili a collaborare con tutte le nostre risorse, ma ci aspettiamo che limplementazione della roadmap del Comitato sia celere nellinteresse di tutti. Noi siamo i primi a voler eliminare il passaggio delle grandi navi dal canale della Giudecca, ha detto ieri Roberto Martinoli, presidente di Clia lassociazione delle compagnie di crociera, alla presentazione dello studio sullimpatto della crocieristica a Venezia. La soluzione individuata a novembre è lunica strategia sostenuta da analisi scientifico-economiche, comprovate da perizie indipendenti e basate su considerazioni di carattere ambientale, ha aggiunto il presidente del Porto Pino Musolino. Anche perché la spesa diretta di passeggeri, equipaggi e navi nel 2017 a Venezia ha raggiunto 155 milioni di euro. Inevitabile quindi che il ministro Danilo Toninelli sottolinei di voler mantenere Venezia quale primario polo crocieristico italiano. Senza il porto lagunare infatti cala anche tutto lAdriatico.

E se Andrea Gersich, Renato Darsiè, Ottavio Serena e Renzo Scarpa ribadiscono la soluzione Fusina (inviata al ministero) come terminal alternativo per le grandi navi (La nostra è una proposta il cui risultato concreto può essere colto a pochi mesi di distanza da oggi, consentendo di completare la discussione in corso sulla soluzione definitiva, concedendo ancora tempo ad una città e ad un Paese che non hanno ancora deciso, dicono) Alessandro Santi presidente di Assoagenti Veneto individua la blue economy come la principale risorsa per mantenere la città viva e attiva, non un museo a cielo aperto o una riserva indiana protetta.




news

19-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news