LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Reti territoriali, Tisi (Mibac): La gestione virtuosa dei beni culturali viene dal territorio
Agcult 26/10/2018

Daniela Tisi, consigliera del Ministro Alberto Bonisoli, illustra i compiti e gli obiettivi che aspettano la neonata commissione Reti museali e sistemi territoriali del Mibac.

Dodici mesi di lavoro per raccogliere le buone pratiche, ascoltare il territorio e sperimentare forme di gestione virtuosa e partecipata in rete dei beni culturali sparsi sul territorio nazionale. E il programma che attende la neonata Commissione Reti museali e sistemi territoriali del Ministero dei Beni culturali guidata da Daniela Tisi, consigliera del Ministro Alberto Bonisoli su queste tematiche. A margine della tredicesima edizione di Ravello Lab Colloqui internazionali, in corso nella località campana dal 25 al 27 ottobre, Tisi descrive ad AgCult il lavoro che la Commissione (la prima riunione è prevista a breve) dovrà affrontare nel prossimo anno.

Nei primi 12 mesi, spiega Daniela Tisi, daremo uno sguardo alla situazione nazionale a livello di gestione dei beni culturali attraverso le buone pratiche nei territori. Nel contempo la Commissione effettuerà delle audizione nei territori. Crediamo infatti che la gestione virtuosa dei beni provenga dal basso. Un ascolto che coinvolgerà associazioni, istituzioni, enti, le fondazioni private, ma anche i semplici cittadini. A breve dovremmo avere la prima convocazione della Commissione con il primo calendario delle audizioni. Quindi questi 12 mesi serviranno per raccogliere le buone pratiche, ascoltare i territori e provare a definire delle aree dove attivare dei progetti pilota che serviranno ad applicare forme di gestione partecipata.

La Commissione valuterà inoltre la possibilità di assegnare un marchio nazionale di qualità territoriale, come elemento attrattore e spinta per il territorio che mostrerà una gestione virtuosa dei beni: attenzione quindi alla sostenibilità, alla capacità di far rete e ad altri indicatori che saranno individuati proprio dalla Commissione.

IL SISTEMA MUSEALE NAZIONALE

La Commissione Reti lavorerà in simbiosi con il Sistema Museale Nazionale. Ci caleremo nei territori partendo dalle reti che coinvolgono tutto il patrimonio culturale e non solo i musei. La Commissione vuole essere uno sguardo sul territorio avendo in mente la nostra visione rappresentata dal Sistema museale. In questo ambito, diamo spazio alla valorizzazione di quei territori che finiscono per essere periferici ma che rappresentano gran parte della ricchezza italiana.

OBIETTIVO: QUALITA DELLA VITA

Il patrimonio culturale in Italia non ha confini e mura spiega ancora Tisi -, si diffonde nel territorio e con esso dialoga. Noi valuteremo quellaspetto e daremo loro la possibilità di presentarsi al grande pubblico con unimmagine unitaria e di qualità. Un progetto ambizioso, ma da qui dobbiamo partire. E lintento non è tanto quello di valorizzazione turistica, ma di miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Allinterno troveranno spazio quindi i servizi, la fruizione dei beni culturali, la gestione sostenibile del patrimonio che parte dal basso inserita, ad esempio, in un piano paesaggistico.

Laltro elemento che sta a cuore alla Commissione e al Ministro è la possibilità di sperimentare una card museale con lobiettivo di fare rete. Ma laspetto principale è che la gestione complessa del patrimonio culturale passi attraverso le nuove tecnologie. Come si tradurrà il tutto è in corso di definizione e sarà il compito proprio della Commissione. Sarà un lavoro di trincea sul territorio. Quando cè una buona azione sinergica tra enti, istituzioni, soggetti pubblici e privati, cittadini che si uniscono con lobiettivo del miglioramento della qualità della vita conclude Tisi -, il ministero deve riconoscere il merito e sostenere questi sforzi. La prospettiva è che, partendo di questi esempi, si inneschi poi un meccanismo per cui tutta lItalia possa strutturarsi in questa maniera.

https://agcult.it/2018/10/26/reti-territoriali-tisi-mibac-la-gestione-virtuosa-dei-beni-culturali-viene-dal-territorio/


news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news