LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La sindrome Tafazzi è sbarcata a Ischia
Franco Di Mare
Corriere del Mezzogiorno - Campania 27/10/2018

A volte una vignetta, una battuta, una gag possono avere un potere icastico superiore a un editoriale, a una lectio magistralis, a un intervento politico. Certe vignette di Forattini per dire - sono passate alla storia per la loro formidabile efficacia narrativa. Qualcuno di voi ricorderà di certo quella del 74, che raffigurava una bottiglia di spumante col tappo che saltava per festeggiare la vittoria dei no al referendum indetto per abrogare la legge sul divorzio: il tappo era Fanfani, combattivo esponente del blocco politico che tentava di cancellare la legge. I profili disegnati dallimmenso Crozza restituiscono lessenza di certi esponenti del governo e dellopposizione più efficacemente di quanto faccia un politologo.
Ricorderete magari anche Tafazzi, personaggio inventato dal trio Aldo, Giovanni e Giacomo, il quale, armato di una bottiglia, si martellava furiosamente le parti intime sorridendo soddisfatto alla voce fuori campo che gli chiedeva cosa diavolo stesse facendo. Esiste una maniera più efficace di quella per rappresentare la formidabile vocazione che abbiamo nel farci del male da soli, in modo inconsapevole e irresponsabile?

Voi prendete quello che sta succedendo a Forio dIschia da qualche tempo a questa parte e ditemi se certi comportamenti non vi ricordano il mitico Tafazzi. Mentre una parte dellisola partecipa a una straordinaria operazione di pulizia dei fondali, in accordo con le associazioni di volontariato, la capitaneria di porto, la marina, i carabinieri, le istituzioni nazionali; mentre da anni è in corso una operazione di recupero di immagine di unisola che in passato ha concesso un po troppo al mattone selvaggio, a discapito della sua naturale bellezza; mentre tutti cercano di lasciarsi alle spalle i danni del terremoto e di riconquistare il terreno perduto nella classifica delle mete più ambite dal turismo internazionale, Tafazzi è allopera a Forio dIschia, che si fa del male da sola senza un ragionevole perché.

Per quanto possa apparire incredibile, in uno dei punti più belli dellisola è stato creato un parcheggio per i camion di raccolta rifiuti e una zona di trasferimento della differenziata. È la sindrome di Tafazzi. Punta Caruso è il luogo dello scempio. Tra i mille luoghi meravigliosi dellisola verde, quello è di certo uno dei più suggestivi. Da lì si gode la vista di un panorama spettacolare e tramonti da cartolina. Lì ci sono alcune delle ville più ambite elette a buen retiro da molti fortunati vip i poli attrattivi del turismo vivono anche di queste cose. La faccenda non è nuova a dire il vero. Già nel 2013 lattività di trasferenza dei rifiuti vale a dire la separazione del vetro dal resto era stata individuata nellarea di Zaro, a ridosso di Punta Caruso. Ma la soprintendenza, dopo un primo sì, aveva dato parere sfavorevole, dal momento che il danno ambientale era troppo elevato: la zona è immersa nel vede, a due passi dai giardini della Mortella, poco distante dalla Colombaia di Visconti. Tuttavia, davanti alla gravissima crisi dei rifiuti di Napoli (tra il 2007 e il 2008) la procura decise di riaprire temporaneamente larea per consentire la raccolta e lo smistamento dei rifiuti ed evitare un disastro dimmagine nella stagione turistica. Si trattava appunto di una decisione temporanea, dettata dallemergenza. Ma le cose sono poi andate diversamente. E così, adesso, invece di studiare la maniera più efficace per valorizzare la zona ed esaltarne la naturale vocazione al bello, lamministrazione comunale ha deciso di ripristinare il parcheggio per i camion della nettezza urbana e la trasferenza del vetro. I residenti hanno protestato. Protesta anche la soprintendente Alessandra Vinciguerra, direttrice della fondazione che cura quella splendida area verde che minaccia di trasformarsi in un immondezzaio: Questa è una destinazione duso dallimpatto ecologicamente ed esteticamente devastante.

Ma lamministrazione va avanti, in piena sindrome Tafazzi.

È evidente che quello dei rifiuti è un tema di non semplice soluzione, così comè altresì evidente che nessuno è del tutto immune da unaltra sindrome, quella che i sociologi americani definirono con lacronimo Nimby, vale a dire not in my beckyard, cioè fatelo dove vi pare ma non dietro casa mia.

Difficile trovare un luogo dove dividere il vetro da riciclare e spedire sulla terra ferma dal resto dellimmondizia; e probabilmente è difficile anche trovare un luogo dove allocare i mezzi per la raccolta dei rifiuti.

Però ci si chiede come sia possibile che fra tutti i siti possibili venga scelto proprio il più suggestivo, il più spettacolare, il più bello. Immaginate se a Roma (città a cui non mancano problemi analoghi) il parcheggio dei mezzi e lo sversamento del vetro avvenisse che so?- sulla terrazza del Pincio, da cui si gode di un panorama meraviglioso. Oppure se a Napoli i camion della monnezza venissero parcheggiati davanti a castel dellOvo. O se a Venezia la trasferenza del vetro si facesse a piazza san Marco. Vi pare possibile? E invece è proprio quello che avviene a Ischia. Il sindaco, Francesco Del Deo, ha provato a rassicurare tutti: durerà poco, in attesa di una soluzione alternativa. Si tratta di una misura provvisoria, ha garantito il primo cittadino di Forio, non si andrà oltre i quattro o cinque mesi.

Sarà. Ma, come diceva Giuseppe Prezzolini, nel nostro paese non cè nulla di più definitivo del provvisorio. E intanto Tafazzi, a Zaro, può trovare tutte le bottiglie che gli occorrono per martellarsi le parti basse e sorridere, in attesa dellarrivo dei turisti.



news

02-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 aprile 2020

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

Archivio news