LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, San Marco. Un'idea per evitare la chiusura della Biblioteca
Massimo Fratini *
Corriere Fiorentino 27/10/2018

* Massimo Fratini Assessore alle Biblioteche, Comune di Firenze

Caro direttore, mi permetta una riflessione e una proposta su un tema a me molto caro, come del resto, al Suo giornale.
La Biblioteca di spiritualità Arrigo Levasti rappresenta un patrimonio importante per la città di Firenze.Il professor Arrigo Levasti, nel 1973, anno della sua morte, donò tutta la parte spirituale della sua biblioteca al convento di San Marco di Firenze a due condizioni: primo, che il materiale librario non venisse fuso con quello della comunità; secondo, che fosse accessibile al pubblico. Alliniziale fondo Levasti di 7.450 preziosi volumi si aggiunsero via via molte altre raccolte o per donazioni o per acquisti. Vi si trovano testi di spiritualità, mistica, filosofia, storia, letteratura, Sacra Scrittura. Cè anche un cospicuo deposito di riviste, ricevute in cambio con la Rivista di ascetica e mistica , il più antico periodico italiano di spiritualità, che ha la sua sede negli stessi ambienti del complesso conventuale. La Biblioteca, dopo essere stata ospite per molti anni dei locali interni del Convento di San Marco, oggi ha una sede propria negli antichi annessi del Convento, in via della Dogana. La Biblioteca così usufruisce di più ampi spazi, per deposito e studio. I Padri Domenicani si sono impegnati in questa opera culturale in continuità con lantica Biblioteca di Michelozzo, vero e proprio tempio del sapere umanistico, realizzata allinterno del Convento di San Marco per volere di Cosimo de Medici: fu la prima biblioteca aperta al pubblico nella Firenze rinascimentale, affinché secondo il carisma dellOrdine Domenicano potesse essere presente nel convento un servizio alla sapienza e alla verità, e oggi fa parte del percorso museale.

La Biblioteca Levasti, dunque, si colloca in un percorso storico che vede tra i suoi protagonisti figure come il Beato Angelico e fra Girolamo Savonarola, il vescovo santo Antonino Pierozzi, ma anche figure di spicco della poesia e della filosofia come Agnolo Poliziano e Giovanni Pico della Mirandola, che qui hanno la loro sepoltura. Nella basilica riposa anche Giorgio La Pira, il sindaco che la Chiesa ha da poco proclamato venerabile e che proprio in San Marco ha avuto per tanti anni la sua residenza, ospite della cella numero IV. Oggi la biblioteca è aperta due giorni a settimana, lunedì e mercoledì. Conta circa 45 mila volumi complessivi, di cui 30 mila catalogati online, e 200 riviste correnti. Offre servizio di consultazione, prestito, riproduzione, supporto nella ricerca e connessione internet. Il catalogo online è inserito nello Sdiaf, il sistema Documentario Integrato dellArea Fiorentina, ed è quindi messo a disposizione di tutta la rete che comprende oltre alle 13 biblioteche comunali anche quelle di numerose associazioni e istituti culturali. Tra questi figurano anche 23 istituti religiosi: conventi e abbazie ma anche luoghi di formazione come il Seminario e la Facoltà Teologica, associazioni come Pax Christi e il Centro La Pira o luoghi di altre confessioni cristiane (valdesi, avventisti, luterani, ortodossi) e di altre religioni (comunità ebraica).

Avendo ricevuto, come assessore, anche la competenza sul sistema bibliotecario, ho potuto verificare la complessità e la bellezza di questa rete che fa di Firenze un gioiello a livello nazionale ed Europeo, sia per la vastità e capillarità dellofferta culturale, sia per la capacità di coinvolgere, attraverso varie iniziative, la cittadinanza fiorentina promuovendo il grande valore della lettura. Per questo non posso che esprimere dispiacere di fronte alla previsione della chiusura della biblioteca, destinata a diventare un fondo librario annesso allaltra grande biblioteca dellordine domenicano a Firenze, la biblioteca Jacopo Passavanti di Santa Maria Novella. I libri, attraverso il sistema Sdiaf, potranno essere richiesti e consultati dal convento di Santa Maria Novella; non ci sarà più però lapertura al pubblico di un luogo che negli anni è stato punto di riferimento per studenti, insegnanti, ricercatori, o semplici appassionati di tematiche spirituali e filosofiche, e intorno al quale erano nate anche molte iniziative culturali, cicli di incontri, conferenze.

La chiusura si colloca nel panorama più ampio della soppressione della comunità religiosa di San Marco, che è stata unita a quella di Santa Maria Novella. La biblioteca però ha, rispetto alla comunità religiosa, una sua autonomia di gestione, per questo farò una proposta ai padri Domenicani per individuare una soluzione che consenta di mantenere, almeno in forma limitata o su prenotazione, la fruibilità di questi ambienti per la cittadinanza fiorentina e per le tante persone che vengono a Firenze per interessi culturali o motivi di studio.

È forte il rammarico di fronte a queste soppressioni annunciate (convento e biblioteca) che renderebbero la città tutta davvero più povera.



news

19-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news