LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il nuovo Museo Valdese di Torre Pellice apre mercoledì
Erika Tomassone *
Corriere della Sera - Torino 28/10/2018

* Presidente della Fondazione Centro culturale Valdese

Il nuovo Museo Valdese di Torre Pellice apre mercoledì per presentare al pubblico otto secoli di fede e di cultura

Non troverete un Museo clericale o confessionale, ma un frammento di storia italiana, europea e mondiale di una minoranza che osa ancora essere tale.

La Fondazione Centro culturale Valdese opera da Torre Pellice, cittadina che Edmondo De Amicis, nel suo libro Alle porte dItalia, definì a ragione la Ginevra italiana dato che ancora oggi può essere considerata centro principale della chiesa valdese, una denominazione cristiana protestante, in Italia una minoranza. Il compito principale della Fondazione è la raccolta e la conservazione del patrimonio storico ed etnografico valdese per favorire la ricerca su fonti storiche che rischierebbero di andare disperse fino alla perdita del loro significato.

Da ciò nasce il secondo compito della Fondazione: offrire la possibilità, non solo a studiosi ma anche a un pubblico più vasto, di conoscere una storia di fede e di cultura lunga otto secoli che si intreccia con la storia europea e mondiale. Nel tempo sono così stati riorganizzati alcuni strumenti: il Museo nelle sezioni storica ed etnografica, la Biblioteca specializzata in testi storici e teologici del protestantesimo, con la presenza di numerose edizioni di pregio, e lArchivio fotografico. Ma anche un ufficio di promozione turistica per organizzare visite guidate al Museo e al territorio delle Valli, interventi e percorsi didattici per le scuole.

Ogni anno vengono a farci visita da molte parti del mondo: incuriosisce la storia di una minoranza che nel corso del tempo ha dovuto affrontare grandi persecuzioni e sfide. Una minoranza relegata in una zona geografica considerata marginale, che da sempre cerca di rinnovare il dibattito critico e autocritico, osare scelte, reinventare linguaggi per esprimersi e cercare di rendersi comprensibile. Una minoranza che cerca di mantenere un dialogo con la società, che nei secoli ha costruito un sistema di istruzione capillare, intuendo il valore fondamentale della cultura per la costruzione della persona, che ha mantenuto fin dallinizio rapporti con lEuropa e da tempo si confronta ormai con il mondo.

Lultimo impegno della Fondazione è proprio il nuovo allestimento del Museo. Unoperazione che è andata avanti quasi cinque anni, durante i quali, in modo collettivo, si è lavorato in primo luogo sulla costruzione della narrazione storica dal Medioevo al Novecento, ad opera di un pool di storici e docenti universitari, riesaminando fonti e interpretazioni e cercando un allestimento adeguato al pubblico di oggi.

Attraverso una serie di focus group, in secondo luogo abbiamo coinvolto membri delle chiese valdesi, operatori turistici e amministratori locali per sottolineare il legame col territorio. Da mercoledì 31 ottobre, giorno in cui in tutto il mondo si ricorda la Riforma protestante, sarà possibile vedere documenti, incisioni e libri, tra cui la prima edizione della cosiddetta Bibbia di Olivetano, che i valdesi fecero tradurre in francese dalle lingue originali, una delle preziose 110 cinquecentine della Riforma, in particolare tedesca e svizzera, del misterioso fondo di Sr. James R. Simpson, che tanto colpì Umberto Eco, cittadino onorario di Torre Pellice. E poi armi, tra cui la beidana, tipico strumento da taglio derivato dalla roncola, e la colubrina del bandito valdese Giosuè Gianavello che, dopo le stragi del 1655, difese le borgate di montagna dalle truppe del duca di Savoia. In mostra ci sono anche bandiere, tra cui il vessillo di famiglia di Henri Arnaud, condottiero del Glorioso Rimpatrio, gli stendardi celebrativi delle concessioni albertine ai valdesi e vari cimeli, come la gamba di legno del generale John Charles Beckwith, grande benefattore dei valdesi, soprattutto nellambito della costruzione di scuole e templi, che perse larto nella battaglia di Waterloo.





news

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

07-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 7 aprile 2020

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

Archivio news