LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Plebiscito, i simboli che non diventano patrimonio di tutti
Eduardo Cicelyn
Corriere del Mezzogiorno - Campania 28/10/2018

Nella città degli hegeliani, fu Marotta docet, è inspiegabile e contronatura la vicenda della griglia di piazza Plebiscito. Per una volta che un giornale conduce una battaglia culturale e la vince, non si comprende perché gli altri gli si ergano contro, come per una sindrome dellimpotenza intellettuale che devessere mal comune. Tuttavia non ci si deve far distrarre dallacrimoniosa reazione della pubblicistica cittadina, in verità sorprendente, e dal sordo rancore delle burocrazie locali verso il dissenso civile, già ampiamente sperimentato.

In gioco qui ci sono questioni vitali della politica, ancorché forse troppo sottili per essere viste ad occhio nudo. Piazza Plebiscito è il simbolo di una città moderna che ha rifondato lì, in quel luogo storico-architettonico, la propria identità con una serie di atti politici rituali (chiusura al traffico, installazioni artistiche, manifestazioni spettacolari) che hanno contrassegnato il calendario degli ultimi venticinque anni.

Un simbolo, insegna Hegel, è tuttuno con ciò che rappresenta. È intimamente la cosa che mostra o che sottende. Come lo si tocca, il simbolo degrada e muore. In politica, infatti, il simbolico è potenza fragile, molto rischiosa. Si potrebbe addirittura sostenere che la politica sempre e ovunque è costruzione di simboli, belli e brutti. Quelli più recenti creati dalla Lega di Salvini mettono angoscia, ma non è che siano veri o fasi e per forza duraturi: sono arnesi da combattimento e producono identità nel conflitto che innescano.

Anche piazza Plebiscito è stata campo di battaglia di una politica giocata sullorgoglio identitario storico-culturale per una rinascita civile, che nel decennio finale del secolo scorso sembrò avere una qualche chance di successo. Siamo ora in unepoca diversa, non vè dubbio. Ma non così lontana da poter dimenticare il significato simbolico di piazza Plebiscito e di quel cantiere ex Ltr, sentina della tangentopoli nostrana, bloccato, smontato, dimenticato e oggi risorto come uno zombie a nuova perfida vita. Le ragioni strumentali dellimpresa (il timore panico di perdere tempo e denaro se si dovesse spostare la misteriosa griglia) appaiono controverse al pari di come si mostrano deboli quelle dei sostenitori dellintangibilità dei beni culturali.

Fare un buco nel tessuto simbolico della piazza per quanto sia piccolo o piccolissimo significa affermare che ogni cosa ha un prezzo economico, ma non farlo per motivi di vincolo storico-architettonico sarebbe come sostenere che il valore della cultura si pone fuori dal tempo.

Piazza Plebiscito non dovrebbe essere toccata perché è diventata nel mondo limmagine di una città diversa, non folcloristica, vera e moderna, anche se costa troppo mantenerla così comè diventata. Non sfiorarne neanche un metro quadrato è un obbligo politico. Un modo di comunicare che la città è un corpo ancora vivo e pulsante. E si spera sempre dialogante, come tentava di ricordare laltro ieri Antonio Bassolino. Perché in fondo il danno vero lhanno compiuto gli uffici del Comune e quelli della Soprintendenza arrogandosi il diritto di riaprire un cantiere storicamente controverso nel cuore più teatrale della Napoli di oggi senza spiegarsi, senza cercare alcun consenso.

Nelle città che hanno inventato la democrazia il teatro era lo spazio dedicato alla discussione e allo scontro sui simboli e sui valori. Se amministratori e burocrati fossero stati allaltezza dei loro ruoli, si sarebbero comportati di conseguenza immaginando che una decisione su piazza Plebiscito avrebbe avuto bisogno di un coro e di un pubblico e non solo di attori pseudoprotagonisti. Ma poi a ben pensare è da escludere che si sia trattato solo di scarsa sensibilità e dincapacità a comunicare, come sospetta dolendosene Bassolino.

Da unaltra parte della città, in pieno agosto, una gru ha sollevato la scultura di Tatafiore e lha depositata a svernare in un altrove comunale, come fosse una cosa vecchia e inutile, un intralcio allo struscio nella via Scarlatti del commercio per il commercio. Così come nessuno nota più che il mulino di Kounellis al Ponte di Tappia non muove più come dovrebbe le pale al vento o che le opere darte della metropolitana più bella del mondo languono in un progressivo malinconico degrado. Insomma, grazie alla tenacia di una manipolo di piccoli amministratori e burocrati senza qualità, a dover fare le spese della nuova fase politica già terminale che ha ridotto la città a un unico gigantesco bistrot maleodorante sembra debba essere, dopo il lungomare, tutto quello che ha a che fare con larte e con i simboli delle passate stagioni. Dunque, per dirla con il leader più antipatico della scena italiana, non si dovrebbe più sottilizzare sui centimetri della griglia e sui problemi finanziari delle aziende costruttrici: prima viene la Napoli dellarte e della cultura e poi si ragiona di cantieri, compatibilità e convenienze economiche.

Sarebbe anche un modo finalmente civile per ricominciare a fare politica. Solo i simboli, che per definizione mettono insieme (questa è letimologia greca della parola), possono dare forza e una direzione sensata a una collettività che intenda decidere con qualche speranza anche sul presente e sul futuro.




news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news