LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trentino. Alberi, in poche ore tre anni di abbattimenti. Dai 50 ai 150 anni per il ripristino totale
Chiara Marsilli
Corriere del Trentino 2/11/2018

Aumenta il rischio di frane e smottamenti. Il costo del legname è destinato a precipitare

TRENTO. Una tragedia ambientale che segnerà per sempre la storia delle foreste trentine. Lemergenza metereologica dei giorni scorsi, oltre a causare perdite in termini di vite umane e danni a imprese, abitazioni private e infrastrutture, ha causato anche labbattimento di circa 1,5 milioni di metri cubi di alberi: il panorama Trentino impiegherà dai 50 ai 150 per tornare alle condizioni pre 20 ottobre.

Per avere un termine di paragone, lutilizzazione annuale prevista dal piano provinciale è di 0,5 milioni di metri cubi su tutto il territorio: in poche ore è caduto a terra un quantitativo di legname pari a circa tre volte quello che si preleva in maniera pianificata e programmata in un anno chiarisce Roberto Masè, responsabile del dipartimento territorio, agricoltura ambiente e foreste della Provincia Autonoma di Trento A ciò si aggiunge come ulteriore elemento di criticità la localizzazione del danno, che ha colpito il Trentino nord orientale per una superficie interessata di circa 4.000 ettari. In alcune valli cambierà il paesaggio anche dal punto di vista socio-culturale e identitario.

Ma le conseguenze riguarderanno anche laspetto idrogeologico, con laumentato rischio di frane e smottamenti, e quello turistico. Molte le incognite ma rapida la risposta delle istituzioni, che ancora mercoledì hanno indetto una prima riunione di coordinamento che ha visto la presenza anche dellAssociazione artigiani in quanto rappresentanti di aziende di utilizzazione e prima trasformazione del legname, alla quale seguirà listituzione di una task force combinata pubblico-privata per definire modalità più efficaci per rispondere allemergenza.

Quello che si sa fin dora è che i tempi per il ripristino si preannunciano lunghissimi un anno e mezzo solo per il recupero del legname abbattuto a cui dovrà seguire il processo di rimboschimento. Vista leccezionalità del disastro si dovranno prevedere impianti artificiali, soprattutto nelle zone più colpite, mentre nei margini si punterà su meccanismi di rinnovo naturale. In ogni caso, a seconda delle zone, potranno trascorrere dai 50 ai 150 prima che i segni del disastro scompaiano.

Sul lungo periodo appaiono meno tragiche le condizioni della fauna locale: Al momento non abbiamo dati aggiornati, ma immaginiamo che ci sia stata unincidenza importante in termini di mortalità in corso di evento soprattutto per i grandi mammiferi. Ma dopo una prima fase piuttosto critica, in seguito al recupero del legname le condizioni saranno favorevoli alla crescita di una vegetazione erbacea ed arbustiva che garantirà una situazione non eccessivamente negativa per gli animali commenta Masè.

Non indifferente anche la problematica di tipo economico. Il costo medio di prelievo del legname in Provincia di Trento è di circa 35 euro per metro cubo, costo che aumenterà anche del 20-50% a causa della straordinarietà in termini numerici dei volumi e delle superfici interessate dal recupero e della difficoltà a raggiungere alcune zone di caduta. Il legname andrà recuperato nel più breve tempo possibile anche per cercare di mantenerne il valore commerciale, già limitato in quanto frutto di schianto e non di abbattimento. Inoltre limmissione sul mercato di una quantità ingente e inaspettata di legname ne farà calare ulteriormente il prezzo. È facile capire come la forbice del possibile guadagno si riduca notevolmente per i proprietari forestali, che in Trentino sono al 76% istituzioni pubblici quali Comuni e Asuc o di grandi proprietà collettive come la Magnifica Comunità.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news