LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. La Loggia è anche un grande collezionista
Massimo Tedeschi
Corriere della Sera - Brescia 1/11/2018

Ha beni artistici assicurati per mezzo miliardo

Al top Santa Giulia e Pinacoteca: i capolavori valgono 325 milioni. Nei depositi opere per 18 milioni

Il Comune di Brescia è un collezionista darte niente male. Può guardare senza soggezione i magnati di mezzo mondo.

Sommando statue romane e incunaboli, pale daltare e armature cesellate, codici antichi e collezioni scientifiche si arriva al rispettabile valore di mezzo miliardo. Anzi: 539 milioni e 619mila euro. Questo almeno è il valore per cui vengono cumulativamente assicurati i beni mobili racchiusi in nove contenitori culturali disseminati in città.

Per ipotizzare un vero e proprio valore di mercato bisognerebbe rivolgersi a una casa daste per stimare la base a partire dalla quale si potrebbe battere la Vittoria alata o la Croce di Desiderio, langelo di Raffaello o il Cristo del Moretto.

Resta da indagare invece leffetto che un patrimonio del genere può avere sui bilanci comunali. Il legislatore, cioè Roma, insomma il governante di turno, ogni tanto ci prova: indurre gli enti locali a tenere una contabilità economico-patrimoniale in cui rientrerebbero anche questi valori. Al tirar delle somme, però, le banche non calcolano patrimonializzazione e solvibilità degli enti locali a seconda di quanti capolavori abbiano nelle gallerie, ma in base ai bilanci in ordine e alle partecipazioni societarie.

Eppure vantare mezzo miliardo abbondante di patrimonio artistico una cosa significa: che i nostri antenati non hanno lesinato nellaccumulare capolavori, hanno avuto lo sguardo lungo e hanno creato una indubbia ricchezza comune.

Non solo. Questo vuol dire che una politica di acquisizioni (o di intercettazione di donazioni) di opere darte unisce al valore culturale uno straordinario valore economico.

Certo è che il fondo di domenica del Corriere, che evocava questo tema, ha suscitato interesse e curiosità. Che valore attribuire al patrimonio artistico comunale? Che valore indicare accanto ai 544 milioni indicati a bilancio per le immobilizzazioni materiali (di cui fabbricati per 231 milioni, infrastrutture per 100 e beni demaniali per 172) e ai 617 milioni di partecipazioni finanziarie?

Un valore omogeneo e comparabile per il patrimonio artistico nel bilancio non cè, ma una stima in Comune esiste e gli uffici coordinati dallassessore al Bilancio Fabio Capra lhanno fornita: si tratta del valore assicurativo che assomma a 539 milioni. Una cifra evocativa: è come se il salvadanaio del Comune fosse composto per un terzo (544 milioni) da immobili, per un terzo da pacchetti azionari (617 milioni) e per un terzo (539 milioni) da oggetti darte e di cultura.

Il dettaglio? La parte del leone la fanno naturalmente Santa Giulia e la Pinacoteca: i capolavori in esse contenuti sono assicurati complessivamente per 325 milioni.

In molti casi si tratta di cifre basate su perizie aggiornate e attendibili.

Ogni volta che un quadro viene prestato (i due Raffaello hanno fatto viaggi in mezzo mondo...) il valore assicurativo viene dosato accuratamente.

La seconda voce più pesante è rappresentata dalla Biblioteca Queriniana che detiene libri antichi e moderni assicurati per 121 milioni: cifra ingente che dice il valore patrimoniale di questo straordinario giacimento di carte antiche.

Il patrimonio di quadri deve tener conto anche delle preziose opere darte sacra, delle grandi pale daltare depositate presso il Museo diocesano: anche in questo caso le stime assicurative sono recenti e accurate, e ammontano a 16 milioni. Il Capitolium, invece, pesa per 12 milioni mentre il Museo delle armi sfiora i 30 milioni.

Non è una leggenda il fatto che nei magazzini negati al pubblico giacciano alcune opere di valore significativo: quelle del Deposito Artigianelli valgono 5,8 milioni (si tratta di dipinti, stampe, strappi di affreschi, arredi, mobili e tessuti antichi, sculture, materiali di epoca rinascimentale), quelli dellex Pattinodromo allinterno del complesso di Santa Giulia 13 milioni.

Infine il malconcio Museo di scienze (6,3 milioni) è superato persino dallemeroteca scientifica di piazza Martiri di Belfiore (7,7 milioni).

Chi sostiene che con la cultura non si mangia ha di che ricredersi: forse gli studiosi devono tenersi a dieta, ma a colpi di capolavori un Comune accumula patrimonio, prestigio, valore. E tanta bellezza.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news