LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Paura per San Marco È un malato di cuore che corre la maratona
Giulia Busetto
Corriere del Veneto 1/11/2018

Tecnici del Mibact al lavoro. Nartece allagato, sotto osservazione

VENEZIA. No photo, please. No photo. Cè da chiedersi se le mura della basilica di San Marco labbiano sentito più volte del Padre nostro. Perlomeno negli ultimi decenni. È un mantra sordo, consigliato a intermittenza nel rispetto del luogo sacro. I custodi lo ripetevano anche ieri, accanto alladdetto alle pulizie che spazzava gli ultimi residui di fanghiglia ormai asciutta dai marmi del pavimento. Non fosse per lui non si direbbe che la chiesa doro veneziana sia stata aggredita 48 ore prima da 90 centimetri di acqua alta: lui è lunico indizio di ciò che è stato lunedì. Perlomeno a occhio nudo, perché la quantità di salso assorbito da pareti e rivestimenti è tale da esasperare il degrado futuro della basilica dice Mario Piana, proto di San Marco. Tutto sembra come prima, ma la quantità di sale accumulata è molto ampia sia per laltezza che per la durata di permanenza dellacqua. Danneggiamenti invisibili, per un profano, ma in grado di minare la longevità del gioiello bizantino. Persi ventanni in un solo giorno, ha fatto una stima il procuratore di San Marco Carlo Alberto Tesserin. Daltronde la basilica si mostra da sempre nuda ai suoi visitatori. Niente lastre a proteggerne i pavimenti, niente transenne per allontanare il dolce scivolare delle mani su marmi, tessere, rilievi e bronzi. E questa intimità tra lei e chi la venera ha un prezzo. Basti pensare che ogni anno la calpestano circa dieci milioni di piedi, quindici mila accessi al dì. E se ci si mettono anche i flash ininterrotti delle foto, lo splendore dei rivestimenti certo non se ne giova. A volte sento No photo anche quando celebro leucarestia, ormai ci ho fatto labitudine la prende con filosofia larciprete della basilica, monsignor Giuseppe Camilotto. A scattare foto è la mano degli stessi turisti che ieri pomeriggio sedevano sfiniti nellala della Madonna di Nicopeia, ignari che solo due giorni prima fosse invasa dallacqua insieme a battistero, cripta e cappella Zen. E lì non ci potrebbero neanche stare, perché è una porzione esclusivamente dedicata al culto, tanto che un addetto è costretto a chiedere ad ognuno se il loro intento è quello di pregare, altrimenti vengono dirottati verso la Pala doro. Tanti a quel punto annuiscono per 10 minuti di posto a sedere, e lui apre e chiude in continuazione laccesso in corda rossa di velluto. È da quel punto che ieri si poteva ancora osservare lacqua alta inondare il nartece, latrio che circonda il braccio occidentale e lascia affluire e congedare i turisti dalla porta San Clemente a piazzetta dei leoncini. Una scena già vista per i veneziani: questo vestibolo è abitualmente coperto dacqua quando questa sale oltre i 65 centimetri. I lavori che le permetteranno di scolare sono ancora in corso, ma tuteleranno il nartece non oltre gli 85 centimetri: se lacqua li supera si ripresenterà il problema. Ora il nartece è larto della basilica che soffre di più, con i suoi portoni in bronzo bizantini, le sue colonne e i suoi marmi. Perché qui il livello del mosaico che comincia alla base delle volte è più basso rispetto al resto della chiesa - spiega Piana -, la risalita capillare del sale dovuto alla bagnatura ha raggiunto, e forse superato, la base dellattacco dei mosaici. Ed è come se un malato di cuore facesse una maratona: Magari ce la fa - spiega il proto di San Marco dopo il sopralluogo con i tecnici della Sovrintendenza - però lo sforzo non gli ha sicuramente fatto bene. Ma il Mose non dovrebbe fermare lacqua alta? chiedono alcuni turisti inglesi al banco dello shop, proprio sopra alle passerelle del vestibolo allagato. Finché non lo finiscono è dura ripete laddetto vendite ormai a memoria. Nel frattempo i tecnici del Mibact stavano valutando i danneggiamenti: rilievi non ancora finiti ma già in grado di escludere crolli o cedimenti dei manufatti.




news

19-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news