LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, a 52 anni dallalluvione il patrimonio artistico non è completamente al sicuro: Servono prevenzione e più fondi
Marco Ferri
Il Fatto Quotidiano 4/11/2018

Cosa accadrebbe se lArno uscisse nuovamente dagli argini di Firenze? Quante volte, fiorentini e non, si sono chiesti che cosa potrebbe succedere se si ripetesse il dramma dellalluvione che colpì la città il 4 novembre 1966, esattamente 52 anni fa. La domanda è più che lecita, poiché negli ultimi 900 anni sono state registrate a Firenze ben 56 alluvioni, almeno otto delle quali, dal 1333 al 1966, disastrose. Se dovesse succedere un evento simile a quello di oltre mezzo secolo anni fa afferma Marcello Brogioni, dirigente dellUnità di bacino dellArno Appenino Superiore Firenze si allagherebbe di nuovo, anche se in maniera molto minore. Gli interventi fatti subito dopo il 1966 e, in parte, anche in seguito, limiterebbero i danni al centro storico, mentre sarebbero più colpite le aree a valle della città.

Le motivazioni, spiega Brogioni, sono dovute al fatto che è stato aumentato il deflusso delle acque nel tratto urbano: Grazie ai lavori di tutela del territorio dai rischi idrici, secondo modelli matematici di recente realizzazione, invece dei 70 milioni di metri cubi di acqua che fuoriuscirono nel 1966 fa dal letto del fiume, abbiamo calcolato che ne esonderebbero circa 25, praticamente due terzi di meno. Laddove si toccarono 6 metri di acqua, si arriverebbe a due e via così. Anche se una ragionamento così lineare non può esser valido al cento per cento, a causa delle diverse condizioni che potrebbero presentarsi.

Anche dal punto di vista della tutela dei beni culturali considerati i danni patiti allora dal patrimonio culturale fiorentino è legittimo chiedersi che cosa accadrebbe se lArno invadesse di nuovo musei, chiese, archivi e biblioteche. Lo scenario non è ovviamente quello di 52 anni fa, ma lottimismo va basato su fatti concreti. Infatti se da un lato le attuali tecnologie permettono di prevedere con maggior anticipo eventi atmosferici eccezionali, dallaltro la superficie di terreno che potrebbe assorbire uneventuale nuova alluvione si è drasticamente ridotta nei decenni, così come lattuazione dei piani di messa in sicurezza dei beni culturali eventualmente in pericolo comporta comunque la valutazione di numerose variabili. Diciamo che tuttavia prosegue Brogioni una parte della città sarebbe seriamente interessata dallalluvione e dei danni per i cittadini e i beni culturali sono comunque prevedibili.

Per cui il confronto con ciò che accadde più di mezzo secolo fa si impone nuovamente: nel 1966 furono interessanti dallo straripamento dellArno 15 musei e una ventina di chiese. Sempre che il modello sia valido e che certe previsioni non si rivelino un po troppo semplicistiche, è lecito ritenere che i musei e le chiese del centro sarebbero nuovamente interessate dal fenomeno, così come quei luoghi di cultura e di culto che mezzo secolo fa erano ben diversi nelle forme e nelle dimensioni (per esempio il museo Bardini e quello dellOpera del Duomo) o addirittura non esistevano, come il museo del Novecento di piazza Santa Maria Novella, il museo Ferragamo di Palazzo Spini Feroni, il museo Gucci, e perfino lampia sala di circa 800 metri quadrati destinata ad accogliere le mostre temporanee degli Uffizi, al piano terra di piazza del Grano, sotto il salone della Biblioteca degli Uffizi e che in questi giorni ospita una mostra dedicata a Leonardo da Vinci con il Codice Leicester in bella vista, sfogliato e inserito in 18 teche avveniristiche che, comunque in caso di imminente disastro, andrebbero rimosse e poste in sicurezza. Unesondazione dellArno in zona Ponte Vecchio la colpirebbe inevitabilmente, e con essa tutto ciò che in quel momento si trovasse ospitato, se i piani di evacuazione delle opere previsti per loccasione si rivelassero non perfetti.

Per questo da anni lAutorità di bacino dellArno opera per sensibilizzare i responsabili dei luoghi della cultura verso le buone pratiche di prevenzione dai rischi di alluvioni: Da tempo stiamo facendo opera di sensibilizzazione aggiunge il dirigente per far capire che Firenze sarà più o meno sempre colpita dalle alluvioni. È la storia che lo dice e dobbiamo esser pronti ad affrontarle. In parte lo si fa con le opere che ci possono difendere, e in parte con le azioni locali, di protezione civile, per sapere che cosa si deve fare quando accadono eventi del genere, specialmente se a essere in pericolo sono opere molto importanti del nostro patrimonio culturale. Ad esempio, spiega Brogioni, se il direttore di un museo sa che lacqua può arrivare a due metri daltezza dal piano terra, e il museo è al piano terra, in qualche modo deve aver pronte delle procedure per evitare che siano impattate dallalluvione. Questo, dice, è ciò che negli ultimi anni abbiamo fatto insieme alla Prefettura di Firenze e agli stessi responsabili dei musei. Cè chi ha recepito il messaggio. Non è facile affrontare qualcosa che avviene di rado, per cui viene da esclamare tanto non accade. Invece accade eccome.

Ma quali sono i luoghi della cultura maggiormente a rischio nel centro di Firenze? Tutti i siti di cultura del centro di Firenze, collocati al piano terra, un pensiero alleventualità di dover affrontare una nuova alluvione lo devono avere. Non faccio lelenco, ma tutte quelle istituzioni che sono intorno alla Biblioteca Nazionale, a Palazzo Vecchio, sulla riva sinistra dellArno e nei pressi di Ponte Vecchio non possono non aspettarsi di dover affrontare unalluvione, anche importante. Meno male che questa nostra opera di educazione alla prevenzione comincia ad essere ascoltata e infatti cè chi ha già preso provvedimenti. E poi dipende dalla disponibilità di fondi, dalla capacità di poter guardare un po più in prospettiva, oltre i 5 e 10 anni.

Però intanto dallalluvione del 1966 sono trascorse due generazioni e alcuni rischi rimangono, come quelli che corrono le quattro sculture di Michelangelo collocate nella sala dedicata al genio al piano terra del Museo Nazionale del Bargello, o libri più preziosi del Conservatorio Cherubini custoditi in una cassaforte sempre al piano terra, e infine di due delle tre porte originali del Battistero, che sono sì conservate nel nuovo Museo dellOpera di Santa Maria del Fiore, ma pur sempre al piano terra. Per non parlare delle tante opere darte tornate, faticosamente, nelle chiese della città, dopo che lArno le aveva sfregiate, oltraggiate 52 anni fa. A quelle, chi ci pensa?

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/11/04/firenze-a-52-anni-dallalluvione-il-patrimonio-artistico-non-e-completamente-al-sicuro-servono-prevenzione-e-piu-fondi/4740705/?


news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news