LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Taranto, crolla larcata dellacquedotto del Triglio. Così linquinamento sbriciola monumenti
Alessandro Marescotti
Il Fatto Quotidiano 6/11/2018

Dopo aver convissuto per più di mezzo secolo con le polveri e i vapori della vicina cokeria, è crollata.

A Taranto ha ceduto unarcata dellacquedotto romano del Triglio. Lacquedotto romano si trova sulla destra percorrendo la strada fra il quartiere Tamburi di Taranto e il comune di Statte. Sulla sinistra invece cè il muro di cinta dellIlva. Fra le arcate dellantico acquedotto e lIlva cè solo la strada.

Oltre il muro dello stabilimento sbuffano le batterie della cokeria, uno degli impianti posti sotto sequestro dalla magistratura ma che attualmente sono in funzione grazie ai decreti salva-Ilva. Un impianto noto per le sue emissioni cancerogene e per gli operai ammalati.

In questi giorni a Taranto vi erano stati forti acquazzoni. E noto che gli ossidi di azoto, mischiati alla pioggia, concorrono a sbriciolare monumenti in tuttItalia. In tuttItalia linquinamento è sotto accusa anche perché danneggia i monumenti. Sotto la lente di ingrandimento dei ricercatori ci sono gli ossidi di azoto, le polveri sottili Pm10 e Pm 2,5 e lozono. Leffetto dellinquinamento sui monumenti di epoca romana è stato evidenziato ad esempio per il Colosseo a Roma: la Soprintendenza archeologica di Roma ha da tempo evidenziato che alcune componenti del Colosseo si sbriciolano, mutando da carbonato di calcio in solfato di calcio.

Lacquedotto romano del Triglio era stato in parte restaurato e da rossastro era ritornato del suo originario colore chiaro, per poi imbrattarsi nuovamente per linquinamento. I lavori di restauro non sono mai stati pagati da chi inquinava a pochi metri di distanza. E così si sono tappati il naso e hanno restaurato.

Lacquedotto del Triglio è una delle più imponenti opere di ingegneria idraulica di epoca romana presente nel territorio tarantino. LAcquedotto era alimentato dalle sorgenti che scaturiscono dal Monte Crispiano (su cui sorge il comune di Crispiano), confluendo nella vallata del Triglio con un sistema di gallerie. La sua destinazione era lattuale quartiere Tamburi di Taranto, un tempo la zona con laria più salubre della città, oggi invece il punto più inquinato. Quando lacqua arrivava, il rumore, simile a quello di un tamburo, ha dato il nome al quartiere Tamburi di Taranto.

Il quartiere Tamburi, con lavvento dellItalsider, si è trasformato da quartiere residenziale per famiglie agiate, con affaccio sugli ulivi e le ridenti campagne, in quartiere operaio dove il PCI superava il 70% dei voti negli anni Settanta. Lacquedotto del Triglio alimentava la fontana di Piazza Fontana nella città vecchia di Taranto.

Fra le recensioni online di questo bene storico si legge: Un antichissimo acquedotto romano praticamente abbandonato e purtroppo in buona parte da restaurare. Ciliegina sulla torta, lIlva addossata a questa meraviglia storica e archeologica. Una vergogna, altrove acquedotti romani di questo calibro sarebbero molto più tutelati e valorizzati.

Lidea della modernità e dellindustrializzazione a Taranto ha portato a sottovalutare il centro storico (il più degradato e cadente della Puglia) e a considerare questo acquedotto romano un reperto storico impossibile da valorizzare, stretto nella morsa dellarea industriale. Taranto non ha più unidentità storica e unautostima, non si trova nessuna maglietta con il cuore e con la scritta I LOVE TARANTO, mentre il Salento pullula di magliette di questo tipo.

A Taranto per molto tempo persone persino istruite hanno pensato che a piccole dosi linquinamento potesse immunizzare i bambini. Una sorta di mitridatismo assurdo (il re Mitridate temendo di essere avvelenato prendeva ogni giorno poche gocce di veleno per immunizzarsi) che ha portato allassuefazione mentale degli stessi genitori, rassicurati dallignavia dei politici. La percezione del pericolo è stata azzerata dalla politica finché il movimento ambientalista non ha avuto il merito di associare lidea dellinquinamento a quella della salute.

Oggi il crollo dellarcata dellacquedotto romano attirerà su Taranto lattenzione dellopinione pubblica nazionale? Se linquinamento di questi cinquanta anni ha imbrattato, impregnato e sbriciolato un bene che aveva retto per secoli, cosa sarà successo in questi anni ai polmoni degli abitanti del quartiere Tamburi?

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/11/06/taranto-crolla-larcata-dellacquedotto-del-triglio-cosi-linquinamento-sbriciola-monumenti/4745479/


news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news