LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Autorizzazione paesaggistica: ecco quando la Soprintendenza non può annullarla
Matteo Peppucci
Ingenio, 9/11/2018

Consiglio di Stato: lunico limite è costituito dal divieto di effettuare un riesame complessivo delle valutazioni compiute dall'ente competente tale da consentire la sovrapposizione o sostituzione di una nuova valutazione di merito a quella compiuta in sede di rilascio dellautorizzazione

Autorizzazione paesaggistica: tra Soprintendenza e comune

In tema di autorizzazione paesaggistica, la Soprintendenza per i Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici del MIBAC non ha sempre ragione: il confine è infatti rappresentato dall'impossibilità, per lo stesso organo - che architetti e ingegneri cononscono molto bene - di effettuare un riesame complessivo delle valutazioni compiute dall'ente competente che comportino una sovrapposizione o una sostituzione di una nuova valutazione di merito a quella compiuta in sede di rilascio dellautorizzazione.

Lo ha chiarito molto bene il Consiglio di Stato nella recente sentenza 6177-2018 dello scorso 30 ottobre, che ha respinto il ricorso del Mibact contro la pronuncia del Tar Puglia, Sezione di Lecce, il quale aveva accolto il ricorso di un privato riferita ad un'autorizzazione paesaggistica per la ealizzazione di una struttura precaria per la balneazione su area demaniale, prima autorizzata dal comune e poi annullata, appunto dalla Sovrintendenza. Secondo il Tar, il decreto della Soprintendenza aveva sovrapposto la propria valutazione di merito a quella riservata allente locale.
Sovrintendenza e comune: chi decide sull'autorizzazione paesaggistica?

Nel caso di specie, il MIBAC contesta tale assunto, sostenendo che il provvedimento oggetto di causa, lungi dalloperare uninammissibile riesame del merito delle valutazioni operate dallorgano regionale delegato (il Comune), avrebbe rilevato sia la violazione dellart. 82 DPR 616/77, in relazione ai valori tutelati dal DM 1 aprile 1967, sia quella dellart. 1 della legge regionale 30/90, che prescrive linedificabilità assoluta sino allentrata in vigore del PUTT della fascia costiera. A tal fine evidenzia che il progetto assentito dal Comune comporterebbe la realizzazione di scavi sulla scogliera per la realizzazione della fossa biologica e del pozzo nero; per tale ragione, il Ministero appellante insiste nel sostenere che la valutazione effettuata dalla Soprintendenza avrebbe avuto ad oggetto non il merito della valutazione effettuata dal Comune, ma la legittimità dellautorizzazione paesaggistica da questultimo rilasciata.

Ma secondo Palazzo Spada, è evidente che la Soprintendenza ha sovrapposto la propria valutazione di compatibilità ambientale a quella del Comune, concludendo, infatti, nel senso che gli interventi incidono negativamente sul quadro paesaggistico della zona impedendo le visuali dell'assetto attuale e compromettendo altresì, con i relativi scavi per la posa in opera della fossa biologica e pozzo nero, un tratto della scogliera.

Si ricorda infatti che, secondo la giurisprudenza amministrativa consolidata (cfr. Cons. Stato, Ad. Plen. 14 dicembre 2001, n. 9; Cons. Stato, sez. VI, n. 300 del 2012), leventuale annullamento del nulla osta paesaggistico comunale, da parte della Soprintendenza, risulta riferibile a qualsiasi vizio di legittimità ivi compreso leccesso di potere in ogni sua figura sintomatica (sviamento, insufficiente motivazione, difetto di istruttoria, illogicità manifesta). Lunico limite che la Soprintendenza competente incontra in tema di annullamento dell'autorizzazione paesaggistica è costituito dal divieto di effettuare un riesame complessivo delle valutazioni compiute dall'ente competente tale da consentire la sovrapposizione o sostituzione di una nuova valutazione di merito a quella compiuta in sede di rilascio dell'autorizzazione.
Natura precaria delle opere: serve un'impugnazione effettiva

Per il Consiglio di Stato, la conclusione a cui è arrivato il Tar Puglia non è scalfita dal fatto che, come dedotto nellatto di appello, il provvedimento individui anche la violazione dellart. 1 L. R. 30 del 1990, in base al quale fino all'approvazione, ai sensi della legge regionale 31 maggio 1980, n. 56, del P.U.T.T. (Piano urbanistico territoriale tematico) è vietata ogni modificazione dell'assetto del territorio nei territori costieri.

Invero, latto di appello trascura di considerare che si è al cospetto di opere precarie funzionali alla balneazione stagionale, come evidenziato anche dal T.A.R.; ciò esclude lidoneità delle stesse a modificare stabilmente il territorio costiero. Infatti, la ravvisata natura precaria delle opere non è stata neppure oggetto di uno specifico motivo di impugnazione da parte del Ministero.

Più precisamente, come evidenziato anche dal T.A.R., risulta che il Comune aveva compiuto unadeguata istruttoria, valutando in concreto la natura, essenzialmente precaria, delle opere e la compatibilità delle stesse con il regime vincolistico.

Su tale aspetto lappellante non ha svolto alcuna censura; né a tal fine può valere il riferimento relativo alla realizzazione della fossa biologica e del pozzo nero. Invero, nel provvedimento impugnato la realizzazione della fossa biologica e del pozzo nero sono criticati poiché compromettono un tratto della scogliera, senza collegare a tali opere la diretta violazione dellart. 1 della L.R. 30, come effettuato (inammissibilmente) solo in questa sede dalla difesa del Ministero.

https://www.ingenio-web.it/21745-autorizzazione-paesaggistica-ecco-quando-la-soprintendenza-non-puo-annullarla


news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news