LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beyoncé canta al Louvre. Si accende la musica, si spegne il Museo
Manlio Lilli
L'Espresso 24/6/2018

Impila velocemente i miei soldi e vai Veloce come una Lamborghini Sto saltando giù dal palco, ho Folla assapora meglio Non posso credere di averlo fatto Questo è ciò per cui siamo grati Non posso credere che ce l'abbiamo fatta Hai mai visto la folla andare all'apice?.

Inizia e termina così Apeshit la nuova canzone di The Carters alias Beyoncé e Jay-Z. Con il duetto tra Beyoncé e Quavo, dopo e prima una lunga serie di si. Beyoncé e Jay-Z esibiscono se stessi e la loro vita da nababbi. Una sorta di autobiografia musicale che incrocia l'arte. Anzi un Museo. Il Louvre di Parigi. Il Museo dei record. Il più grande al mondo con i suoi 72.735 mq. ed anche quello che è stato più visitato nel 2017 con 8,1 milioni di ingressi. Soprattutto con un incremento rispetto all'anno precedente del 16%.

I protagonisti del video riempiono la scena spostandosi da una sala all'altra. Anzi, per certi versi, la invadono. Si parte con la Salle des Etats e quindi con la Gioconda, per poi passare al monumentale Escalier Daru alla cui sommità è la Nike di Samotracia. Poi ci sono il Giuramento degli Orazi e l'Incoronazione di Napoleone di Jacques Louis David, la Zattera della Medusa di Thèodore Géricault e la Venere di Milo e il Ritratto di una donna nera di Marie Guillemine Benoist. C'è anche spazio per altre apparizioni, ma in ogni caso si ritorna da dove si era partiti. Davanti alla Gioconda.

Un tour tra le meraviglie del Museo, a suon di musica, per qualcuno. Una virata decisa verso la commercializzazione senza paletti del Louvre, per qualcun altro. In ogni caso, un'apertura alla musica che fa discutere. Già perchè, nonostante nulla si sappia riguardo l'introito che abbia assicurato al Museo l'affitto dei suoi spazi, la questione in questo caso non sembra avere soltanto risvolti economici. Insomma sembra proprio che alla base della scelta del Louvre di diventare muta location per Bejoncé, Jay-X e company ci sia anche il desiderio di aprirsi ad un pubblico più vasto. La musica è un canale dalle grandi potenzialità. Lo si sa. I più di trenta milioni visualizzazioni che il video di Apeshit ha registrato alla fine della prima settimana dall'uscita lo confermano. Ma rimane il dubbio che il Museo dei record non abbia necessità di questo passaggio. Di questo lancio nella musica pop. Il motivo? E' nel video. Obiettivamente.

Gli spazi utilizzati e le opere scelte dal regista Ricky Saiz, sono fondali. Il contorno da sogno nel quale le coreografie di Sidi Larbi Ckerkaoui si muovono. Insomma lasciano la scena alla canzone. I capolavori diventano muti e quasi inermi, sono lì. Da protagonisti indiscussi si fanno comprimari.
Dammi il mio assegno, metti un po' di rispetto sul mio assegno. O mi paghi in equità, pagami in equità, risuona. E poi Ha una cagna cattiva, cagna cattiva, noi viviamo in maniera sontuosa, sontuosa. Ho ottenuto tessuti costosi, ho avuto abitudini costose. Lui vuole venire con me Gli piace rollare l'erba .

Piacerà di certo ai fans della coppia musicale più famosa al mondo, ma probabilmente non renderà felici gli abituali frequentatori del Museo. Quei turisti che scelgono il Louvre per la meraviglia delle sue architetture, anche recenti. Per la grandiosità e varietà delle sue collezioni.
E' necessario e persino fisiologico che i musei si aprano all'esterno. E' vitale che si facciano conoscere sempre più, attraendo un pubblico più vasto. E' importante che incrementino le entrate con operazioni di marketing commerciale. Sarebbe autolesionistico immaginare i Musei come spazi impriogionati dalla loro stessa storia. Questo è chiaro. Lo è meno perché la Gioconda debba quasi scomparire tra Beyoncé e Jay-Z. Quel sorriso senza tempo gareggiare con il décolleté della cantante e il fisico scolpito del marito.
Lo è meno perché l'Escalier Daru debba diventare un teatro di posa nel quale far esibire il balletto e perché la Nike sia trasformata in una scultura. Una delle tante.
Ecco questo sembra fuori luogo. Pensare che anche il Museo per eccellenza possa adattarsi a fare da comprimario. Forse per soldi. Forse per avere possibili nuovi fruitori.

Beyoncé e Jay-Z sono venuti a visitare il Louvre per quattro volte negli ultimi dieci anni. In occasione della loro ultima visita ci hanno sottoposto l'idea di girare questo videoclip. C'era poco tempo a disposizione ma il progetto ci ha convinti, perché la sinossi mostrava un vero attaccamento al museo e alle opere che li hanno più colpiti, ha dichiarato al Corriere della Sera un portavoce del Louvre. Sarà. Ma rimane qualche dubbio. Scoppietto, io sto scoppiettando, le mie femmine scoppiettano Andiamo al rivenditore e Sorseggio il mio alcool preferito. Le note risuonano. Il Museo si spegne.

http://il_barone_rampante.blogautore.espresso.repubblica.it/2018/06/24/beyonce-canta-al-louvre-si-accende-la-musica-si-spegne-il-museo/


news

19-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news