LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gela. Le mura medievali transennate, da dieci anni
Manlio Lilli
L'Espresso 5/4/2018


Non è altro che una piccola tessera di un mosaico ancor più vasto rappresentato dalle mura di cinta medievali della città che si trovano da tempo in uno stato di forte precarietà con rischi di dissesto e di crolli. Nuccio Mulè, presidente dell'archeoclub di Gela lo ha dichiarato recentemente al QuotidianodiGela.it. Nella città in provincia di Caltanissetta, la torre del castrum federicianum rischia di crollare.

Gela è senza dubbio uno dei più importanti siti storici, archeologici e culturali del Mediterraneo. A testimonianza dell'antica grandezza ci sono le fortificazioni greche di Capo Soprano, con un vasto quartiere residenziale del IV secolo a.C., e poco lontano le terme ellenistiche. Nella parte opposta della città, in località Molino a Vento, adiacente alla sede del Museo Archeologico, si estendono gli scavi dell'Acropoli di Gela. A sud dell'Acropoli, all'interno del Bosco Littorio, è stato rimesso in luce il complesso dell'Emporio Greco Arcaico.

Ma accanto a questo, attorno al centro storico federiciano, ci sono appunto i resti dell'antico sistema difensivo con tratti di mura, torrioni e porte. Nel degrado generale. Con un settore, quello di Piazza Calvario, che più di altri reclamerebbe degli interventi. I motivi li ha spiegati Mulè. Durante la demolizione del cosiddetto muro della vergogna, avvenuta nel 2008, il manovratore del mezzo, nel girare il braccio meccanico, inavvertitamente e con poca perizia urtò i conci angolari della torre che in parte si dissestarono, anche se la cosa passò colpevolmente inosservata. Tantè che successivamente, quando si evidenziò un pericolo di crollo, la parte pericolante fu transennata. Già perché nel 2008 il Comune ha provveduto ad un restyling della piazza. Non solo la ripavimentazione, ma anche la realizzazione di una sorta di possente rampa in cemento armato, proprio a ridosso delle mura medievali. Struttura che avrebbe dovuto permettere l'accesso al bastione attraverso una finestra. Nonostante l'autorizzazione rilasciata dalla Soprintendenza ai BB. CC. AA. di Caltanissetta, l'assurdità dell'opera e le proteste di cittadini e addetti ai lavori nel campo dei Beni culturali ne hanno suggerito la rimozione. Ma proprio in quella operazione il bastione venne lesionato e per questo motivo, transennato. Provvisoriamente, in attesa di interventi. Che non ci sono stati. Da allora, sono passati ben dieci anni. La pioggia e lusura del tempo hanno fatto il resto.

Una storia fra tante, quella di Gela. L'ennesima storia di patrimonio all'italiana. Senza tutela, ma anche senza valorizzazione. Ma qui al problema della conservazione si associa quello della sicurezza. Delle persone. Già perché proprio davanti al bastione ogni anno, il venerdì santo, si ferma una processione alla quale partecipano migliaia di fedeli. Senza contare che normalmente, nel corso dell'anno, sostano macchine e transitano persone. Ecco quindi che la questione Gela si può agevolmente trasformare ne la questione Italia. Coinvolgendo insomma i migliaia di monumenti di diversa tipologia ed età sparsi sul territorio nazionale, in particolare all'interno dei centri urbani. Il problema non è più soltanto conservare i nostri monumenti perché testimonianze identitarie, ma quanto meno provvedere alla loro messa in sicurezza per non mettere in pericolo le persone. Per evitare nuovi crolli, dopo quelli alle mura di Volterra, quattro anni fa, e quelli recentissimi alle mura di San Gimignano, con l'intermezzo delle mura Aureliane, a Roma. Per evitare che al danno al patrimonio storico-artistico-archeologico, possa aggiungersi quello umano. Ma aldilà dei buoni propositi, servono risorse. Appropriate e (quasi) immediate.

Si sta discutendo della formazione di un nuovo governo, non sarebbe male se al posto delle geometrie parlamentari si iniziasse a parlare di destinare almeno 15 miliardi, un punto di Pil, alla tutela del patrimonio culturale e alla lotta al rischio idrogeologico: consentirebbe di rilanciare seriamente gli investimenti pubblici, creando buoni posti lavoro, e di manifestare, concretamente, amore e rispetto per lenorme patrimonio culturale e naturalistico di questo paese. Il governatore toscano Enrico Rossi dopo il sopralluogo a San Gimignano ha lanciato l'idea.

A Gela aspettano la risposta del futuro Governo. Per evitare che la transenna rimanga al suo posto per altri dieci anni.

http://il_barone_rampante.blogautore.espresso.repubblica.it/2018/04/05/gela-le-mura-medievali-transennate-da-dieci-anni/


news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news