LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cosenza, archeologia in nero
Manlio Lilli
L'Espresso 15/2/2018

Ad Oriolo, piccolo comune in provincia di Cosenza, l'archeologia fa i conti con la legalità. Accade che il cantiere nel quale erano in corso le indagini di scavo del convento quattrocentesco di San Francesco d'Assisi venga posto sotto sequestrato dalla Guardia di Finanza di Montegiordano ed otto persone denunciate. Il motivo? Sarebbero state riscontrate violazioni alle normative sul lavoro, salute e sicurezza e alla tutela dei beni culturali. Da un controllo sul posto sarebbe emerso che la società edile alla quale la Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici di Cosenza aveva affidato l'incarico, stava procedendo alle diverse lavorazioni senza il rispetto delle leggi in materia. Già perchè, all'interno del cantiere, con mansioni di scavo archeologico, sono state individuate tre persone, impiegate senza essere stater preventivamente contattualizzate. Non solo. Secondo gli investigatori, gli scavi archeologici nel convento sarebbero stati effettuati senza la preventiva predisposizione di un Piano Operativo di Sicurezza, sarebbero poi stati affidati a manovali non specializzati, senza la figura, necessaria, dellarcheologo e senza il rispetto delle precauzioni di sicurezza: in pratica non sarebbero stati utilizzati dispositivi di protezione collettiva, vi sarebbero stati ponteggi non idonei, nessuna rete di protezione e passerelle realizzate con materiali di fortuna, oltre ad altre gravi violazioni, scrive il quotidiano QuiCosenza.it, che ha riportato la notizia. Non sono le uniche mancanze riscontrate. Nel cantiere mancavano anche la cassetta del pronto soccorso e prefabbricati per i servizi igenici. Insomma si lavorava alla meglio.
Per questo la Procura di Castrovillari ha provveduto a denunciare otto persone, tra cui il direttore dei lavori e il rappresentante della società. La cronaca restituisce la notizia che i tre operai sono stati finalmente assunti ed é stata pagata dalla società appaltatrice all'Erario la sanzione amministrativa. Insomma si é provveduto a regolarizzare la situazione. Ma rimane una macchia. Rimane una storia di illegalità senza giustificazione. E pensare che quando a giugno scorso, durante i lavori di pulitura di un'area comunale, si scoprirono una serie di affreschi e alcune strutture murarie e architettoniche, si brindò. "Molte le raffigurazioni da conservare al più presto e da restaurare. Un lavoro che dovrà vedere protagonisti più soggetti, la sezione archeologica dell'Unical, diretta da Giuseppe Roma, la Soprintendenza di Cosenza, quella calabrese e il Mibact, annunciò Vincenzo Diego, assessore ai beni culturali di Oriolo. L'avvio dei lavori sembrava dar ragione all'assessore. Sembrava promettere molto. Lo stop imprevisto costringe a fare i conti con la realtà.
Viene il ragionevole dubbio che quello di Oriolo non sia un caso isolato. Che anche nei cantieri archeologici la sicurezza non sia sempre rispettata in pieno. Che manchino i necessari controlli?

http://il_barone_rampante.blogautore.espresso.repubblica.it/2018/02/15/cosenza-archeologia-%E2%80%9Cin-nero%E2%80%9D/


news

23-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news