LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Novara. La memoria dimenticata
Ettore Colli Vignarelli
La Vocedi Novara, 14/11/2018

Sui monumenti disseminati nel parco dell'Allea I segni dell'incuria sono più evidenti dei segni del tempo


Il parco dellAllea, oltre che un luogo di svago per famiglie e bambini, oltre che importante polmone verde della città, è da sempre anche un luogo della memoria. La comunità cittadina, lungo lo scorrere degli anni, ha disseminato in tutta la superficie del parco monumenti in ricordo di personaggi illustri o a episodi importanti e significativi della storia in qualche maniera collegati con la città di Novara. Un libro di storia a cielo aperto, o, se si preferisce un parco della rimembranza come si sarebbe detto con espressione tipicamente dannunziana.
Una sequenza di monumenti che, come ci hanno segnalato diversi lettori, versa però in condizioni piuttosto precarie di conservazione. Una situazione che è stata notata in questi giorni proprio in occasione delle ricorrenze dei defunti e dellanniversario della fine della Prima Guerra Mondiale, quando la deposizione di corone e di vasi di fiori ha fatto in modo da attrarre maggiormente lattenzione anche dei più distratti ed abitudinari dei passanti.
La cosa paradossale ci ha scritto Giovanni C., un lettore della Voce che quotidianamente attraversa lAllea per spostarsi verso il centro città dove lavora è che ci sono monumenti più antichi che certo mostrano i segni del tempo, mentre le opere realizzate più di recente sono ridotte proprio maluccio.
E un semplice giro dei viali e degli spazi verdi non fa che confermare la considerazione del mostro lettore.
Cominciamo dal più importante dei monumenti dellAllea, il monimento ai caduti, posto allinizio di viale IV Novembre. Unopera austera ed imponente, in perfetto stile ventennio (è stata realizzata nel 1926). Il monumento è da sempre il punto di riferimento per tutte le cerimonie civili legate alla storia della nazione, dalla Festa della Repubblica del 2 giugno, alla Festa della Liberazione del 25 aprile, alla Festa delle Forze Armate del 4 novembre.
I bronzi sono evidentemente coperti dalla patina scura del tempo, ma il complesso statuario è complessivamente ben tenuto, e così anche i marmi, che pure in passato avevano subito qualche vandalismo con scritte tracciate con le classiche bombolette di vernice spray

Tornando indietro, possiamo verificare la situazione di due monumenti pure piuttosto datati.
Stiamo parlando del monumento al Conte Giuseppe Tornielli Brusati, ( a sinistra) una stele col busto e la statua di una donna in bronzo che offre fiori, voluta dalla colonia italiana di Parigi, e al centro dellarea verde, poco in là, un altro monumento dedicato allasso dellaviazione, il pilota Carlo Emanuele Buscaglia, eroe dellultima guerra. Bisogna dire che una pulita ai due momumenti non guasterebbe: il povero Buscaglia, in particolare, avvezzo comera a schivare le mitragliatrici nemiche, sembra rimasto vittima delle mitragliatrici bioogiche di molti volatili. Ma detto questo, la condizione di conservazione delle due statue è sufficiente.

I due monumenti tenuti peggio, come ci ha segnalato il nostro lettore, sono proprio due tra i più recenti. Davvero disastrosa la condizione del complesso dedicato alla memoria di Enea Picchio, capitano di corvetta della Regia Marina oleggese di origine, pluridecorato per le azioni eroiche comoiute nella seconda guerra mondiale. Il monumento è stato realizzato nel 2006 dallAssociazione Nazionale marinai dItalia. Oggi come è evidente nella foto in alto) è molto malridotto, in particolare per il quasi completo distacco dello smalto azzurro che decorava le due vele sul lato destro.

Anche la stele in ricordo del generale Luigi Gherzi, morto a Cefalonia sempre durante la seconda guerra mondiale, è unopera dellultimo decennio, ma oggi, dopo aver subito ripetuti atti di vandalismo soprattutto ai danni delle catene che circondano il monumento vero e proprio, si trova preda della ruggine che ha deturpato larga parte del basamento marmoreo

Insomma, davvero sarebbe necessario, con un po di buona volontà e un minimo di investimento, magari sostenuto da uno dei tanti munifici sponsor sempre disponibili, mettere on cantiere una piccola campagna di pulizia e di restauro di questi e degli altri monumenti dellAllea. Perchè la memoria non sia dimenticata.

https://www.lavocedinovara.com/cronaca/la-memoria-dimenticata/


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news