LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISA - Non demolite lacquedotto mediceo
di Salvatore Settis
in Il Tirreno, 18 novembre 2018, p. 1, prosegue a p. 11 col titolo redazionale Demolire lacquedotto

A quel che pare, brutalità e arroganza sono ingredienti alla moda nel nuovo clima politico. E perché mai, se così è, lamministrazione comunale di Pisa dovrebbe fare eccezione? Trasecolando, leggo sul Tirreno del 16 novembre che secondo il nuovo Sindaco di Pisa tre arcate dellacquedotto mediceo andrebbero demolite per risparmiare sui costi della tangenziale nord-est e che da tal risparmio si dovrebbero ricavare i mezzi economici per restaurare il resto delle arcate. Come se, mettiamo, il Vaticano distruggesse un pezzo degli affreschi della Cappella Sistina vendendone i frammenti, onde finanziare il restauro di tutto il resto. O se per restaurare il Colosseo se ne dovessero demolire le parti che intralciano il traffico nellarea circostante. Perversioni senza nome, di cui perfino le orde di Attila sarebbero incapaci.
Lacquedotto mediceo, voluto dal granduca Ferdinando I dei Medici, fu cominciato nel 1588 e concluso nel 1613 sotto Cosimo II. Come assai più tardi quello del Nottolini a Lucca (voluto dalla duchessa Maria Luisa di Borbone nel 1822), anche lacquedotto mediceo riprende nella forma, nel materiale e in vari dettagli tecnologici la tipologia degli acquedotti romano-antichi, che caratterizzò e ancora caratterizza la campagna romana.
Nei dintorni di Pisa, questa scelta del governo granducale aveva un significato culturale, oltre che funzionale: richiamava e moltiplicava i resti (in piccola parte ancora visibili) dellacquedotto della Pisa romana, e alludeva, quasi fosse una potente citazione monumentale, alla rete celeberrima degli acquedotti di Roma, e dunque allantica Romanitas pisana che la Pisa comunale orgogliosamente affermava di se stessa. Come se si volesse suggerire una qualche analogia fra i granduchi e gli antichi imperatori: gli uni e gli altri generosi dacque con i propri sudditi.
Lacquedotto mediceo e il paesaggio che lo circonda fanno tuttuno: fu di fronte a monumenti di tal fatta che Goethe, in una splendida notazione del suo Viaggio in Italia, colse con sguardo daquila la doppia identità del paesaggio italiano come sintesi di natura e cultura: una seconda natura, intesa alla pubblica utilità: questa fu per gli Italiani larchitettura, e in tal guisa ci si presentano lanfiteatro, il tempio e lacquedotto. Perciò lacquedotto mediceo va rigorosamente conservato, tutelato, protetto in quanto elemento caratterizzante del paesaggio, e non considerato una sorta di fossile inutile, di cui aspettare passivamente (o promuovere attivamente) il crollo. Tutelare lacquedotto mediceo vuol dire però tutelare anche il paesaggio intorno ad esso, senza farne un delirio di svincoli e superstrade.
Abbiamo forse dimenticato il valore paesaggistico della campagna toscana? Il desolante abbandono in cui lacquedotto mediceo è stato lasciato da decenni va deplorato come una colpa delle amministrazioni precedenti, non usato come un alibi per fare ancor peggio abbattendo porzioni di un monumento tutelato per legge.
Dovere delle pubbliche amministrazioni, dalla Soprintendenza al Comune, sarebbe non abbattere, bensì tutelare lintegrità dellacquedotto. Ed è, questo, un dovere non solo culturale e morale, ma legale: lart. 9 della Costituzione e una solidissima giurisprudenza della Corte Costituzionale prescrivono come interesse prioritario e assoluto la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione, che va anteposto ad ogni altro interesse, compresi gli interessi economici pubblici e privati. La tutela di una porzione preziosa di paesaggio come questa non è, dunque, un optional in cui esercitarsi. E un tema della legalità. Chi si benda gli occhi per non vedere sta offendendo la Costituzione e violando la legge. E se non se ne accorgono le istituzioni, noi cittadini dobbiamo ricordarglielo. Come lettore del Tirreno, non posso augurarmi che le dichiarazioni attribuite al Sindaco Conti siano fake news. Ma come cittadino di Pisa potrò forse sperare che il Sindaco voglia precisarle e correggerle in senso non contrario, ma conforme alla Costituzione e alla legge?



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news