LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scoperto a Pompei laffresco a luci rosse. Mostra lamplesso tra Leda e il cigno
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno - Campania 20/11/2018

Napoli. Unimmagine femminile che riaffiora intatta dal tempo e dai nuovi scavi della Regio V di Pompei. Una donna elegante, moderna e che non ha vergogna dei suoi amori. Il volto è quello di Leda che compare improvviso dal muro di un cubicolo (stanza da letto) di una domus che sta tornando alla luce in via del Vesuvio. Lambiente che conserva il dipinto è posto accanto a corridoio di ingresso dove già era stato individuato laffresco del Priapo, analogo a quello della vicina Casa dei Vettii.

La scena piena di sensualità rappresenta il congiungimento tra Giove, trasformatosi in cigno, e Leda, moglie di Tindaro re di Sparta. Dal doppio amplesso, prima con Giove e poi con Tindaro, nasceranno, fuoriuscendo da uova, i gemelli Castore e Polluce (i Dioscuri), Elena - futura moglie di Menelao re di Sparta e causa della guerra di Troia - e Clitennestra, poi sposa (e assassina) di Agamennone re di Argo e fratello di Menelao.

Bellissima con il corpo coperto in minima parte da una veste doro Leda è ritratta durante lamplesso con il Cigno Giove. Una posa hot, piena di sensualità come lo sguardo di Leda che non nasconde il suo piacere. Un affresco diverso da tutti quelli rinvenuti fino ad ora, ed è questa la sua eccezionalità. Unico e interessante proprio per questa sua particolare iconografia - spiega il direttore del sito archeologico Massimo Osanna - così esplicita e sensuale, mai vista nella cittadina romana, che pure quel mito arrivato dalla Grecia lo conosceva bene. La fattura è di altissima qualità.

La furia della lava che ha fatto strage, ha invece conservato vivi i colori, come lo sfondo rosso-vino, o la gamma dei rosa che rende sensuale la donna e che si dissolvono nei bianchi e cerulei del cigno, che la regina sembra voler proteggere dallo sguardo di chi entra sollevando assieme al drappo doro una delle sue morbide braccia.

Laffresco - spiega Osanna - è stato scoperto durante i lavori di riprofilatura dei fronti di scavo, uno dei progetti finanziati con fondi europei che si stanno portando avanti nella Regio V della cittadella romana. Appartiene a una casa affacciata sul lato orientale di via del Vesuvio. La stessa dimora - precisa - nellingresso della quale lestate scorsa era stata ritrovato un Priapo nellatto di pesarsi il fallo. Il Priapo decorava le fauces della casa, ovvero lentrata, mentre la piccola camera da letto con il ritratto di Leda si trova allinterno, appena oltrepassato il grande atrio. Una casa certamente opulenta, piena di meraviglie e di decori di grande impatto come questa splendida Leda sembra testimoniare. Peccato che il proprietario di tanta magnificenza non abbia ancora un nome. Lipotesi più probabile è quella di un ricco commerciante, forse anche un ex liberto ansioso di elevare il suo status sociale con il riferimento a miti della cultura più alta. Per ragioni di sicurezza non si procederà, per ora, allintero scavo della domus. I due affreschi verranno rimossi e portati in luoghi dove saranno salvaguardati ed esposti al pubbico.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news