LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Il Vaticano: mai chiesti arretrati alla Paranza. Sepe: aiutiamo le coop
Ro. Ru.
Corriere del Mezzogiorno - Campania 18/11/2018

Ancora tensione sulla vicenda delle Catacombe della Sanità

NAPOli. Un braccio di ferro nemmeno troppo nascosto. Tra la Curia di Napoli e il Vaticano, sulla vicenda delle Catacombe di San Gennaro, la tensione è ancora alta. Ieri da Roma un servizio dellemittente cattolica Tv 2000, ha mostrato una parte di un documento con cui la Santa Sede sembra sottolineare che nessuna somma arretrata - i 700 mila euro di cui hanno parlato alcuni organi di stampa - è stata mai chiesta alla Cooperativa La Paranza, manifestando la volontà di avviare una nuova fase di collaborazione su una base di trasparenza e legalità. È quanto si legge nel documento inedito datato 9 marzo 2018, molti mesi prima che scoppiasse il caso mediatico. Nel documento si accennerebbe anche a unaltra circostanza: su 120 catacombe esistenti in Italia, a catacomba napoletana sarebbe lunica a non aver mai corrisposto la percentuale degli introiti stabilita ma nemmeno avrebbe inviato in Vaticano alcun rendiconto dettagliato dei suoi bilanci.

Immediata la replica dei giovani della coop La Paranza di Napoli, sostenuti anche dal Consiglio nazionale dellUnione cattolica stampa italiana riunito ad Assisi. Per lUcsi è auspicabile che venga riscritta una nuova convenzione che tenga conto dellalto valore etico, sociale e spirituale che il progetto dei giovani custodisce - prosegue il testo - dover versare una simile somma comporterebbe il rischio chiusura del sito archeologico e la fine del modello Sanità, con il relativo taglio del personale, che ad oggi conta 50 giovani occupati e un impatto negativo sullintero quartiere, uno dei più difficili di tutta la città di Napoli. Lultimo Sinodo afferma che spesso la gioventù può essere più avanti dei pastori e per questo va accolta, rispettata, accompagnata.

E nel tardo pomeriggio, dal Sannio, è arrivata una lunga dichiarazione del cardinale Crescenzio Sepe sulla fame di lavoro in Campania che, in qualche modo, può essere letta come una presa di posizione a favore dei giovani e dellutilizzo delle chiese.

Dare un lavoro ai giovani è una esigenza sociale ha spiegato Sepe .. Se la nostra è una Repubblica fondata sul lavoro e il lavoro non cè, allora la nostra è una Repubblica fondata sul nulla. Abbiamo Chiese chiuse: apriamole con cooperative di giovani. Abbiamo terreni incolti, diamoli a cooperative di giovani. Diamo speranza e fiducia.

Loccasione è stata la presentazione a Cerreto Sannitadel Dossier regionale sulle povertà 2018.

Stiamo perdendo una generazione intera, stiamo perdendo giovani a causa della mancanza di lavoro e oggi ha aggiunto Sepe nessuno può pensare di risolvere da solo questi problemi, bisogna lavorare insieme e nel rispetto delle proprie competenze perché il problema del lavoro è il problema dei problemi e la maggior parte dei malanni che soffre la nostra società.

Oltre al cardinale Sepe, alla presentazione, promossa dal vescovo di Cerreto Sannita - Telese - SantAgata dei Goti don Mimmo Battaglia, hanno preso pare Antonio Di Donna (vescovo della diocesi di Acerra e delegato Cec alla Carità), Ciro Grassini (coordinatore scientifico del progetto, don Alessandro Colasanto), Maurizio Petracca (consigliere regionale e presidente della Commissione Agricoltura).




news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news