LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Più) Turismo & (meno) Archeologia. Per la Lega l'importante è far cassa con gli agriturismo
Manlio Lilli
L'Espresso 20/11/2018

Avete sognato di fare gli archeologi ma avete virato su altro? Vi affascina l'idea di scavare almeno una volta, dove la possibilità di qualche rinvenimento è assicurata? E' arrivato il Vostro momento! Ecco l'occasione, insperata. Procurata dalla Lega, con un emendamento alla Legge di Bilancio.

Un emendamento, con primo firmatario Lorenzo Viviani, per promuovere il turismo. Le modalità esplicitate senza pudori. Andando dritti allo scopo. Rendere le strutture alberghiere, le residenze depoca e le cantine di aziende vitivinicole ancora più attrattive. Offrendo la possibilità ai titolari e/o gestori delle diverse attività di valorizzare, attraverso unopportuna custodia allinterno della propria struttura ricettiva, beni storico archeologici che rivestono particolare interesse per larea territoriale in cui è ubicata lattività. Beni che abbiano la peculiarità di risultare attualmente catalogati e immagazzinati e non direttamente accessibili al pubblico.

E' più che probabile che non siano pochi quelli che non capiranno. Non troveranno nulla di male nell'emendamento. D'altra parte, se un agriturismo conserva all'interno della sua proprietà resti archeologici che finora sono rimasti sostanzialmente in abbandono, perché mai il proprietario della struttura non potrebbe occuparsene? Insomma, rendere quei resti visibili nelle migliori condizioni possibili? Il motivo, semplice. La contrarietà alla soluzione prospettata sta tutta nella circostanza che la valorizzazione realizzata dal proprietario è più che probabile possa non essere quella più corretta. Insomma il rischio è che nella peggiore delle ipotesi i resti di una cisterna romana possano trasformarsi in una sala da pranzo. Oppure la chiesa sconsacrata in una delle camere a disposizione degli utenti della struttura. Ma più anche andare meglio. Può capitare che gli interventi di restauro messi in atto dal proprietario ne inficino la comprensione, alterandone la forma. Non sono ipotesi. E' già accaduto. Spesso, ad esempio, nell'area dei Colli Albani, a sud di Roma oppure in Campania. Certo impropriamente, lasciando la Soprintendenza competente all'oscuro delle diverse operazioni. Se l'emendamento presentato dalla Lega verrà approvato, tutto avverrà con il beneplacito dello Stato.

Ma non è solo questa presunta valorizzazione ad essere prevista dall'emendamento. C'è molto di più. La possibilità per i proprietari delle strutture recettive di promuovere indagini archeologiche. Il comma 2 stabilisce che al fine di contribuire alla valorizzazione dei territori che rivestono interesse storico-archeologico, gli imprenditori agricoli, esercenti attività agrituristica in aree di particolare pregio culturale, possono promuovere attività di ricerca archeologica e di scavo sui terreni di cui risultano essere proprietari o gestori. Insomma l'imprenditore agricolo diventa concessionario. Come tale può consentire agli ospiti della struttura agrituristica la partecipazione, senza fini di lucro, alle attività di ricerca archeologica e scavo eseguite sui terreni su cui insiste la propria attività, sotto la direzione, il controllo e la supervisione del direttore dello scavo indicato nellapposita richiesta di concessione.
Quindi spazio ai turisti-archeologi che, prima o dopo la degustazione di prodotti tipici locali e la passeggiata nella proprietà, potranno esaudire il sogno di scavare. Naturalmente, per divertimento. Per fare un'esperienza irripetibile. Non potranno ovviamente entrare in possesso dei materiali recuperati nello scavo, ovviamente. Ma potranno scavare. Fare indagini, come era pratica diffusa ancora nel Settecento.

La Lega punta forte sul turismo, si sa. Ci punta a modo suo. In maniera confusa e scriteriata. Servendosi del patrimonio storico-artistico-archeologico per valorizzare le strutture alberghiere, le residenze depoca e le cantine di aziende vitivinicole. Perché lo scopo è quello evidentemente. Accrescerne l'appeal. La struttura archeologica, il convento abbandonato, la chiesetta sconsacrata sono funzionali al turista. E basta. Perché questa è la sostanza, nonostante lo stanco e retorico refrain sulla bellezza e la valorizzazione.

Non sembra esserci fine al depauperamento del patrimonio nazionale. Dopo il Pd che ha promosso l'idea del monumento-bancomat, ecco la Lega che introduce lo scavo-fai-da te.

http://il_barone_rampante.blogautore.espresso.repubblica.it/2018/11/20/piu-turismo-meno-archeologia-per-la-lega-limportante-e-far-cassa-con-gli-agriturismo/


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news