LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, M2. Archeologia e Dora saranno gli ostacoli più difficili per la talpa
Christian Benna
Corriere della Sera - Torino 21/11/2018

Parla Caposio esperto di tecnica dei cantieri

Un percorso a ostacoli. Non privo di rischi e sorprese che inevitabilmente si presentano quando si scava 25 metri sotto terra e in zone abitate. Guido Caposio è un ingegnere civile-edile di lungo corso. Nato a Chivasso, classe 1944, è stato docente al Politecnico di Torino in Tecnica dei cantieri, Impianti per infrastrutture, Sicurezza e analisi dei rischi, oggi alla guida della commissione trasporti dellOrdine degli ingegneri di Torino. La tecnologia è in grado di assorbire ogni pericolo, ma questo tracciato è davvero complesso.

Ingegner Caposio, la Metro 2 passerà in centro sotto le case. Ci sono rischi per le abitazioni?

Ogni cantiere presenta qualche criticità. Il tracciato della seconda Linea metropolitana di Torino non sarà una passeggiata, anzi. Prevedo molte difficoltà. Ma niente di così grave che non possa essere risolto da un buon team di progettisti. I residenti possono dormire sonni tranquilli.

Quali sono le maggiori problematiche?

Per capire come si muove un tracciato bisogna fare un profilo longitudinale in quota sulla linea di percorrenza. Il viaggio del cantiere, seppure gestito in tronchi, può essere in salita o in discesa a seconda dei vincoli di percorso. Nel nostro caso ci troviamo di fronte a una situazione complessa: dallinterscambio della linea ferroviaria fino al cimitero, il tracciato poi interagisce con la zona universitaria per passare sotto la Dora e il centro città e proseguire zona Politecnico e Mirafiori. Il livello di pendenza è molto variabile, con punte di differenza anche di 15 metri. Ci sarà bisogno di scavare. E non poco.

Cosa significa che la pendenza è molto variabile?

Che la Dora è un bellostacola. Ci vorranno cantieri importanti, oltre 25 metri di profondità. E poi il tracciato risale verso i Giardini Reali. E ovviamente ci vorranno spazi adeguati per le stazioni. Quando si scava così a fondo, oltre ai problemi strutturali, cè la forte probabilità di trovare reperti archeologici. E i tempi di esecuzione si allungano.

I tunnel sotto le case sono rischiosi?

Non siamo la prima città al mondo che costruisce una metropolitana. Pensiamo alla rete di Parigi, dove le gallerie scendono anche a 40 metri, e le case - mi risulta - sono ancora tutte intatte. Ma è pure vero che in centro città ci sono parecchie rogne da risolvere.

Di che genere?

Spesso ci si dimentica che Torino ha una linea metropolitana piuttosto antica. Quella di via Roma, iniziata in epoca fascista e mai completata, poi trasformata nel lungo parcheggio che va da piazza Carlo Felice a piazza Cln. Il tragitto dovrà quindi viaggiare in profondità o muoversi in parallelo a quel tubo. E poi ci sono i centri commerciali come via Lagrange 15 che vanno fino alle falde acquifere. La metro 2 dovrà tener conto di questi problemi.

Vuole dire che si poteva pensare a un tracciato migliore?

Forse sì. Ma un conto è il tracciato, altra cosa è la progettazione. Più a fondo di scava più aumentano i costi. Questo è il vero tema. Dal punto di vista ingegneristico ogni criticità, dalle vibrazioni del passaggio dei treni ai cantieri sotto terra, è risolvibile, Ma presenta un prezzo da pagare. Il problema più grande è però rappresentato dallattraversamento della Dora. E lì non ci sono alternative. Tocca passare sotto e scavare.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news