LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Torre pendente si tira su
Elena Zunino
Corriere Fiorentino 21/11/2018

PISA. Sì, la torre di Pisa, lentamente, sta riducendo la sua pendenza. Ma no: non la vedremo mai completamente dritta, senza quella caratteristica che la rende unica al mondo. A rassicurare i pisani e tutti gli affezionati alla torre pendente sono le ultime valutazioni dei membri del Gruppo di Sorveglianza che vigila sullo stato di buona salute del campanile più famoso dItalia. Le conclusioni, tratte dai professori del Gruppo tra cui figurano Salvatore Settis, Carlo Viggiani e Donato Sabia arrivano dopo oltre 17 anni di osservazioni sul monumento: la Torre di Pisa è stabile e molto lentamente sta riducendo la sua pendenza.

A spiegare al Corriere Fiorentino come si è prodotto questo curioso fenomeno è Nunziante Squeglia, professore di geotecnica presso la facoltà di ingegneria dellUniversità di Pisa. Squeglia è un esperto della torre pisana e ha partecipato al Gruppo che lha sorvegliata in questi anni: La torre fra il 1999 e il 2001 è stata sottoposta a un intervento di stabilizzazione. Questo intervento, che è consistito nella estrazione di terreno da sotto la fondazione della torre, ha consentito di raddrizzarla. Ovvero: di ridurre la pendenza di circa mezzo grado, spiega Squeglia. Questa estrazione di terreno, però, ha degli effetti tuttoggi, continua lingegnere. Dal 2001, quando è stata riaperta la Torre al pubblico, il monumento ha continuato a raddrizzarsi. Prima più velocemente e poi, piano piano, rallentando. E ancora oggi continua a raddrizzarsi. Ma stiamo parlando di una variazione dellordine di un millimetro, massimo due millimetri lanno. Riduzioni che noi possiamo cogliere grazie agli strumenti con cui monitoriamo la torre: analizziamo i movimenti verticali, le rotazioni e altri parametri che fanno parte di un complesso sistema di monitoraggio che ci consente di tenere sotto controllo la struttura architettonica e il terreno.

Ma se questa riduzione potrà portare a un raddrizzamento completo della torre e impossibile da prevedere: Una previsione precisa e puntuale di quelli che possono essere i movimenti futuri è difficile da fare. Quello che sappiamo è che ancora per qualche anno la torre continuerà a raddrizzarsi, dopodiché o si fermerà oppure riprenderà ad andare verso sud, come faceva. Potrebbe, cioè, tornare a pendere come in passato. In tal caso, però, la velocità con cui ricomincerebbe a pendere verso sud sarebbero molto inferiori a quando, negli anni 90, sono sorte le preoccupazioni che hanno portato alla creazione del Gruppo di Sorveglianza. Preoccupazioni scoppiate con il caso drammatico della torre civica di Pavia, crollata nel 1989: La caduta della torre di Pavia provocò quattro morti e da lì venne limpulso per controllare anche la nostra torre, ricorda il professore. Sulla scia di quel caso il ministero istituì una commissione che arrivò a far chiudere la torre perché esistevano concreti elementi di pericolo.

I lavori di stabilizzazione che poi sono stati intrapresi hanno funzionato egregiamente, dice Squeglia. A distanza di quasi ventanni, dunque, la torre è tornata in ottima salute: pende un po meno ma finalmente è stabile e sicura. E, millimetro più, millimetro meno, la vedremo sempre come siamo abituati: La torre continua a raddrizzarsi, ma parlando di un millimetro allanno, ci vorrebbero 4.000 anni perché la torre diventi dritta: uno scenario assolutamente fuori dalla nostra portata, conclude lesperto.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news