LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Intervista a Carlo Torlona: Le statue, mio fratello e le colpe di papà. Così ho salvato il patrimonio Torlonia
Maria Corbi
La Stampa, 23/11/2018

Carlo Torlonia è il nuovo principe della casata dopo la morte del padre Alessandro, un anno fa. Una proverbiale riservatezza, tanto che non si conoscono sue fotografie pubbliche. E preferirei continuare così, dice. Anche se oggi eccezionalmente accetta di parlare dopo che la storia della lite ereditaria di famiglia è apparsa sulle prime pagine dei giornali.

Allora principe questa diatriba ereditaria milionaria riguarda gli interessi della sua famiglia, ma anche una collezione di marmi considerata tra le tre più importanti al mondo che, se mi permette, deve essere considerato anche un bene dellumanità.
È uno dei motivi che mi ha spinto ad agire. Io ho e sento una responsabilità verso il mio cognome per quello che ha rappresentato almeno fino a tre generazioni fa. E sono molto dispiaciuto nel dover ammettere che forse mio padre è stato un po disattento rispetto alla conservazione e alla gestione dei capolavori ricevuti in eredità.
Quella che lei fa è una critica severa a suo padre, il principe Alessandro...
No, sono obiettivo. Come tutte le persone ha avuto pregi e difetti. Difatti posso anche dire che come banchiere è sempre stato serio e responsabile e che non avrebbe mai permesso il crearsi della situazione che si evidenzia oggi in Banca del Fucino dove gli sono stato a fianco per decenni.
A proposito di Banca del Fucino mi risulta che esistono delle denunce firmate da lei per alcune firme di suo padre che non sarebbero autentiche. Una vera guerra in famiglia.
Purtroppo è vero. Ma se ne sta occupando il professor Franco Coppi e preferirei, come lui mi suggerisce, non invadere il lavoro degli inquirenti.
Torniamo alle statue. Questa magnifica collezione è scomparsa dagli Anni 60. Il Museo a via della Lungara divenne un condominio di mini-appartamenti e le statue conservate nei sotterranei. Lei ha espresso il desiderio di esporle in un museo che porti il nome dei Torlonia. Perché non è ancora accaduto?
Questo è stato un tentativo di accordo non recepito dai miei fratelli.
Dalle carte si legge che i suoi tre fratelli fanno parte di una Fondazione senza di lei. Fondazione a cui sono state fatte confluire in comodato tutte le opere darte in possesso delle famiglia, non solo le statue. Perché è stato escluso?
Ancora me lo sto chiedendo. E mi stupisce visto che quello che è accaduto va molto oltre le normali incomprensioni, anche generazionali che ci sono in tutte le famiglie.
Sembra ci sia dellastio.
Lastio non può giustificare il dolo. Certamente il fatto che questa Fondazione sia stata attivata sei mesi prima della morte di mio padre mi fa pensare, anche perché ho scoperto solo in questi ultimi mesi che dal 2013 mio padre si era ammalato gravemente.
Lei ha temuto che alcune di queste opere darte potessero essere vendute allestero? I suoi fratelli però lo negano.
Grazie a una ricerca internazionale avviata dal mio avvocato Adriana Boscagli sui beni di famiglia siamo incappati in un procedimento internazionale dove sono state raccolte testimonianze che hanno affermato il tentativo di cessione della collezione Torlonia al Museo Getty e al Trust Getty. E abbiamo scoperto alla lettura degli atti che mio nipote Alexander Francis Poma Murialdo, che è anche il presidente della Banca del Fucino, sarebbe stato fisicamente a Los Angeles in data accertata per parlare con quelli del Getty. Pensi che gli intermediari dellaffare, querelanti del processo americano, sembrerebbe abbiano lamentato il mancato introito di 77 milioni di dollari solo di mancate provvigioni. Cifra che rappresenterebbe il 22 per cento del valore minimo di stima del prezzo che doveva pagarsi come corrispettivo.
Quindi 350 milioni di dollari
Esatto. Ma la stima vera supererebbe, secondo quanto si legge nelle carte americane, i 550 milioni di dollari.
Nellordinanza del giudice Vallillo si fa riferimento anche a operazioni societarie che farebbero confluire in Banca del Fucino beni dellasse ereditario diversi dalle statue. Mi spiega meglio questo passaggio?
Ci sono già quattro sentenze del Tribunale di Roma che hanno riconosciuto e sanzionato comportamenti a mio danno.
Soldi che dovevano servire a ripianare la situazione della Banca del Fucino?
Non mi faccia dire altro.
Come finirà questa guerra?
Che vuole che le dica? Mi auguro con un accordo.



news

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

25-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

Archivio news