LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torlonia, lite da 1,8 miliardi. E i pm indagano per falso
Ilaria Sacchettoni
Corriere della Sera, 23/11/2018

Il primogenito dopo il sequestro del patrimonio: firme apocrife


La guerra dei Torlonia approda anche in Procura. Lestate scorsa Carlo Torlonia, il primogenito del principe Alessandro, escluso dalla successione testamentaria, ha depositato un esposto ai magistrati nel quale denuncia la falsificazione della delega a partecipare e votare nelle società costituite dalla sua famiglia. Società amministrate dai familiari che contribuiscono alla gestione del monumentale patrimonio dei Torlonia.
Un passo indietro. Siamo fra il 2016 e il 2017: Alessandro Torlonia è seriamente ammalato e nomina alcuni familiari a rappresentarlo alle assemblee. Morirà a fine 2017 lasciando i beni ai figli Paola, Francesca e Giulio. Esecutore testamentario viene nominato il nipote Alexander Poma Murialdo (figlio di Paola). Ma, sostiene ora Carlo, quelle firme in calce alle deleghe sarebbero state manipolate. Un inciso, su questo punto, compare anche nel suo ricorso al tribunale civile, al quale Carlo si rivolge con lassistenza dellavvocato Adriana Boscagli, chiedendo che tuteli la propria eredità da cessioni e sperperi. Così scrive il primogenito dei Torlonia: Alessandro Torlonia partecipa ad assemblee delle varie società ove vige il potere assoluto della maggioranza semplice con firme di delega ovvero firme proprie in foglio presenza che perizie giurate indicano come apocrife.
La parola chiave è apocrife. Esposte le proprie ragioni ai giudici del civile, Carlo Torlonia si affida allavvocato Franco Coppi perché lo rappresenti anche in sede penale. Parte unindagine per falso del pubblico ministero Maurizio Arcuri che delega alla polizia giudiziaria verifiche su quelle firme. Il fascicolo ad oggi non ha indagati.
La vicenda, intanto, fa il suo corso in sede civile. Mercoledì il tribunale ha deciso di sottoporre a un sequestro conservativo beni per lequivalente di 1 miliardo e 800milioni di euro fra cui il Palazzo Torlonia di via della Conciliazione, il complesso immobiliare denominato Villa Torlonia (già Villa Albani) Villa Delizia Carolina e i terreni. A sostegno delle sue richieste Carlo Torlonia porta un argomento forte. Il patrimonio del principe, dice, è sul punto di essere ceduto per far cassa.
Paola, Francesca e Giulio, sostiene, starebbero costituendo ununica cassaforte immobiliare per ottenere liquidità da investire nella ricapitalizzazione dellindebitata Banca del Fucino alla quale partecipano. Non bastasse gli eredi Torlonia sarebbero sul punto di cedere al Getty Museum parte di quelle 623 statue marmoree (vincolate) che costituiscono la collezione più invidiata allItalia.
È facile intuire come detti beni rappresentino un patrimonio storico artistico di rilevantissima importanza a prescindere dal valore che rende irrisarcibile leventuale deterioramento degli stessi, denuncia Carlo Torlonia. Precisa la Banca del Fucino: Le vicende riguardanti i Torlonia, non afferiscono in alcun modo allattuale assetto proprietario e alloperatività della Banca.



news

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

07-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 7 aprile 2020

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

Archivio news